VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Il Digitech Bad Monkey è il prossimo Klon Centaur? La risposta di Josh Scott
Il Digitech Bad Monkey è il prossimo Klon Centaur? La risposta di Josh Scott
di [user #17844] - pubblicato il

Josh confronta il vecchio pedale Digitech con alcuni degli overdrive più osannati di sempre, e le quotazioni del Bad Monkey sull’usato salgono alle stelle. Ma l’autore del video prende le distanze.
“Si prega di ricordare che l’hype ridicolo che offende così in tanti non è opera mia”. Così si leggeva su una riedizione del Klon Centaur con cui il suo costruttore Bill Finnegan sembrava volesse esorcizzare una volta per tutte l’aura mitologica che chitarristi e collezionisti hanno appiccicato al suo overdrive.
Era il 2014, eppure quasi dieci anni più tardi il Centaur è ancora uno degli overdrive più quotati, venduto (e comprato) a prezzi da capogiro.

Il mercato è una bestia strana, e la storia si ripete quando Josh Scott, fondatore di JHS Pedals, decide di raccontare al suo pubblico le meraviglie di un pedale nato a metà anni 2000 e mai additato come un miracolo di elettronica.

Josh tiene da tempo una rubrica video su YouTube in cui racconta i propri effetti ma, soprattutto, quelli creati da altri. Si passa per lo più per rarità d’epoca, ma si finisce anche per riscoprire vecchie glorie o circuiti sottovalutati, piccole perle che ci si può portare a casa con poco sforzo e gran soddisfazione. Il Bad Monkey fa parte di quest’ultima categoria e, nel confrontarlo a tu per tu con dei veri mostri sacri, l’intenzione di Scott era dimostrare che a volte ci si può davvero accontentare di una strumentazione tutt’altro che esoterica, e comunque godersi un buon sound.



Il web, si sa, fa in fretta a capovolgere ogni ragionamento e il messaggio si è trasformato in: l’overdrive Digitech dà filo da torcere all’ODR-1, allo Zendrive, al Fulldrive e persino a sua maestà il Klon Centaur.
Inutile dirlo, nel giro di poche ore i prezzi sul mercato dell’usato sono schizzati alle stelle.

Il Digitech Bad Monkey è il prossimo Klon Centaur? La risposta di Josh Scott

È l’effetto Bluesbreaker che, da pedale apprezzabile venduto a un prezzo onesto, negli anni è stato elevato a oggetto di culto tanto da giustificare costose repliche a opera di molteplici costruttori fino a tornare a furor di popolo in una riedizione ufficiale Marshall all’inizio del 2023.

C’è chi si è scagliato contro Josh, in qualche modo ritenuto responsabile di un mercato dopato del quale, va detto, è stato anche lui vittima da buon collezionista di pedali rari e attuale possessore del primo Klon Centaur mai venduto.
Però non si tiene le accuse, e sulla pagina Facebook di JHS Pedals compare questo post:

A quelli che si lamentano che ho fatto alzare il prezzo di questo pedale e "ora non puoi comprarne uno", ricordo che hai avuto 19 anni per comprarne uno, ma non te ne è mai importato. Questo pedale ha quattro anni più di JHS come azienda, e la maggior parte dei chitarristi lo odia dal primo giorno. Nessuno ti ha impedito di provarlo nel 2004. Impara ad ascoltare con le orecchie e non con le tendenze, e sarai un chitarrista molto più felice.
Poi: la gente li proporrà a prezzi ridicoli, ed è estremamente facile non comprarli a quei prezzi. Aspetta e basta. Torneranno alla normalità, e la gente passerà alla prossima cosa.
Un'altra cosa: le persone che li mettono in vendita per 600 dollari e le persone che li comprano per 600 dollari sono due cose molto diverse. Mettiti comodo, rilassati e goditi la chitarra con quello che hai. Lo scopo dell'episodio era aiutarti a capire che quello che hai ti basta.

Il messaggio si commenta da solo, e chiunque stia correndo a recuperare dal cassetto l’impolverato Bad Monkey credendo di aver avuto il miglior overdrive di sempre senza essersene mai accorto può smettere di fregarsi le mani. È da sempre un bel pedale, soprattutto per quello che costa(va). Solo che ora è rovinato da un mucchio di gente che prova a lucrarci sopra.
bad monkey curiosità digitech effetti singoli per chitarra jhs pedals
Link utili
JHS mette in vendita il primo Klon Centaur mai prodotto
Marshall rimette il Bluesbreaker in catalogo
Mostra commenti     88
Altro da leggere
Perseus Dio è il fuzz Catalinbread con doppia ottava tra muri sonori e glitch analogici
Time Shadows è il delay pazzo partorito da EQD e DBA
Industria musicale contro le AI: è guerra aperta
IR-D: preamp valvolare a due canali con IR loader da Friedman
LPB-3: il booster EHX delle origini all’ennesima potenza
Wampler ingabbia e trasforma un classico anni ’90 nel Mofetta
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964