SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Violenza a due ottave nel fuzz KMA Mandrake
Violenza a due ottave nel fuzz KMA Mandrake
di [user #116] - pubblicato il

Due ottave regolabili individualmente provocano un muro di distorsione dalla grande flessibilità timbrica grazie a un doppio filtro in frequenza e gain.
Pianta mistica le cui radici celano proprietà intossicanti, magiche secondo la tradizione, la mandragora ispira il violento fuzz KMA con octaver regolabile incorporato. Il laboratorio definisce il Mandrake un Octo-Shrieker, e la chiave del circuito interamente analogico sta nella possibilità di regolare in modo separato il segnale diretto e quello raddoppiato all’ottava superiore, per dosare saturazioni estreme o leggeri crunch, toni caldi da synth o escursioni frizzanti nei registri più alti.

Basato sul Moai Maea introdotto nel 2017 dallo stesso laboratorio, rende l’ottava superiore ancora più presente e corposa, lavorando al contempo sulla risposta nel suo insieme mediante un filtro attivo incentrato sulla seconda armonica. Posizionato a monte dello stadio di gain, permette scolpire al meglio il suono prima che il circuito lo distorca e l’ottava venga generata lavorando sulle armoniche del segnale. L’espediente è pensato per garantire una trasposizione ancora più fedele e intelligibile, con un tracking accurato.



L’interfaccia dell’effetto è immediata, ma non è quella convenzionale per un circuito di distorsione.
In basso, due piccole manopole Dry e Oct+ permettono di dosare i livelli dei segnali generati dall’effetto. Diversi equilibri danno vita a timbri morbidi e appena saturi o schiacciati e pesantemente saturi, con tutto quello che c’è di mezzo.

In alto, il controllo Filter contribuisce a tenere a bada l’ottava superiore, smussandola man mano che si procede in senso orario. A bassi livelli di regolazione, la sua risposta è aperta, tagliente e sgraziata, mentre va ammorbidendosi fino a ricordare un sintetizzatore analogico d’annata quando la manopola è a fine corsa.

Timbre agisce sul gain dell’ottava superiore, decidendo quanto graffiante, compresso o percussivo deve essere il tipo di distorsione.

Violenza a due ottave nel fuzz KMA Mandrake

Il Mandrake sfrutta una circuitazione a componenti discreti e modella il fuzz su classici transistor, rivelando accorgimenti moderni quando lo sguardo si sposta verso il footswitch, un sistema true bypass per preservare l’integrità sonora sfruttando però la pressione morbida dei sistemi a relè.

Sul sito KMA Machines, il Mandrake è raccontato più nel dettaglio a questo link. in Italia, il pedale è disponibile con la distribuzione di Audio Distribution Group.
effetti singoli per chitarra kma machines mandrake ultime dal mercato
Link utili
Mandrake sul sito KMA Machines
Sito del distributore Audio Distribution Group
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Il Power Fuzz Wah di Cliff Burton è tornato
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
Marcus King al calcio d'inizio per i 50 anni di Taylor
La Gretsch Broadkaster di John Gourley in video
Keeley con Andy Timmons per il Muse Driver
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964