SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Alex Britti:
Alex Britti: "La trap? Come mio figlio di sei anni quando dice le parolacce"
di [user #17844] - pubblicato il

Per il chitarrista romano i trapper sono “come mio figlio di sei anni quando dice le parolacce e ride tutto divertito perché gli sembra di aver fatto chissà che”.
“Non dobbiamo dimenticarci che è rivolta ai ragazzini, quindi che non ci piace è normale”, e poi paragona la trap ai “Puffi” di Cristina D’Avena. Alex Britti sminuisce la trap e i trapper in un’intervista al podcast Tintoria.

In particolare agli occhi degli appassionati di musica suonata, virtuosismi e rock d’altri tempi, quello della trap è un fenomeno incomprensibile. Additata come una musica degenere dai media, cantata da pessimi soggetti e ascoltata da una generazione allo sbando (che poi è quello che si diceva del rock mezzo secolo fa, ndr.), la trap in realtà fa tenerezza al bluesman che, interrogato a riguardo, spiega: “A me, visto che li vedo come ragazzini, mi stanno simpatici. Anche se dicono boiate pazzesche, mi fanno scattare l’istinto paterno. Non sto lì a giudicare quello che dicono.”

Si può ascoltare il suo commento a circa 1:24:15 nel video: inutile dire che alla community dei rapper e dei trapper sono drizzati i capelli all’istante.



A mollare la bomba è la pagina Facebook Mondorap.it, con un estratto di poco più di un minuto in cui Britti smonta pezzo per pezzo tutto il movimento trap - piaccia o meno, specchio di una generazione o di una buona fetta di essa - catalogandolo come innocua “musica per ragazzini”.

Tra i commenti si legge chi accusa il chitarrista di poca trasparenza, rinfacciandogli di aver provato in passato collaborazioni con stelle emergenti della scena rap e trap per cercare di sfruttarne la scia (il che ricorda un po’ chi diceva che i Radiohead avrebbero dovuto ringraziare Vasco per aver fatto conoscere la loro “Creep”, ndr.).
Una presa di posizione forte e critica, che ha già sollevato un polverone. Per completezza d’informazione, occorre specificare che l’estratto che circola sui social si interrompe un attimo prima che Britti esprima simpatia e apprezzamento per diversi artisti rap e trap, confessando una passione per il brano “British” della Dark Polo Gang.
È inoltre interessante ascoltare un altro suo pensiero su rap e trap a circa 1:21:00 nel video precedente.



In effetti, Alex si era affacciato al genere con leggerezza e autoironia già nel 2020, quando con la produzione di Salmo e DJ Gengis cantava “Quanto ca##o sono Britti” in “Brittish”, con un evidente richiamo alla DPG.
Il testo tronfio e autoreferenziale non sembra appartenergli, anche il videoclip con tutti i cliché del mondo rap e dintorni non sembra cosa dal cantautore bluesman più famoso d’Italia, ma forse la chiave di lettura per il brano è esattamente lì.

alex britti curiosità interviste musica e lavoro
Link utili
L’estratto dell’intervista su Facebook
Mostra commenti     29
Altro da leggere
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Cornerstone con Jack Griffiths: "Il boutique è carattere, non componenti NOS"
Come Gibson antichizza un’acustica
A Sanremo il rock ha già stancato
Gibson e DiMarzio in tribunale: pomo della discordia è il PAF
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964