DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
FLEXeFX: pedali a rotelle
FLEXeFX: pedali a rotelle
di [user #17844] - pubblicato il

Il progetto di William Gadol è dedicato a tutti i chitarristi che vorrebbero poter regolare in tempo reale i parametri più disparati dei propri stompbox, modificando il tempo di un delay, il feedback o persino il mix tra due catene di effetti semplicemente scorrendo con il piede sul pedale, mentre si continua a suonare in libertà.
Il mercato degli effetti (a pedale e non) per chitarra è florido quanto mai prima. Tra analogici, digitali, repliche economiche e visionarie ricerche di sonorità inedite, i chitarristi non hanno che l'imbarazzo della scelta quando si tratta di colorare il proprio suono. Tanti effetti, però, con una comune limitazione: a patto di possedere controlli a bordo sulla chitarra o ingombranti pedali d'espressione a corredo, gli stompbox si limitano inevitabilmente a due suoni. Acceso, spento.

La possibilità di esplorare dal vivo le sfaccettature di ogni pedale, ricreando escursioni graduali di tono, gain, ritardi e quant'altro, come solitamente si fa con la post produzione in studio, dev'essere stato a lungo un tarlo di William Gadol, l'uomo dietro il curioso progetto dei FLEXeFX, i pedali a rotelle.

I pedali FLEXeFX si presentano sul mercato come l'ultima avventura musicale offerta su Kickstarter, il servizio online con il quale è possibile finanziare ambiziosi progetti di ogni genere, dai film a, per l'appunto, le nuove tecnologie.
L'idea di William, Billy per gli amici come lui stesso spiega nel video di presentazione sul sito web, è semplice quanto rivoluzionaria, forse mai presa in considerazione prima nella storia degli effetti per chitarra, o quantomeno non in questa forma.
Il progetto consiste in degli chassis per stompbox con due grosse rotelle sporgenti ai lati, al cui interno dovranno trovarsi i classici potenziometri del pedale, inclinati di 90 gradi rispetto alla loro posizione naturale. Grazie alle due rotelle, il chitarrista può modificare i parametri corrispondenti facendo scorrere il piede avanti e indietro sul pedale, esattamente come farebbe con il dito sulla rotellina di un mouse.
MXR aveva già affrontato in passato la problematica di modificare i settaggi in tempo reale col piede, aggiungendo una copertura in gomma per i potenziometri di alcuni dei suoi pedali, ma è fuori da ogni dubbio che uno scorrimento longitudinale sia di gran lunga più comodo che una torsione, per quanto diversi chitarristi amino giocare con quel tipo di controller (qualcuno ha detto Scott Henderson?).
L'approccio, per ergonomia, si avvicina di più a quello del pedale d'espressione, ma ne annulla l'ingombro, premettendo di fatto di inserire due controlli equivalenti a un pedale d'espressione nello spazio di uno stompbox di medie dimensioni, poco più largo di un Tubescreamer.


I chitarristi più focosi potrebbero temere di danneggiare il delicato potenziometro inserito nella rotellina, lanciandovisi sopra con foga durante un assolo, ma FLEXeFX ha pensato anche a loro: le rotelle sono fissate direttamente sullo chassis e solo una parte più interna è a contatto con l'alberello del potenziometro, rendendo praticamente impossibile romperlo, a meno che il violento chitarrista non pieghi prima l'alluminio di cui è fatto lo chassis. Una seconda obiezione potrebbe riguardare i due punti di fine corsa, lo zero e il dieci per intenderci, dove il potenziometro, spinto con forza, potrebbe spaccarsi. Ma anche qui Billy ha il suo asso nella manica: due fermi in metallo inseriti sotto la ruota bloccano il movimento contro un piolo fissato sullo chassis, mettendo ancora una volta un solido ostacolo in metallo tra l'esuberante musicista e la distruzione del suo stompbox. Prendendo la palla al balzo, il progettista ha ben pensato di rendere mobili i due piccoli fermi, in modo che l'utente possa posizionarli in punti diversi della ruota per variare in maniera meccanica il limite minimo e il limite massimo dell'escursione del pedale. All'atto pratico, se il chitarrista intende passare da un valore ben preciso a un altro durante un brano senza dover andare alla ricerca del settaggio esatto scorrendo attentamente col piede, non deve far altro che tirar via la rotella, posizionare i fermi ai due numeri corrispondenti, e suonare tranquillo che quei due saranno l'escursione minima e l'escursione massima. Insomma, si hanno a disposizione due bei preset meccanici, conservando la particolarità di passare gradualmente dall'uno all'altro mentre si suona.

FLEXeFX: pedali a rotelle

Il brevetto FLEXeFX si presta a diversi utilizzi con i pedali più convenzionali, e la linea offre già alcuni modelli mirati a mostrare al meglio le potenzialità delle due rotelle.

Il modello EXP+TT è la veste più ovvia dei pedali di Gadol. Il pedale consiste in un controller in cui i due potenziometri fungono da due pedali d'espressione e lo switch d'attivazione al centro è un tap tempo. Collegando lo stompbox a un delay esterno, per esempio, è possibile controllare tre parametri con un unico apparecchio, laddove la strumentazione convenzionale richiederebbe ben due pedali d'espressione e un tap tempo esterno. Insomma una piccola pedaliera a parte.

Il Tremolo Pedal, come il nome suggerisce, è un tradizionale tremolo anni '60, dove le rotelle regolano la velocità dell'oscillazione e la sua profondità. Sul dorso del pedale è aggiunta una manopola classica con la quale regolare, a mano stavolta, il volume per compensare eventuali perdite dovute all'effetto.

Gli amanti dei feedback più psichedelici, l'Analog Delay Pedal è una vera chicca. Ancora una volta il nome lascia poco all'immaginazione: lo stompbox arancione è un delay analogico ispirato all'Ibanez AD9, in cui l'utente può controllare con i piedi le ripetizioni e il tempo, e così dare il via al ricercato effetto di feedback generato dai delay analogici quando le ripetizioni sono portate all'infinito e il tempo ridotto al minimo. Chi ama questo genere di cose, e ha pensato almeno una volta di fissare un delay sulla chitarra per avere i due controlli a portata di mano, apprezzerà senz'altro l'arrivo delle due magiche rotelline.

La vera rivoluzione per il chitarrista, però, è il Mixer. L'ultimo stompbox della serie dà al musicista una totale libertà d'azione su due loop di effetti e sulla miscelazione dei segnali wet e dry. È come avere due slide di un vero mixer sotto il piede.
Con la rotella di sinistra è possibile passare da un canale all'altro, sempre in maniera graduale, miscelando le due linee per un suono contaminato da entrambe le catene o selezionandone una sola, portando il potenziometro a fondo scala da una o dall'altra parte.
Con la rotella di destra, si può miscelare il segnale della chitarra in ingresso con quello del mixer, ovvero del suono risultante dalla posizione del controllo sinistro, similmente a come si farebbe agendo sul potenziometro di un send return in parallelo di un amplificatore.

FLEXeFX: pedali a rotelle

L'avventura di William Gadol e dei suoi FLEXeFX non è ancora un realtà, ma non stupirebbe trovarsi, tra qualche tempo, uno dei suoi curiosi aggeggi ai piedi. A questo indirizzo è possibile scoprire nel dettaglio il suo progetto e contribuire alla sua realizzazione.
effetti e processori
Link utili
FLEXeFX su Kickstarter
Nascondi commenti     18
Loggati per commentare

l'idea è ottima oltre che ...
di zaloral [user #31722]
commento del 23/02/2013 ore 11:42:20
l'idea è ottima oltre che originale a patto che risulti comodo.
il piede si appoggia completamente sopra un wha, un pedale volume o d'espressione.
lasciarlo parzialmente sospeso potrebbe risultare scomodo e togliere concentrazione al musicista.
però finché non si proveranno non si potranno giudicare, sopratutto dal punto di vista sonoro.
Rispondi
===L'idea di William, Billy per ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 23/02/2013 ore 11:45:30
===L'idea di William, Billy per gli amici come lui stesso spiega nel video di presentazione sul sito web, è semplice quanto rivoluzionaria, forse mai presa in considerazione prima nella storia degli effetti per chitarra, o quantomeno non in questa forma==

direi che invece hanno copiato pari pari :

vai al link
< br/>e hanno fatto bene, io l'ho avuto ne primi anni 80 ed era comodissimo...
Rispondi
Re: ===L'idea di William, Billy per ...
di Chitarristascarso [user #36524]
commento del 23/02/2013 ore 12:16:06
Yaso mi hai anticipato di un soffio! Aveo il Phaser Maestro uguale al fuzz che hai allegato tu, grigio con le due rotellone e molto simile ai pedali di William. Bella idea.
P.S.: avendo parlato di pedali del 1980 si sarà capito che non siamo in terza media? : )
Rispondi
Re: ===L'idea di William, Billy per ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 23/02/2013 ore 12:22:32
io lo usavo in un gruppo che avevo messo su all'asilo nido...
Rispondi
Niente di nuovo sotto il sole.....
di FBASS [user #22255]
commento del 23/02/2013 ore 13:37:59
Ho il Maestro Stage Phaser che ho comperato, usato, a fine 1987, per abinarlo al Piano Fender Rhodes 88 Mark I° del 1966 ( ma comperato usato anch'esso a Napoli, nel 1986 ), ed è già dotato di due "rotelle" laterali, oltre al commutatore a tre posizioni, rotativo a sua volta e comandabile"By Foot" mediante rotazione dello stesso piede, pertanto non si è inventato niente di nuovo stò tizio, Ciccio il Napoletano.
vai al link
Rispondi
Già mi immagino...
di feidtublec [user #18093]
commento del 23/02/2013 ore 13:51:30
orde di chitarristi che perdono l'equilibrio on stage (specialmente dopo qualche birretta), tamponamenti a catena, strumenti che esplodono e schegge di legno impazzite...

L'idea comunque è interessante e innovativa.
Rispondi
Re: Già mi immagino...
di herrdoctor [user #18849]
commento del 23/02/2013 ore 14:07:09
ah ah ah
Rispondi
anch'io
di uallarone [user #36443]
commento del 23/02/2013 ore 14:32:2
ricordo i maestro...non per averli posseduti direttamente però :D
Rispondi
Interessanti, soprattutto il Mixer. ...
di Oliver [user #910]
commento del 23/02/2013 ore 23:35:43
Interessanti, soprattutto il Mixer.
Rispondi
Re: Interessanti, soprattutto il Mixer. ...
di gigius [user #32013]
commento del 24/02/2013 ore 19:32:48
Il mixer è di certo il pedale più interessante del gruppo, però i prezzi sono proprio da boutique.
Bella anche la possibilità di variare il volume di un distorsore, un colpo di piede e via con l'assolo...
Il foudraisin però è ancora in alto mare...
Rispondi
in ogni caso
di nicolapax [user #27042]
commento del 25/02/2013 ore 09:35:50
sembra la scoperta dell'acqua calda ed è geniale!!!! Perché le idee così semplici sono quelle che nessuno mai contempla per realizzare le cose?
A me piacciono 'sti pedali e mi sembrano veramente utili!
Rispondi
Re: in ogni caso
di JadJules [user #36635]
commento del 26/02/2013 ore 11:36:28
Concordo appieno! Appena lo vedi ti viene da dire:«Ma perché non ci ho pensato prima io?».
Secondo me è un'idea geniale; ovviamente va provato, magari è più facile a dirsi che a usarsi questo pedalozzo.
Se fosse molto pratico - come sembra - un altra idea potrebbe esserne farne uno senza effetti che serve solo per essere collegato a un altro pedalino per gestire i pot di quel pedalino direttamente con i rotelloni da piede (un po' complicato da spiegare ma forse mi avete capito).
Ovviamente dovrebbe costare poco, sennò sarebbe una truffa. Però forse ruberebbe posto in pedaliera... boh chissà! magari fra un anno lo fanno e diventa il pedale che ha rivoluzionato la storia del rock e io sarò qui a battere la testa nel monitor dicendomi:«ma perché non l'ho brevettata 'sta stronzata prima di aprir bocca?».
Rispondi
Re: in ogni caso
di nicolapax [user #27042]
commento del 26/02/2013 ore 14:34:55
Problema della realizzazione mai posto. Ho competenze di elettronica e circuiteristica (bello il neologismo eh?) da sottosviluppato. Mi offro come tester/endorser/front man dell'invenzione fin da adesso.
Un mio nipote che è uno smanettone invece ha già messo in moto il cervello. Aveva già deciso di autocostruirsi un overdrive clone dell'OD-1 prendendo scatola e circuiti in un noto sito per fan del DIY e anziché forare in alto la scatola per i 2 controlli, proverà a forarla ai due lati e metterci poi due rotelloni di gomma. Semplice e ovvio, quasi banale.
Spesa? sotto i 40 euro totali.
Rispondi
Con il piu' grande rispetto ...
di oTTovonkraun [user #33775]
commento del 28/02/2013 ore 01:23:39
Con il piu' grande rispetto delle opinioni altrui, direi che ci stiamo un pò complicando la vita con queste "innovazioni" delle quali, fino a ieri, nessuno sentiva la mancanza.
Rispondi
In realtà...
di viabcroce [user #13757]
commento del 28/02/2013 ore 04:38:00
... Tanto originale l'idea non è. Questo mi attizza molto... Chissà com'è in termini di controllabilità: vai al link
Rispondi
Bisognerà imparare a ballare in punta di piedi...
di Claes [user #29011]
commento del 01/03/2013 ore 18:21:19
...nella foga del momento dal vivo mi pare difficoltoso controllare il tutto - per esempio l'esatto delay riferito a un dato pezzo (BPM). Io fallirei di brutto!!!
Rispondi
Re: Bisognerà imparare a ballare in punta di piedi...
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 01/03/2013 ore 18:33:11
Fino a due canzoni, grazie ai pioletti di metallo all'interno, dovrebbe essere piuttosto maneggevole. Oltre credo che l'unica soluzione sia un pedale con preset richiamabili e si taglia la testa al toro.

D'altro canto, con dei controlli a rotelle, mandare un delay analogico in feedback giocando con le ripetizioni e il tempo dei ritardi dev'essere una goduria!
Rispondi
Re: Bisognerà imparare a ballare in punta di piedi...
di Claes [user #29011]
commento del 02/03/2013 ore 16:34:55
feedback delay? CERTO!
Rispondi
Altro da leggere
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Il trucco c'è ma non si vede
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
Two Notes ReVolt: amp sim analogico e valvolare con IR
AIRA Compact: strumenti Roland in tasca
JHS presenta l’ennesimo Tubescreamer, e spiega perché
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964