CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA
Posizionare il ponte di una archtop
Posizionare il ponte di una archtop
di [user #17844] - pubblicato il

Un chitarrista alla sua prima semiacustica, ma non solo, potrebbe rimanere a bocca aperta quando, al cambio corde, vede scivolare via rovinosamente il ponte della chitarra. Saperlo riposizionare e regolare è fondamentale per ritrovare suonabilità e intonazione.
Un chitarrista alla sua prima semiacustica, ma non solo, potrebbe rimanere a bocca aperta quando, al cambio corde, vede scivolare via rovinosamente il ponte della chitarra. Saperlo riposizionare e regolare è fondamentale per ritrovare suonabilità e intonazione.

Le chitarre archtop - acustiche e semiacustiche a cassa bombata tanto amate dagli insider di jazz, rockabilly e blues più tradizionale - hanno un fascino tutto particolare, ma sotto le loro forme voluttuose si celano alcune insidie che ogni chitarrista deve essere pronto ad affrontare.
Una delle considerazioni più comuni tra i musicisti alle prime armi, quando imbracciano la loro prima archtop, riguarda il ponte. Questo, che sia con sellette regolabili in metallo o con una sella unica simile a quelle delle chitarre acustiche, sugli strumenti assimilabili alla categoria delle "chitarre da jazz" è solitamente fissato su una base in legno. Quello che il novello jazzista non si aspetta è che quella base non è incollata né avvitata alla tavola della chitarra, ma è solo appoggiata.
A differenza delle chitarre dal taglio più moderno come le ES-335, che fanno uso di ponti tipo Tune-o-matic in metallo avvitati sul top e abbinati al relativo stopbar, le archtop tradizionali preferiscono un buon vecchio tailpiece fissato sull'estremità ultima della cassa e accoppiato a un ponte che, quando viene a mancare la tensione delle corde che lo premono contro la tavola armonica, scivola semplicemente via.

Il primo consiglio che si può dare a un chitarrista a cui capita di veder venire via il ponte della sua archtop è di non lasciarsi prendere dal panico. È del tutto normale, ma bisogna sapere come rimetterlo al suo posto con precisione millimetrica, altrimenti il diapason (lunghezza tra capotasto e ponte) risulterà sfalsato e l'intonazione dei tasti andrà a farsi benedire.
Nessuno vuole una chitarra stonata, quindi il procedimento illustrato è consigliabile all'acquisto quanto a ogni cambio corde.

Posizionare il ponte di una archtop

Quando si compra una chitarra in negozio, sotto il ponte dovrebbe trovarsi un piccolo rettangolo di materiale spugnoso, che serve a proteggere il top dai graffi. Siccome la chitarra va suonata prima ancora che ammirata, e siccome un oggetto del genere inibisce in parte la trasmissione delle vibrazioni dalle corde alla cassa, la prima cosa è rimuoverlo. Per farlo, bisogna "sdraiare" la chitarra a pancia in su sopra una superficie orizzontale, allentare le corde e, tenendo il ponte in posizione ma senza premerlo contro il corpo, far scivolare il foglio spugnoso.
Inevitabilmente, il ponte si sarà leggermente spostato rispetto alla sua posizione originale, ma con ogni probabilità avrebbe avuto bisogno comunque di una piccola regolazione.
Se il ponte è con sella in un pezzo unico, già compensata di fabbrica per le singole corde, si può già provvedere a posizionarlo. Se invece è in metallo con sellette regolabili individualmente, conviene prima posizionarle in una maniera simile a quella mostrata in foto. Questa configurazione è tra le più plausibili su una chitarra intonata, e piccole correzioni potranno essere eseguite in un secondo momento, quando si sarà stabilito il punto esatto in cui il ponte deve rimanere.

Posizionare il ponte di una archtop

Se per disgrazia il ponte è caduto e si sono persi i riferimenti della posizione originale, lo si piazza a occhio, più o meno a un dito di distanza dal pickup al ponte se si ha a che fare con una archtop dotata di un humbucker in quella posizione, o comunque nella parte più "panciuta" dello strumento. Solitamente, questa corrisponde per altezza al punto centrale delle buche a effe, ma l'equilibrio varia leggermente a seconda del modello come si può notare dall'immagine che segue. Una semplice foto trovata su internet può tornare utile a individuare l'area in cui poggiare il ponte.

Posizionare il ponte di una archtop

La distanza rispetto al manico, per ora, non è fondamentale. L'importante è assicurarsi che le corde siano spaziate in modo regolare e che spazio che corre tra le due corde Mi e i rispettivi bordi della tastiera sia uguale. Ora si può tornare ad accordare.

Con la chitarra perfettamente accordata, si procederà ora a pizzicare uno dei due Mi premendolo con delicatezza al dodicesimo tasto per verificarne l'intonazione. Se l'accordatore ci restituisce un Mi crescente, il ponte deve essere allontanato, se è calante va avvicinato. Conviene muoversi di pochi millimetri alla volta e accordare ogni volta lo strumento prima di ripetere il procedimento fino a trovare la posizione giusta per quel Mi.
A questo punto si farà lo stesso con l'altro Mi. Stavolta, invece di muovere tutto il ponte, lo si ruoterà facendo perno sul lato già stabilito avvicinando e allontanando solo quello su cui poggia la corda che stiamo pizzicando ora, perché altrimenti perderemmo l'intonazione ricercata con tanta fatica alla corda precedente.
Non è raro che ora il ponte non sia perfettamente dritto bensì inclinato da un lato, con la parte dei cantini più vicina al manico.

Una volta stabiliti i punti giusti per il Mi basso e il Mi cantino, si può procedere a regolare l'intonazione delle singole sellette, se possibile sul modello, seguendo la stessa regola di cui sopra: se la nota è crescente al dodicesimo tasto allontani la selletta, se è calante l'avvicini.
Per i ponti che non permettono la regolazione delle singole sellette il lavoro è finito. Si potrebbero riscontrare alcune imprecisioni minime legate alle corde usate o alla qualità dello strumento, ma bisogna farsele andare bene, e comunque raramente ne si sente il peso.

Qualora si volesse smontare le corde in un secondo momento per lavoretti di manutenzione o per montare corde nuove senza dover riposizionare da zero il ponte, un buon espediente può essere quello di fissarlo alla tavola armonica con alcune strisce di nastro isolante o scotch di carta fino a lavori terminati.

Sul suo canale YouTube, Gretsch aveva affrontato l'argomento alcuni anni fa mostrando tutto il procedimento in video. Per chi se lo fosse perso, eccolo di seguito.


Nota della Redazione: questo articolo fa parte della rubrica Entry Level. Cerca gli altri articoli contrassegnati con questo tag inserendo "#entry level" nel motore di ricerca del sito.

Posizionare il ponte di una archtop
chitarre semiacustiche entry level fai da te gretsch
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

Ottimo e interessante, aggiungerei che ...
di superloco [user #24204]
commento del 19/11/2014 ore 09:01:42
Ottimo e interessante, aggiungerei che

Con la chitarra perfettamente accordata si riferisce al Mi basso e mi cantino, le altre corde è meglio tenerle accordate molto più basse cosi da consentire un più facile scivolamento del ponte
senza scatti improvvisi. Tutto il resto è perfetto.

Rispondi
certo è che il sistema ...
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 19/11/2014 ore 09:31:50
certo è che il sistema cordiera/ponte appoggiato è molto comodo ai fini dell'intonazione... si può spostare tutto il ponte e le sellette. Questo ti apre un sacco di porte ed un sacco di possibilità... Certo è che non so quanto possa fare bene spostare il ponte sotto le corde in tensione e sulla vernice. Alla lunga... mah... normalmente io misuro la scala sul mi cantino per posizionare il ponte e poi faccio l'ottavatura agendo sulle sellette. Anche come fa questo della gretsch funziona... però...
Rispondi
cambiare una corda alla volta ...
di Sykk [user #21196]
commento del 19/11/2014 ore 12:46:47
cambiare una corda alla volta senza togliere prima tutte quelle vecchie
Rispondi
Re: cambiare una corda alla volta ...
di superloco [user #24204]
commento del 19/11/2014 ore 14:37:33
saggio consiglio... e se cambi il ponte perchè non ti piace segui i consigli qui sopra
Rispondi
Re: cambiare una corda alla volta ...
di micheled [user #18687]
commento del 19/11/2014 ore 16:44:25
Quello che faccio io da sempre
Rispondi
A proposito dello stopbar...
di guidomania [user #28202]
commento del 19/11/2014 ore 14:48:57
...che hai citato nell'introduzione, sarebbe interessante un articolo anche su quella regolazione. Ci sono varie teorie di pensiero, personalmente mi piacerebbe approfondire l'argomento e probabilmente non sono il solo!
Rispondi
Pat Metheny
di lollofunky [user #15563]
commento del 21/11/2014 ore 09:34:59
Pat Metheny ci metteva sulla Gibson un pezzetto di Gaffer Tape nero, sicuramente non bello ma molto funzionale se uno cambia le corde spesso :)
Rispondi
Se la chitarra non è nuova....
di gfcampus [user #36852]
commento del 12/12/2014 ore 10:52:40
...come la mia Ibanez, tolto il ponte resterà una impercettibile zona più "nuova" o più "chiara", perchè nascosta dalla luce dal ponte. Così è facile riposizionare il ponte.
Scusate se magari può sembrarvi una vaccata....
Rispondi
di biolotti [user #13907]
commento del 02/12/2017 ore 18:40:07
Chiedo aiuto
Godin Fifth Avenue con ponte mobile
Ho acquistato questo strumento ma ho motato che il ponte era scivolato in basso (dalla parte del mi cantino) portandomi fuori asse tutte le corde sia rispetto al manico che rispetto ai pickup. Portata in negozio a far sistemare, riaccordata. A casa dopo alcuni brani di nuovo il medesimo problema. Bisogna forse agire sulle due viti presenti sui lati dell’attacca corde? Perché non è possibile che mi scivoli in basso solo suonandola.
Rispondi
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
PEAVEY VALVEKING 112 AMPLIFICATORE VALVOLARE 50 W RIVALVOLATO TRATTABILE FOOTSWITCH
Visualizza l'annuncio
Visualizza l'annuncio
Zoom Q3 HD
Altro da leggere
Da chitarra standard a baritona
Gibson ES-335 1958-1962: evoluzione, caratteristiche e suono
Comet: la semihollow Harmony sbucata dagli anni ’60
Come sono indie: Fender Jaguar handmade
Perché la buca a effe ha questa forma?
Gretsch: Duo Jet e le altre solid body anni '50
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964