CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
BIAS chiude il cerchio: arriva il Modulation Pedal
BIAS chiude il cerchio: arriva il Modulation Pedal
di [user #116] - pubblicato il

Il software di progettazione e simulazione BIAS si è fatto amplificatore, distorsore, delay e adesso anche modulazione a pedale. Positive Grid presenta BIAS Modulation, l'ultimo anello per una catena del suono interamente programmabile da tablet e PC.
Nato come software di amp modeling con la singolare capacità di personalizzare i preset fino alla scelta dei componenti elettronici che costituiscono i valvolari replicati digitalmente, BIAS ha dato vita negli anni a una fortunata serie di applicazioni dedicate alle distorsioni prima, ai ritardi e alle modulazioni poi. Nel frattempo, il prodotto di punta della software house Positive Grid è diventato anche un amplificatore fisico in cui l'utente può memorizzare i suoni creati nel suo home studio attraverso il software originale, e ha avuto di recente compagnia con gli stompbox BIAS Distortion e l'ultimo arrivato, BIAS Delay. Ora tocca a BIAS Modulation coronare il lavoro, portando nelle pedaliere dei chitarristi tutto l'universo di modulazioni visto solo su schermo con la app BIAS Pedal.

BIAS chiude il cerchio: arriva il Modulation Pedal

Come gli altri stompbox Positive Grid, BIAS Modulation nasconde un potente processore dedicato alla costruzione di un preciso stile di effetti, consente la memorizzazione di numerosi preset e lascia ampio spazio di personalizzazione anche senza ricorrere a computer e tablet, grazie a un pannello particolarmente approfondito.

Tutti coperti da solidi knob in metallo, i controlli di Depth, Rate, Tone e Intensity sono sufficientemente intuitivi per chiunque abbia mai tenuto tra le mani un effetto di modulazione, e neanche il potenziometro Level per il volume generale ha bisogno di spiegazioni. Chi ama la categoria non avrà problemi a orientarsi anche con le sonorità dello switch LFO, una levetta a tre posizioni che permette di scegliere l'onda modulante tra una sinusoide, un'onda triangolare e una quadra.
Spiegare il ruolo delle manopole Tweak 1 e Tweak 2 invece non è altrettanto immediato, perché di fatto il loro compito cambia a seconda dell'effetto sintetizzato e di quanto deciso dall'utente in fase di progettazione. Bisogna ricordare che la filosofia BIAS si basa sulla costruzione di effetti praticamente da zero, agendo via software fino nei minimi dettagli relativi all'azione dei potenziometri o alla struttura stessa del circuito virtuale che si intende ricreare, replicando caratteristiche dei più famosi effetti analogici e digitali in circolazione, dal comportamento dinamico alla scelta dell'alimentazione e la conseguente pasta sonora. In questo, la gamma Positive Grid è in grado di vantare una versatilità impressionante.

BIAS chiude il cerchio: arriva il Modulation Pedal

Non da meno è la flessibilità per l'uso sul palco, grazie ai tre footswitch per altrettanti effetti pronti all'uso e un tap tempo con cui sincronizzare qualunque effetto con il brano che ci si appresta a suonare.
Gli amanti del MIDI non restano a bocca asciutta, perché sul dorso dello chassis sono presenti anche due porte di In e Thru per comandare parametri e preset.

Per chi preferisce agire "alla vecchia maniera" o vuole editare in rapidità i suoni impostati, personalizzazioni e memorizzazione dei suoni sono accessibili con la manopola Preset. Come per gli altri stompbox della gamma BIAS, le memorie sono tutte personalizzabili, ma il Modulation offre già una gamma di effetti di fabbrica da cui partire. Oltre ai tre preset liberi, il selettore rotativo permette di scegliere tra chorus, phaser, flanger, vibrato, tremolo, ring modulator e rotary speaker.
Il processore consente inoltre di sommare e sincronizzare in un solo preset fino a due modulazioni: una basata su tempo e filtro, l'altra su ampiezza. È possibile quindi creare un unico suono che combini uno a scelta tra chorus, vibrato, flanger, rotary e phaser con un effetto tra tremolo, pan, ring modulator e autoswell.

BIAS chiude il cerchio: arriva il Modulation Pedal

Come i suoi predecessori, il Modulation garantisce una programmabilità totale attraverso il software BIAS Pedal, disponibile per iPad ma anche per Mac e PC, coi quali lo stompbox comunica attraverso la porta USB che può fare anche da presa d'alimentazione, qualora l'alimentatore della pedalboard non dovesse avere un'uscita da 9 volt libera.

Completato da ingressi e uscite stereo, l'ultimo arrivato nel catalogo Positive Grid jack consente anche il collegamento di un pedale d'espressione esterno per la regolazione in tempo reale di parametri a scelta.
Appena mostrato al pubblico del Musikmesse di Francoforte, il BIAS Modulation sarà presto disponibili anche in Italia con la distribuzione di Face.

bias modulation effetti e processori positive grid
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
BIAS su Accordo
BIAS Head su Accordo
BIAS Distortion su Accordo
BIAS Delay su Accordo
BIAS Modulation sul sito Positive Grid
Sito del distributore Face
In vendita su Shop
 
ELECTRO HARMONIX - STEREO TALKING MACHINE
di Music Works
 € 227,10 
 
DBX 266-XS COMPRESSORE LIMITATER GATE A RACK 266XS
di Borsari Strumenti Musicali
 € 129,00 
 
Samson S-3 Way
di Banana Music Store
 € 211,00 
 
Boss VE-2 Vocal Performer
di Centro della Musica
 € 169,00 
Visualizza il prodotto
Omnitronic Geq-2310 Equalizzatore A Due Canali
di Music Delivery
 € 169,00 
 
Takamine GD20CE-NS CHITARRA ACUSTICA ELETTRIFICATA DREADNOUGHT Spedita Gratis
di Dream Music Studio
 € 418,00 
 
Cort G100HH
di Guitars & Co
 € 139,00 
 
Linear Fill (Erik Tulissio)
di Accordo.it
 € 20,00 
Mostra commenti     5
Altro da leggere
​Z Drive 5532 l’overdrive one knob
Fuzz Talk: perché preferire il fuzz all’overdrive
Posizione effetti con l'overdrive dell'ampli
Fuzz Talk: si fa presto a dire fuzz
Fuzz Talk: non solo rock alternative
GT-1000 Core: multi-fx Boss più compatto e potente che mai
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964