HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato
di [user #116] - pubblicato il

Estremamente versatili e ciascuno con le sue precise peculiarità, i nuovi ride Paiste della serie Master Dry ed Extra Dry sono accomunati da una pasta di suono che possiamo descrivere con questi aggettivi: definita e molto precisa. Assecondano anche il playing più articolato ed estroso senza mai togliere eleganza al suono e debordare nell’arrangiamento. Infatti, il loro pregio maggiore è che il suono resta sempre controllato. Scopriamoli in questo test comparato.
Non appena estratti dalla confezione, restiamo stregati dalla finitura di questi piatti: impossibile restare indifferenti. Colpisce l’effetto visivo dei cerchi concentrici grigi che si stagliano sulla brillantezza del bronzo sottostante e fanno pendant con l’elegante grigio uniforme della parte inferiore del piatto.
Questi piatti pur nella loro complessità di differenti sfumature, hanno una versatilità estrema comune.
Due aggettivi, su tutti, sembrano accomunarne le pasta di suono: definiti e molto precisi.
Pur non sentendoci di negar loro alcun tipi di applicazione stilistica (nel rock e derivazioni estreme sono uno spasso) in stili musicali moderni tipo R&B, HipHop, Pop e Funk ci sono sembrati superbi. Assecondano anche il playing più articolato ed estroso senza mai togliere eleganza al suono e debordare nell’arrangiamento.
Infatti, il loro pregio maggiore è che il suono resta sempre controllato.
Il feel sulla bacchetta è morbido e piacevole da suonare. Si gode con un ping caldo e pronunciato ma che coincide sempre con un carattere asciutto del suono che non straripa nemmeno quando si  suona con tanto vigore: una gioia per i fonici! In tante situazioni, infatti, la voce dei piatti finisce fuori controllo sovrastando il suono dei fusti. Dal vivo, soprattutto se il batterista è particolarmente energico, si rischia che il suono dei piatti  rientri nei microfoni dei colleghi musicisti presenti sul palco, scatenando problemi  e grattacapi per i fonici. 
Ovviamente, la loro predisposizione a un suono sempre controllato non inficia la  gamma dinamica e di feel che ci si aspetta da un ride tradizionale.
Questa una serie di considerazioni generali che ci sembrano descrivere le caratteristiche comuni e il carattere dell’intera serie. Ora scopriamoli nel dettaglio.

Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato

Dry 20”
E’ il piatto con più brillantezza. Ha il sustain più spiccato di tutti, morbido alla bacchetta e con il suono definito che abbiamo appena decantato.
Data anche la dimensione, se suonato con energia tende a crashare con un bel volume e il suono che decade velocemente.
Ha un’ottima gamma dinamica colpendolo con la punta. La campana ha un suono forte e compatto con una risonanza piuttosto prolungata. Il suono è caldo e questa è una caratteristica di tutta la linea. Fa di sicuro buona figura in ambito rock. Ma è spaziale sulle ritmiche funk.

Extra Dry 20”
E’ il  rocckettaro della serie. Ha  tutte le caratteristiche di un ride tradizionale, un decadimento istantaneo e un volume non eccessivo.
Forse, questo Ride è leggermente meno versatile del primo, di sicuro, consigliato a chi ha la mano un po’ pesante. Se suonato con la punta ha un buon corpo; il suono è ancora più scuro del primo e il feeling, colpendolo, è un risposta più più rigida, ferma. Per farlo crashare  - anche se non sarebbe il suo lavoro - c’è proprio bisogno di forza. Il suono della campana è più controllato del Dry 20” e ha un volume leggermente inferiore.

Extra Dry 21”
Eccoci al piatto più versatile di tutti. Pare unire le migliori caratteristiche  dei due appena visti con il valore aggiunto di una dimensione sonora ancora più generosa.  Questo piatto ha tanto corpo, tanta ciccia. Scuro quanto basta, si apprezza per una voce delicata pur essendo un extra dry.  La campana ha un ottimo volume, un bel sustain e crashandolo si ottengono suoni cupi e decadimento immediato.
Super flessibile ma con una sua spiccata identità. Il nostro preferito.

Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato

Dry 22”
In questa serie dalle sonorità scure, un altro piatto che si apprezza per la brillantezza, definizione e grande versatilità. Il feel con la bacchetta risulta morbido e il suono è incredibilmente dolce. Come tutti i ride di queste dimensioni la campana ha un volume importante e il sustain è il più lungo della serie. Buona definizione con la punta e al crash suona molto potente con il suono che decade rapidamente.  

Extra Dry 22”
Consigliatissmo per chi suona tanto live, magari in piccoli club. Il volume è il più basso della serie ma tutte le gamme dinamiche sono restituite intatte a ogni colpo di bacchetta.
Questo extra dry mette davvero in risalto il suono della bacchetta: nonostante il decadimento immediato e il volume ridotto, davvero, non perde nulla in termini di calore e musicalità. Il piatto da una sensazione di controllo e un ottima precisione al suono. Non crasha praticamente mai, neanche se suonato con molta energia. La campana ha un bellissimo tono, decade velocemente e ha un ottima definizione.  Super versatile,  come  l’Extra Dry 20” può essere d’aiuto a chi ha la mano pesante.



Test e approfondimenti di Jonathan Vitali
dry extra dry paiste ride
Link utili
Il sito di Aramini distributore italiano di Paiste
Il sito di Paiste
Altro da leggere
Pubblicità
Linear Fill: il metodo di batteria ...
Ellade Bandini: copiare da tanti...
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di...
Pubblicità
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi...
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie...
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani....
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16...
Niente tempi difficili con Marco Minnemann...
Il batterista e l'ingegnere...
The Groove Control...
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo...
Adam Deitch: Reggae & Dancehall...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità....
Questione di resistenza...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964