HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La storia del delay
La storia del delay
di [user #116] - pubblicato il

Quando è nata l'idea di usare il nastro magnetico per imitare il fenomeno acustico dell'eco? Lo racconta JHS in un video, con tutto quello che è venuto dopo.
Quasi tutti gli effetti musicali che inondano oggi il mercato dei pedali e dei plugin sono nati con una forma molto diversa da quella che conosciamo. Alcuni hanno preso vita quasi per caso, altri per veri e propri errori, altri ancora sono scaturiti da estenuanti ricerche. Per il delay, la prima scintilla è stata il connubio tra tecnologie elettroniche e meccaniche al fine di tentare di replicare un effetto acustico conosciuto come eco: la ripetizione di un suono con un ritardo nel tempo causato dalla rifrazione delle onde contro una barriera molto distante dalla fonte sonora.

A raccontarne i primi passi fino alle evoluzioni più moderne e impensabili è Josh Scott, il creatore di JHS Pedals. Josh ha avviato di recente un proprio vlog su YouTube e ha dedicato una puntata a quello che ritiene essere uno degli effetti più distintivi del suono chitarristico in tutte le sue sfumature.
Il video parte dalla storia del primo delay a nastro per continuare poi alla scoperta dei primi circuiti analogici basati su chip bucked brigade e concludendo infine con i più recenti delay digitali.
Il tutto è condito con esempi suonati e una sfilata di unità echo d'annata e pedali di ogni epoca provenienti dalla ricca collezione privata dell'autore. Non mancano naturalmente diversi prodotti JHS, che potete trovare anche in Italia nei negozi serviti dalla distribuzione di Gold Music, ma la lista offre diversi spunti per conoscere modelli più rari o riscoprirne di storici.



Il vlog di Josh Scott conta già alcuni video pronti per essere visti. Si affrontano i temi più caldi della chitarra elettrica, come le origini del fuzz o un'analisi sull'eterna lotta tra analogico e digitale, che proponiamo di seguito.
Buona visione!

curiosità effetti e processori jhs pedals
Link utili
Sito JHS Pedals
Sito del distributore Gold Music
Altro da leggere
Pubblicità
Black Truck: la flessibilità Mooer colpisce...
Valeton AD10 analog delay in meno di 3 etti...
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack...
Fuzz al silicio o germanio? Big Joe...
Pubblicità
Commenti
di Claudio80 [user #27043] - commento del 17/06/2018 ore 15:08:07
Interessante!
Rispondi
Loggati per commentare

di simonec78 [user #13803] - commento del 20/06/2018 ore 01:34:26
Quanti bei pedalini!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
XTC: Xotic reinterpreta gli anni ’50 oggi
L'output della chitarra è più basso del normale
di maxx
Valeton OD10: nella botte piccola
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Bitcrusher: come funziona
I più commentati
Vox testa l’AC30 monocanale 1x12
XTC: Xotic reinterpreta gli anni ’50 oggi
Martin mostra in video la gamma 2018
Batteria: 50 dischi fondamentali. "Toto IV" dei Toto
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
I vostri articoli
Fender Modern Player Telecaster Plus
DigiTech Obscura Altered Delay
Sterling St Vincent Signature
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964