HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Non ascoltare il metronomo. Sentilo
Non ascoltare il metronomo. Sentilo
di [user #116] - pubblicato il

Sentire è un verbo che indica il provare una qualche sensazione fisica. Si può sentire con l'udito ma anche con il resto del corpo. Per questo il Soundbrenner Pulse Metronome ci è piaciuto da pazzi. Perché sprona a una percezione fisica, tattile del tempo. E' uno strumento che balla, pulsa e si muove con noi guidandoci sul portamento del groove. E, al contempo, preserva il bene più prezioso di ogni musicista: le sue orecchie.
Il  Soundbrenner Pulse Metronome si presenta con un ricercato packaging ricordando confezioni di prodotti hi-tech di ottima fattura; l’anta frontale nasconde dietro di se il cuore pulsante - nel vero e proprio senso della parola - del metronomo che è a vista, sotto una protezione di plastica trasparente.
Dentro la confezione, troviamo la stazione di carica e il suo cavo microusb - usb, due cinturini in silicone per indossare il Sounbrenner su braccio, polso e caviglia, manuali di istruzioni e due adesivi. Inoltre, è anche disponibile, come accessorio, il cinturone per  portare il Sounbrenner al petto.

Non ascoltare il metronomo. Sentilo

Si indossa facilmente, come un orologio, ed è sorprendente la facilità di funzionamento; girando la ghiera e appoggiando le due dita sulla superficie del metronomo lui, con una luce e una vibrazione in “crescendo”, ti fa capire che si è acceso; basta poi battere il tempo su di esso e voilà, il  Soundbrenner inizia a tenere il beat vibrando regolarmente alla velocità rilevata. Naturalmente,  è possibile aggiustare finemente la velocità, aiutandosi con la ghiera rotante sulla sua circonferenza. 
Collegarlo all’app è facilissimo; basta aprire l’app sullo smartphone, schiacciare l’icona e lui si connette automaticamente via bluetooth. L’app permette una varietà di personalizzazioni proprio interessanti: dal tipo e intensità di vibrazione che si preferisce fino al colore; è possibile salvare preset di tempo e di bpm; si può cambiare la divisione del battito. E, decisivo per la sicurezza nelle performance live, permette di vedere la percentuale di carica della batteria. In ogni caso, dopo averlo provato intensamente per qualche settimana, possiamo dire che l’autonomia della batteria è ottima e riesce a coprire tranquillamente un concerto o diverse sedute di studio. 

Non ascoltare il metronomo. Sentilo

Le modalità di utilizzo sono proprio tante. Con l’applicazione si possono creare set e librerie personalizzate con cui, per esempio, potete creare un database di velocità e tempi delle vostre esecuzioni.
Ci è piaciuto in azione nel contesto band. Immaginate di utilizzarlo alle prove con il vostro gruppo; Il chitarrista si lancia in un riff formidabile; voi da attenti batteristi battete i tap sul metronomo, prendete il tempo, e iniziate a guidare il vostro groove sull’esecuzione. Questo è permesso dalla reattività con cui il soundbrenner riesce a rilevare il tempo con il tap; ne bastano solo tre, e lui riesce a convertire quei tap in una velocità oggettiva. Inoltre, potete collegare più metronomi ad un solo device così da poter gestire il tempo a tutta la band. Tutti in griglia, in un colpo solo. Non male!
Tutte queste risorse tecnologiche, non devono inibire: la facilità di utilizzo è quasi imbarazzante e permette un utilizzo spontaneo, come quello del metronomo classico al quale siamo abituati.

Non ascoltare il metronomo. Sentilo

Due gli aspetti che ci sono piaciuti di più. Il primo è la fisicità, il fatto di arrivare a sentire e percepire il tempo come un elemento concreto, fisico che ci pulsa letteralmente addosso. La vibrazione del Soundbrenner si avverte chiara e decisa sul corpo anche se va consigliata un po’ di pratica per prendere l’adeguata confidenza: da sempre abituati a un riferimento acustico è del tutto giustificabile l’esigenza di abituarsi a una maniera nuova di sentire il tempo.  Ma, una volta raggiunta,  abbiamo troviamo entusiasmante l’affidare la percezione del groove non all’udito ma a una pressione, un battito che avvertiamo sul corpo. Un elemento che balla, pulsa e si muove con noi guidandoci sul portamento del groove. 
Certo, proprio questa che è la peculiarità dello strumento e suo punto di forza, lo rende forse sovradimensionato per l’entry level totale. Crediamo che per il batterista o musicista che affronta i suoi primi studi di solfeggio, lettura e rudimenti, il Soundbrenner rischi di essere sovradimensionato.
Il secondo aspetto, decisivo, è il confort acustico.

Non ascoltare il metronomo. Sentilo

Immaginate di uscire da un’ intensa sessione di studio o un live indiavolato, dove - oltre al suono del vostro strumento che semmai è il minore dei mali - vi siete sparati in cuffia, per ore e a volumi indecenti, un click dalle frequenze più fastidiose. Al termine sarete diversamente straniti!
Il Soundbrenner quindi, è anche uno strumento prezioso anche per tutelare il bene più prezioso di ogni musicista, le sue orecchie.
Noi l'abbiamo provato da batteristi e con un occhio di riguardo a questa categoria. Ma circoscriverlo a un solo strumento ci pare davvero riduttivo.
Per qualunque musicista e strumentista in cerca di un riferimento ritmico, potrà essere un ottimo compagno di lavoro.
Per non parlare dei ballerini, a cui offrirebbe la possibilità di coordinarsi in improvissazioni e passi a due, anche senza la musica ma lasciandosi guidare dal solo pulsare del tempo
Questo metronomo ci è piaciuto molto: l’idea degli sviluppatori è talmente ambiziosa che potrebbe generare una vera e proprio rivoluzione. 



Video, analisi e test di Jonathan Vitali.
Link utili
Il sito della Sounbrenner
Soundbrenner sul sito del distributore italiano, Backline
Altro da leggere
Pubblicità
Adam Deitch: batterista e produttore...
Questione di resistenza...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità....
Pubblicità
Adam Deitch: Reggae & Dancehall...
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo...
Il batterista e l'ingegnere...
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato...
Adam Deitch. Suonare la batteria Dubstep: influenze...
Quando il batterista è diventato protagonista...
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"...
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica...
Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere...
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come l'aglio"...
Sordine gel Wambooka: magnificamente appiccicose...
Commenti
di chikensteven [user #45729] - commento del 04/07/2018 ore 14:30:52
carina l'idea di mun metronomo tattile... da ipovedente sarei troppo curioso di provarlo
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 04/07/2018 ore 15:19:05
molto interessante, magari ottimo se un'intera band ne è provvista.
anche il costo in sè non è proibitivo: 98 euro sul sito dei Crucchi
Rispondi
di Rock_N_Roller [user #44314] - commento del 10/07/2018 ore 22:30:1
Il fatto che tutti potrebbero avvertire lo stesso tempo in una volta sola è incredibile!
Rispondi
di MojoKingBee [user #39456] - commento del 11/07/2018 ore 14:56:10
in tempi non sospetti scrissi qui che desideravo una applicazione simile per il mio smartband di allora (lo xiaomi mi band*). ho letto che però l'implementazione questo soudbenner non è delle migliori (vedete i commenti su amazon). inoltre a differenza di altri trovo che il costo attorno ai 100 euro sia tipo 4volte tanto quello che merita.

non mi convince

(*) vai al link
primo commento
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964