HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Taylor K24CE bella fuori e dentro
Taylor K24CE bella fuori e dentro
di [user #116] - pubblicato il

La Taylor K24CE è interamente realizzata in Koa, con l’innovativo sistema di bracing a V sviluppato proprio da Taylor. L’abbiamo messa alla prova nelle mani di Paolo Antoniazzi.
La K24CE è già passata sotto le nostre grinfie, ma ci ritorna con qualche aggiornamento. È interamente realizzata in Koa, un’essenza con una voce davvero particolare, oltre che un aspetto unico. Il modello della prova è completamente fiammato. 

Sviluppato dal progettista Andy Powers, il V-Class Bracing consiste in due listelli che si uniscono alla base della cassa armonica e attraversano la tavola allargandosi verso le spalle, descrivendo appunto una V.
Tale disposizione garantirebbe rigidità in senso longitudinale alle corde per ottenere sustain e flessibilità in senso trasversale per consentire al top di vibrare liberamente e produrre così note ricche e dal gran volume. La Taylor che abbiamo messo nelle mani di Paolo oggi è stata il primo modello su cui è stato sperimentato il nuovo sistema che potrebbe mandare in pensione il più classico X bracing che accompagna le acustiche da quasi 100 anni. 

Il manico è in mogano tropicale, con finitura satinata e un profilo sottile a C. La tastiera, impreziosita dagli inlay spring vine è invece in ebano, nero e compatto. 

Taylor K24CE bella fuori e dentro

Invariato il sistema di amplificazione che resta l’Expression System 2. Questo è composto da tre differenti trasduttori piezoelettrici, posti appena dietro l’osso del ponte. Questa tipologia di amplificazione permette di restituire al meglio la complessa timbrica dello strumento. 

La K24CE è uno strumento bellissimo da vedere, ma una volta imbracciato si rivela anche perfetto da suonare. Con le forme arrotondate e il peso tutto sommato contenuto si fa apprezzare da subito per la suonabilità. 

L’action raso terra e il manico sottile permettono subito di trovare confidenza e feeling. Con una scalatura di corde più grande si potrebbe probabilmente scendere ancora con l’azione rendendo la Taylor una macchina da corsa. 

Il Koa si fa apprezzare un un timbro caldo e corposo. Unito alle dimensioni generose della cassa riesce a tirare fuori dalla buca un volume impressionante che non perde di definizione, però, nemmeno quando si spinge l’asticella delle dissonanze e si creano accordi complessi. Ogni nota resta percepibile senza difficoltà. 

La complessità della voce acustica, però, non è messa in ombra dall’elettronica. Questa, grazie al perfetto posizionamento, permette di ottenere un suono credibile pur entrando in diretta nell’impianto. Non si dovrà fare nulla per restare soddisfatti da quello che sta uscendo dalle casse, se non limare leggermente le frequenze per adattarsi alla tipologia di PA (un tappo anti feedback è raccomandato). 



La K24CE è una chitarra bellissima e, come tutte le cose bellissime, ha un prezzo bello altino. Vale però ogni centesimo perché mette sul campo caratteristiche di prim’ordine e una comodità pazzesca in grado di mettere a suo agio chiunque e non stancare mai.

Visita il sito Taylor
chitarre acustiche k24ce taylor
Link utili
Sito Taylor
Altro da leggere
Pubblicità
Concerto e Concertina per la fascia media...
Korg aggiorna l’accordatore da buca...
George Gruhn svela i 5 ingredienti per una...
Epiphone con Peter Frampton per due edizioni...
Pubblicità
Commenti
di franklinus [user #15063] - commento del 03/09/2018 ore 11:45:4
il top in koa,seppur bellissimo,non può dare le intere risposte tonali di un top in abete(adirondack,sitka etc.),enfatizza i suoni "midrange"(come scrive Taylor sul sito)anche per questo è usato per gli ukulele e strumenti di piccola taglia,suonerà senz'altro bene amplificata ma,personalmente,con quasi 5000 euro,c'è l'imbarazzo della scelta per una super acustica "tradizionale"
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Il ponte si inclina se uso il top wrap
Supro disegna un ampli mangia-pedali con Keeley
Jackson Mick Thomson: Floyd Rose contro corrente
La Firebird di Slash diventa Epiphone
V4: canali valvolari extra a pedale da Victory
I più commentati
Il ponte si inclina se uso il top wrap
V4: canali valvolari extra a pedale da Victory
La Firebird di Slash diventa Epiphone
Trasforma la chitarra in un synth 8 bit con un kit fai-da-te
Jackson Mick Thomson: Floyd Rose contro corrente
I vostri articoli
Una stratoide di nome Silver Sky
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Fender Modern Player Telecaster Plus
DigiTech Obscura Altered Delay
Sterling St Vincent Signature
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964