CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Il lato “rancido” del sound Gretsch
Il lato “rancido” del sound Gretsch
di [user #116] - pubblicato il

Tra i capostipiti del punk rock californiano, i Rancid hanno sdoganato le archtop nelle sonorità più dure e Tim Armstrong ne è divenuto un'icona alternativa.
Quando si pensa a Gretsch, alle orecchie della stragrande maggioranza dei chitarristi arriva un suono dolce e brillante, dove dei profondi bassi honky tonk tengono il ritmo mentre le melodie cantano di Cadillac e cowboy. Una coppia di Filter’Tron sa dire molto più di questo e un intero filone stilistico ha dimostrato che quelle grosse casse cave che hanno delineato il carattere del rockabilly sono anche capaci di overdrive sostanziosi e suoni violenti come pochi.

Il lato “rancido” del sound Gretsch

Tim Armstrong, con i suoi Rancid, ha contribuito a definire stile e sound del punk californiano e, dall’inizio degli anni ’90, fa scuola nel campo.
In un ambiente popolato di solid body, la grossa hollow body mancina di Tim spicca come una mosca bianca. Anche la musica della sua band ne è influenzata e si riconosce alle prime note. Le distorsioni graffianti di un punk rock da manuale si alternano ad accenni solisti puliti e a ritmiche in levare prese in prestito dallo ska dove il carattere della archtop torna più evidente, svelando dettagli e sfumature del tutto singolari per il genere.
Secondo Armstrong, quell’alchimia è dovuta a una precisa miscela di elementi costruttivi che fanno delle sue Gretsch delle perfette macchine da overdrive pur senza rinunciare al proprio DNA.



In un video ufficiale in cui mostra le sue chitarre preferite alle telecamere del canale YouTube Gretsch, Tim Armstrong tira le somme delle caratteristiche che lo hanno portato a individuare il suo strumento ideale.
Il manico deve essere interamente in contatto col body anziché sospeso, come invece accade per le archtop di stampo tradizionale, di tipo jazz box o sulla scia delle Gretsch vintage. Ciò renderebbe il suono più resistente ai fenomeni di feedback, conferendo insieme un sustain di tutto riguardo allo strumento. Altri dettagli progettuali sono meno in vista, ma altrettanto importanti e pertanto ripresi dalla stessa Gretsch quando la collaborazione tra i due ha portato alla nascita di un modello signature.

Il lato “rancido” del sound Gretsch

La G5191BK dedicata a Tim Armstrong, una Electromatic a spalla singola nell’appariscente finitura satinata nera con hardware dorato, adotta un bracing tipico per Gretsch, compromesso ottimale tra la risonanza di una hollow e la stabilità di una semihollow.
Il particolare parallel tone bracing che si cela sotto le grosse buche a effe contornate di bianco consiste in due listelli paralleli dotati di piloncini che mettono in contatto top e fondo della cassa in due punti, alla base del manico e all’altezza del ponte, su entrambe le “ali” della chitarra. Tanto basta per far sì che il feedback sia sì presente ad alti volumi, ma del tutto controllabile e non inneschi quando non richiesto.
I cinque strati di acero contribuiscono a creare una superficie rigida e sostanziosa, contrapposta alla “pelle di tamburo” ricercata negli strumenti dall’impronta più acustica. Sono invece un must le caratteristiche standard come il manico in acero e la tastiera in palissandro. Per quest’ultimo, Tim ha voluto un raggio da 12,5 pollici su cui posare 22 jumbo fret, ottenendo una suonabilità moderna su uno strumento d’impianto comunque retrò. Il diapason di soli 24,33 pollici contribuisce a dar vita a un oggetto suonante e suonabile, dal tono caldo e dalla presa morbida.

Il lato “rancido” del sound Gretsch

La voce elettrificata ha in serbo l’ultimo accorgimento speciale. Gli immancabili Filter’Tron sono qui in versione Blacktop, un’edizione ispirata alla Baldwin Era per la quale i tecnici Gretsch hanno studiato a fondo un fortunato esemplare degli anni ’70 al fine di carpirne timbro e risposta. Il risultato è un pickup tradizionale, ma sorprendentemente a suo agio con la saturazione.

Tutt’oggi presente in catalogo, la Gretsch di Tim Armstrong è disponibile, naturalmente, anche in versione mancina.
chitarre semiacustiche g5191bk gretsch tim armstrong
Link utili
G5191BK Tim Armstrong sul sito Gretsch
G5191BK Tim Armstrong mancina sul sito Gretsch
Mostra commenti     5
Altro da leggere
G2622: una Gretsch non come le altre
G5622T: una Gretsch come si deve
Godin cede al fascino del twang
Top in acero e tastiera in noce: in test la Jet Electromatic G5220
Joe Bonamassa dimostra la sua ES355 limited
Piccola, canterina e retrò: in prova la Gretsch G9531
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964