DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Le due dinamiche della batteria
Le due dinamiche della batteria
di [user #48873] - pubblicato il

L’utilizzo della dinamica nella musica è di fondamentale importanza e rappresenta un efficace mezzo espressivo a nostra disposizione, qualunque sia lo strumento che si suoni.Nel caso della batteria, poi, una buona gestione della dinamica è più che indispensabile. Sfruttare la dinamica può dare molti benefici a un batterista: tra tutti la capacità di adattarsi all’ambiente in cui ci si trova a suonare, e saper rispettare il contesto musicale nel quale si è calati. Ma una buona dinamica aiuta persino ad ottenere un suono migliore dal proprio strumento.


In questa lezione, analizzeremo due dinamiche fondamentali della batteria.  
Russ Miller, grande session man e didatta americano, spiegava che è possibile identificare due dinamiche principali nella batteria: la dinamica esterna e la dinamica interna.
Per dinamica esterna, si intende quanto forte viene suonata la batteria nell’insieme musicale in cui è calato.
Avere il controllo del volume generale, è davvero molto importante ed è un tipo di capacità che va studiata con con l’aiuto di un metronomo.  Va benissimo esercitarsi suonando con le cuffie praticando sopra ai propri dischi preferiti, se possibile registrando ogni sessione di pratica.
Si osserverà che, in generale, suonando forte si tende a correre; suonando piano a rallentare.
Quindi, avere un riferimento preciso in fase di studio è fondamentale per evitare di consolidare o peggiorare cattive abitudini.
Suonate con l’aiuto di un click qualsiasi cosa vi faccia piacere: personalmente suggerisco di partire da cose semplici, passando dal fortissimo al pianissimo e preoccupandosi di rimanere sempre perfettamente a tempo, fino a raggiungere una condizione di comodità e relax.

Le due dinamiche della batteria

Nel esempio 1del video suono un semplice groove prima forte e poi piano. Passando da un registro dinamico all’altro, cerco di non perdere il flusso ritmico, il tempo metronomico e il bilanciamento degli elementi del set.
Questo è solo un punto di partenza ovviamente. Lo studio può essere reso più approfondito variando la velocità e sfruttando tutto il range dinamico. Può aiutare immaginare di avere un pomello del master del volume applicato alla batteria e, girandolo a piacere, di dover assecondare con l’esecuzione i cambi di dinamica e volume.
Per dinamica interna, invece, si intende il rapporto tra i vari elementi del set.
Ogni genere musicale richiede un determinato equilibrio sonoro tra piatti e tamburi. Ciò nonostante, uno degli errori più comuni che capita di sentire – e non solo dai batteristi alle prime armi -  è quello di suonare il charleston troppo forte.
Non c’è niente di più fastidioso del sentire una cassa e un rullante inconsistenti con un charleston pestato come solo un fabbro saprebbe fare!
Nell’esempio 2del video eseguo un esercizio che all’apparenza potrebbe sembrare ingannevolmente semplice,
Bisogna suonare groove semplice alternando la dinamica del charleston tra forte e piano. Mentre lo si fa bisogna concentrarsi nel non perdere la consistenza di cassa e rullante che dovranno suonare sempre forte. Il tutto andrà praticato usando, ovviamente, un click.
Una considerazione importante: ho mantenuto la dinamica del charleston entro una gamma ragionevolmente musicale: esagerare il pianissimo e, soprattutto, il fortissimo potrebbe rendere sgradevole e sgraziata l’esecuzione, vanificando il senso pratico dello studio. 


 
lezioni di batteria
Link utili
Il sito di Cristian Colusso
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Steve Vai dalla parte di un batterista
La batteria di "Satch Boogie"
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Basso e batteria in cinque
Una batteria per Capossela
Batteria in assolo
Cesareo: mai fidarsi del batterista
PFM: doppia batteria o batteria doppia?
Batteria: inverted paradiddle
Linear Fill: il metodo di batteria
Adam Deitch: batterista e produttore
Batteria: 50 dischi fondamentali. Lateralus dei Tool
Adam Deitch. Suonare la batteria Dubstep: influenze
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista
Batteria: 50 dischi fondamentali. "The Madness of Many" Animals As Leaders
Kenny Aronoff: qual è il segreto di un batterista di successo
Batteria: suonare "Seven Days" di Sting
Registrare la batteria: due errori da evitare
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Batteria: scegliere la bacchetta perfetta
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964