CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Migliora i tuoi accompagnamenti Musica Ribelle
Paolo Pilo lo conosciamo tutti per la rubrica Migliora i tuoi accompagnamenti, sulle pagine di Accordo praticamente da quando esiste Accordo. Oggi vi parlerà di Musica Ribelle di Eugenio Finardi, ma c'è anche un'importante novità! Da ora Paolo è disponibile per lezioni in presenza e online, scopri come contattarlo all'interno dell'articolo. Continua...
di redazione [user #116]
3
Eugenio Finardi - Anima Blues
platoblues scrive: C’è una sensazione di dolcezza e amarezza assieme nell’ascoltare e recensire questo bel capolavoro. E’ la dolcezza che si prova di fronte all’espressione compiuta di un uomo che ha serbato in se, nel silenzio degli anni, le note più intime e profonde, quelle che se si lasciassero librare prematuramente non riuscirebbero a cantare l’essenza di un’anima e…se le si facesse attendere oltre modo imploderebbero dentro. Amarezza perché questo fiore nasce autoprodotto nel deserto discografico italiano, lontano dalle autostrade radiofoniche nazionali e dalle onde sonore che vi scorrono radenti, fin nelle orecchie di chi la musica spesso la ‘consuma’ solamente. Ma forse è giusto così: Anima Blues è un ‘disco’ che ama l’intimità e la condivisione tra amici, il passaparola, quello che ormai rimbalza pure da un sito all’altro, cantando le lodi di Eugenio Finardi. Continua...
di platoblues [user #3866]
4
Eugenio Finardi ascende al cielo
Eugenio Finardi è una persona che ha del coraggio. Abbandonato ormai da un po’ di tempo il coté del cantautore (l’ultimo disco suo è “Accadueo” del 1998, Eugenio si ricicla come cantante di valore, ogni tanto in grado di piazzare ancora la “zampata” autorale, nel 2001 con “Fado” assieme a Marco Poeta e oggi con “Lo spirito e il silenzio”. Che non è un disco facile. E nemmeno interamente riuscito. Ma è un lavoro con una forza interna e con alcuni episodi di grande spessore. Come si era già confermato con “Verranno a chiederti del nostro amore”, Finardi è un ottimo esecutore di Fabrizio De André. Perché non cerca di rifarlo tale e quale, compito impossibile, ma ne rende una versione personale. E il miracolo si compie anche questa volta con “Il ritorno di Giuseppe” che (detto da un deandreiano come me suona quasi a bestemmia) è quasi meglio dell’originale. Di grande livello anche la cover di Battiato: “Oceano di silenzio”. Continua...
di Leon Ravasi [user #4]
0
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Boss GT-1000 Core: grande la metà, potente uguale
“Il Volo Tribute To Ennio Morricone” il 5 giugno 2021 all'Arena d...
Brian Johnson: l'autobiografia “The Lives Of Brian” in uscita ad o...
Cantare Italiano intervista a Sara Gamarro
I pickup per basso di Leo Fender
Zucchero: rinviati al 2022 i concerti all'Arena di Verona
Lo stile di Mateus Asato
Surfy Industries Surfybear: Riverbero a molle nel 21esimo secolo
La Jackson Kelly si veste di Green Crackle con Brandon Ellis
Cort MIX5: un combo per suonarle tutte
Ligabue: rinviato al 2022 il tour "Europe"
Max Casacci: “The Queen” il brano cantato dalle api
Gary Kemp: “Ahead Of The Game” il singolo che anticipa il nuovo al...
Goldie: tre gold foil per la Music Man di St Vincent
I Grandi Classici: MXR Distortion Plus

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964