DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Yamaha RSS02T: in prova la Revstar aggiornata al 2022
Yamaha RSS02T: in prova la Revstar aggiornata al 2022
di [user #116] - pubblicato il

Body scavato con tecniche di Acoustic Design, due P90 combinati in cinque posizioni più un Focus Switch passivo: testiamo sul campo la Yamaha Revstar Standard RSS02T aggiornata al 2022.
Yamaha è motori, strumenti musicali, fuoribordo e potenti due-ruote che convivono sotto lo stesso tetto di chitarre, batterie e pianoforti, tutti in grado di toccare vette di altissima qualità dietro lo scudo dei tre diapason.
Quando ci si muove in territori così eterogenei è quasi impossibile che le diverse passioni non finiscano per sfiorarsi, talvolta fondersi, partorendo commistioni di stili che danno una forma concreta a legami da sempre esistenti nell’immaginario del pubblico, come il filo rosso che lega il più aggressivo degli strumenti musicali - la chitarra elettrica - al più audace dei mezzi di trasporto - la motocicletta.
Due simboli di libertà per eccellenza in un unico corpo di legno e saldature: è questa la genesi della serie Revstar, chitarre elettriche ispirate per estetica, stile e impronta alle moto Cafè Racer che impazzavano a Londra e a Tokyo negli anni ’60.

La serie Yamaha Revstar si aggiorna al 2022 con un’intera collezione di strumenti, ampliati per forme, colori e contenuti. All’appello rispondono finiture metallizzate, goldtop, con racing stripe fino al singolarissimo Sunset Burst che sfuma dal giallo verso il marrone, da una spalla all’altra della chitarra. È nell’appariscente finitura Swift Blue, invece, la RSS02T su cui abbiamo messo le mani e che ci apprestiamo a raccontarvi.

Yamaha RSS02T: in prova la Revstar aggiornata al 2022

La RSS02T fa parte della serie Standard, prodotta in Indonesia per una fascia di prezzo adatta a studenti e giovani professionisti.
Come tutte le sue compagne, vede un body leggermente più grande rispetto ai modelli introdotti nel 2015 e sfoggia una struttura interna inedita, fatta di camere tonali disegnate attraverso la tecnica che Yamaha definisce “Acoustic Design” per controllare la risposta timbrica dello strumento e contenerne al contempo il peso.

Il modello si distingue in catalogo per i due P90 e l’abbinamento di un ponte fisso a sei sellette con un tailpiece a trapezio di derivazione archtop, elementi che lasciano immediatamente immaginare una predisposizione dello strumento al rock classico, al blues e a tutti quei generi in cui si ha bisogno di corpo, incisività e tanto carattere.

Yamaha RSS02T: in prova la Revstar aggiornata al 2022

I magneti sono a base Alnico V, corposi nel suono ma caratterizzati da una spiccata brillantezza e apertura sulle alte, ed è intorno ai due pickup che Yamaha ha costruito un “motore” sonoro dalla flessibilità inaspettata.
Il circuito è controllato da un selettore a cinque scatti, che fornisce posizioni intermedie dalle sfumature inedite, per viaggiare tra combinazioni più rotonde nella risposta ai tipici suoni svuotati, legnosi e percussivi delle bobine in parallelo e dei giochi di fase.
In aggiunta, sotto il potenziometro dei toni si cela un dispositivo indicato con Focus Switch, un filtro passivo che lima le frequenze più acute e sposta l’attenzione verso i medi, facendo in modo che la chitarra trovi il suo posto nel mix con maggiore precisione e donando una voce per certi versi più vicina a quella di un humbucker.

Chitarra a scala corta da manuale, con body in mogano e top in acero incollati a un manico in mogano, la RSS02T è leggera - non leggerissima - grazie alla struttura chambered e garantisce stabilità del setup a qualsiasi condizione climatica con due rinforzi in carbonio.

Yamaha RSS02T: in prova la Revstar aggiornata al 2022

Il manico è accogliente, offre una presa salda senza sacrificare la predisposizione a eseguire parti veloci con tutta la scorrevolezza di una finitura satinata, per quanto la sua naturale inclinazione sia senza dubbio quella degli stili esecutivi più classici. La tastiera in palissandro, ben rifinita come ci si aspetta da Yamaha, ha un raggio da 12 pollici in grado di regalare buone sensazioni in prima posizione per l’esecuzione di accordi e riff, quanto nelle zone più avanzate per affrontare con pulizia intricati chord melody.

L’abbiamo testata al Blap Studio di Milano con l’aiuto di Cristian Concio.



Dal jazz al rock fino a degne escursioni nell’hard rock e nel metal, la Yamaha RSS02T si dimostra uno strumento variegato nel suono, ma non per questo impersonale. Il suo timbro è quello di una chitarra vintage, con una sensazione di “legno” sempre ben presente a cui si affiancano le ampie possibilità di personalizzazione date da un’elettronica ben al di sopra degli standard per la categoria.
Le cinque posizioni e il Focus Switch offrono suoni che altrove, semplicemente, non esistono. Tutto a vantaggio della creatività del musicista in una chitarra che - in una fascia di prezzo accessibile, medio-alta - si rivela affidabile, bella da guardare e assai piacevole da maneggiare quanto da ascoltare.

L’intera serie Revstar aggiornata al 2022 merita senza dubbio un approfondimento, dalle entry level della collezione Element, passando per le Standard fino al top di gamma Professional di fabbricazione giapponese. Sul sito Yamaha, sono tutte a questo link.
chitarre elettriche revstar rss02t yamaha
Link utili
La serie Revstar sul sito Yamaha
Mostra commenti     11
Altro da leggere
La sottile inesistenza del vintage
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
PRS celebra 10 anni di S2
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Yamaha THR100H Dual
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964