CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]
di [user #116] - pubblicato il

Il masterbuilder avrebbe pubblicato una vignetta profondamente scorretta sul suo profilo Facebook, un gesto che secondo alcuni gli sarebbe costato il licenziamento.
A poche ore di distanza dal ciclone mediatico che ha investito il fondatore di Fulltone, c'è una nuova tempesta che stavolta si abbatte su John Cruz. Uno tra i più stimati Master Builder di casa Fender avrebbe pubblicato un post molto sgradevole sulla sua pagina Facebook, e questo gli sarebbe costato il posto di lavoro.

Secondo il magazine Gearnews, Cruz avrebbe postato un meme sarcastico e a sfondo violento, ironizzando sulle proteste che stanno scuotendo gli USA dalla morte di George Floyd.
Il post non risulta ora essere pubblico sulla sua pagina. La notizia arriva imprevedibile: solo pochi giorni fa, un comunicato stampa con firma del CEO Fender Andy Mooney esprimeva solidarietà nei confronti della comunità afroamericana e della popolazione impegnata nelle proteste.

Mentre scriviamo, la vicenda non trova ancora conferma ufficiale dalle parti chiamate in causa. Tuttavia, il nome di John Cruz appare depennato da una versione del catalogo Custom Shop 2020 appena resa disponibile online a sostituire quella di ieri. Il bassista Gregor Fris, tra i primi a mostrare indignazione per l'accaduto, sul suo profilo Facebook, spiega: "Fender mi ha chiamato e abbiamo avuto uno scambio amichevole e costruttivo circa l'incidente. A questo punto, John non è più un dipendente Fender".

In un momento tanto difficile per l'intera umanità, di questa vicenda - qualora confermata, ma sono pochi i dubbi - si sarebbe davvero fatto a meno. Rinunciamo a dare visibilità  o commentare la squallida immagine che John Cruz avrebbe condiviso e che sta girando in Rete in queste ore, perché la riteniamo indegna delle nostre pagine.
La musica deve unire. Per questo anche noi, da musicisti contrari a qualunque violenza e discriminazione, intendiamo limitarci a manifestare la nostra solidarietà al management Fender per il coraggio dimostrato. Non è facile per unmanger - soprattutto in momenti di una profonda crisi mondiale - privarsi della collaborazione di uno dei più celebrati masterbuilder in nome di un ideale. Il mangement di Fender l'ha fatto, dimostrando di essere una grande azienda, anche oltre gli iconici strumenti che produce da oltre settant'anni.
 
Seguiremo la storia da vicino in attesa di dichiarazioni a riguardo da parte di John Cruz e Fender, nella speranza che l'intera storia si riveli infondata.

Aggiornamento del 9 giugno 2020. La notizia è confermata da un portavoce dell'azienda: "Fender has terminated its relationship with Custom Shop Master Builder John Cruz, he is no longer with the company". Dopo queste parole il portavoce ha aggiunto che "Fender would issue no further comment as a matter of policy”.
curiosità fender john cruz
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Fulltone al centro delle critiche
La notizia su Gearnews
Il comunicato Fender
La brochure Fender con John Cruz
La brochure Fender senza John Cruz
Il post di Gregor Fris
In vendita su Shop
 
SQUIER - Bullet Telecaster LF Black 0370045506
di Music Works
 € 169,00 
 
REMO RT-0010-00 PRACTICE PAD 10" - ALLENATORE PER BATTERIA 10 POLLICI
di SL MUSIC
 € 28,50 
 
Vic Firth 8D
di Banana Music Store
 € 11,50 
 
gibson les paul custom sunburst 1974
di Scolopendra
 € 4.200,00 
 
EVH 5150III 100S 6L6 Head Stealth 2250256000 Made in Mexico (incluso Footswitch)
di Penne Music
 € 1.549,00 
 
Boss RC-500 Loop Station
di Esse Music Store
 € 261,25 
 
QUIKLOK STR/613k 1 bk cavo adattatore 2 rca /2 rca 1 mt
di Borsari Strumenti Musicali
 € 9,00 
 
OSCAR HERRERO MIRAGUA ALEGRIAS PARA GUITARRA FLAMENCA LIBRO PER CHITARRA FLAMENCO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 15,00 
Nascondi commenti     61
Loggati per commentare

di alexus77 [user #3871]
commento del 09/06/2020 ore 03:40:03
In linea di massima, non mi piace che compagnie si intromettano nella vita privata extralavorativa e che licenzino in base alla libera espressione di pensiero. Unica eccezione, discorsi che incitano alla violenza, e in questo caso a mio avviso Fender ha fatto bene, anche prima di ovvie considerazioni su come un nome che tira vendite e che e' di fatto un brand debba evitare esternazioni stupide che possono essere associate al marchio.
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 09/06/2020 ore 04:56:29
Credo che sia comunque da rimarcare che negli Stati Uniti c'è una cultura aziendale e - in generale - regole molto diverse nel campo lavorativo a rispetto all'Italia. Forse sbaglio, ma penso che in Italia sarebbe molto più difficile licenziare in tronco un dipendente di un'azienda per un post privato (seppure pienamente criticabile). Comunque la questione è spinosa. Nel caso del fondatore della Fulltone il pubblico e i clienti hanno giustamente il diritto di boicottare i prodotti della ditta (il post mi pare fosse uscito sulla pagina ufficiale della Fulltone). Ovviamente qui il problema è che una grande ditta licenzia un dipendente per un post privato che non riguarda specificatamente l'ambito lavorativo. In questa circostanza tutti possiamo condividere (giustamente) lo sdegno per il post di Cruz, ma un domani potrebbe non essere così facile decidere dove sia "il giusto".
Rispondi
di coprofilo [user #593]
commento del 09/06/2020 ore 07:45:40
In realtà anche da noi sarebbe possibile un licenziamento per un motivo simile.
Ad esempio nel contratto dei metalmeccanici è scritto che il lavoratore che provochi grave nocumento morale o materiale all'azienda può incorrere nel licenziamento senza preavviso.
Se sei una "icona" aziendale e scrivi bestialità sui social puoi essere licenziato.
Poi è diritto del lavoratore rivolgersi al giudice per stabilire la legittimità o meno del licenziamento.
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 09/06/2020 ore 08:52:27
Si, nel caso di Cruiz e' una scelta ovvia. Lui non era un semplice impiegato, ma un vero e proprio brand per trainare vendite. Idem per il boicottaggio di Fulltone, il nostro doveva tenersi le sue opinioni per se stesso se voleva evitare danni alla compagnia che porta il suo nome.
Pero' negli USA stiamo vedendo licenziamenti di gente anonima che ha scontri con persone ripresi in video... ora, non che non mi faccia piacere vedere un maledetto razzista licenziato, ma al tempo stesso mi sembra un'intromissione eccessiva, un'interferenza nella liberta' di pensiero, anche se un pensiero spregevole. Ad esempio la tipa che a Central Park ha chiamato la polizia contro una persona - nero - che le aveva chiesto di mettere il guinzaglio al cane... ok, una vera bastarda, ma non si e' presentata dicendo "io sono Karen e lavoro per la Vattelapesca Inc."... pero' il datore di lavoro l'ha scaricata subito. Un conto e' la giustizia penale e civile, ma l'intervento dei datori di lavoro in vicende personali extralavorative, per quanto discutibili, sta diventando a mio avviso eccessivo. Questo il senso del mio ragionamento, e sia ben chiaro non e' l'ennesima versione dell'aforisma attribuito a Voltaire, tutt'altro. Semplicemente credo che il compito di rispondere non sia di un datore di lavoro, se questi non e' parte lesa o chiamata direttamente in causa, come nel caso di Cruz.
Rispondi
di coprofilo [user #593]
commento del 09/06/2020 ore 09:23:27
Negli States ci sono molte meno tutele rispetto a qui.
Tieni conto però che per loro mentire è una cosa inaccettabile, se ti ricordi il caso Clinton - Lewinsky il problema non fu tanto la relazione ma il fatto che lui avesse giurato il falso.
Questa ha mentito alla polizia per mettere nei guai una persona che era dalla parte della ragione, la fiducia in una persona finisce dopo un episodio del genere.
Io sono sempre dalla parte del lavoratore, intendiamoci, però soprattutto in questi anni bisogna stare molto attenti perché quello che fai nella tua vita privata può avere ripercussioni nella vita lavorativa.
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 10/06/2020 ore 01:05:09
Ci vorrebbe un giurista per capire fino a che punto un datore di lavoro può spingersi in questi casi. Sta di fatto però che, se pubblichiamo qualcosa su un canale social...questo qualcosa non è più privato, ma pubblico.
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 09/06/2020 ore 16:33:2
Grazie per la precisazione. Mi è venuto poi in mente in Italia il caso dell'insegnante licenziata qualche
anno fa per aver apostrofato a male parole dei poliziotti durante una manifestazione di protesta. Anche lì il caso creò molte polemiche giustamente. Come scrivevo sopra rimango sempre un po' perplesso in casi come questo, nel senso che a me sembra un'arma a doppio taglio. Da una parte può sembrare giusto che una datore di lavoro punisca un dipendente che affermi cose percepite come socialmente e moralmente inopportune. D'altro canto una prassi del genere (oggi come oggi facilmente implementabile visto l'uso dei socials) può veramente divenire una forma di censura. Questo lo dico pur ribadendo che anch'io sono assolutamente contrario al post di Cruz che ho trovato poco rispettoso e di cattivo gusto.
Rispondi
di pierinotarantino [user #29514]
commento del 09/06/2020 ore 06:46:55
Quando lavoro per una azienda e il tuo nome
Si lega a quest’ultima, devi stare attento a quello che dici. Puoi ledere l’immagine di fender.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 09/06/2020 ore 07:35:21
"Non e' facile per un'azienda - soprattutto in momenti di una profonda crisi mondiale - privarsi della collaborazione di uno dei più celebrati masterbuilder in nome di un ideale. Fender l'ha fatto, dimostrando di essere una grande azienda, e non solo per gli iconici strumenti che produce da oltre settant'anni. "....sono d'accordo al 100%.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 09/06/2020 ore 08:47:04
Non ho letto il post razzista,mi sembra incompatibile essere amanti del rock ed essere anche razzisti.
Però tutto è possibile.
Anche essere un grande master builder ed una grande testa di cazzo contemporaneamente.
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 09/06/2020 ore 08:54:54
Uno screenshot e' disponibile su questa pagina
vai al link
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 09/06/2020 ore 10:10:02
Visto.
Che schifo.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 09/06/2020 ore 10:28:06
Mi sento di dire che qui siamo addirittura oltre il razzismo, è violenza verbale, derisione macabra e profonda ignoranza. Che tristezza, a questo punto spero vivamente in un hackeraggio.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 09/06/2020 ore 11:21:03
Concordo, qui non è solo razzismo, è stupidità umana, povertà d'animo.
Rispondi
di Logan72 [user #20857]
commento del 09/06/2020 ore 21:38:12
Grande.... quoto in toto
Rispondi
di Ghesboro [user #47283]
commento del 09/06/2020 ore 08:57:11
Visto quello che sta accadendo in America mi stupisco sia ancora vivo e cammini sulle sue gambe..
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 09/06/2020 ore 09:07:3
Esatto, ma non è nero.
Ecco perché.

Altrimenti...
Rispondi
di Ghesboro [user #47283]
commento del 09/06/2020 ore 09:15:08
Pensa se fosse stato esquimese. Una tragedia.
Rispondi
di edgar587 [user #15315]
commento del 09/06/2020 ore 09:04:06
Non so....a me questa corsa alla correttezza, nel momento in cui più l'impellenza mediatica lo richiede, puzza. Oltre ad essere un atteggiamento tutto americano. Non sappiamo cosa abbia scritto di tanto salace John Cruz, ma per esempio il patron della Fulltone si è dovuto scusare con la coda tra le gambe per il solo essersi lamentato dei saccheggi impuniti e non controllati, a danno dei piccoli commercianti. Lo hanno tacciato di essere dalla parte del sistema.
Solo a me ricorda tanto il putiferio scatenatosi con "Metoo", in cui all'improvviso tutti si sono ricordati di essere stati i chirichetti abusati da qualcuno, trasformando per esempio la carriera di Kevin Spacey in un inferno di cause legali, per poi essere timidamente riabilitato, una volta scoperto che non era assolutamente imputabile di nulla?
Ricordiamoci che mamma Fender è prima di tutto una multinazionale, che produce in Cina a bassissimo costo, che usa le economiche manine di messicani per far aumentare i margini di profitto. E che fa un'analisi costi/benefici quando decide di prendere una decisione drastica come l'allontanamento di un personaggio importante ma lesivo della propria immagine.
Quindi non idealizziamo troppo questa decisione, a Scottsdale si saranno sentiti mettere le mani in tasca, e si sono fasciati la testa in maniera lungimirante.
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 09/06/2020 ore 09:54:20
Concordo pienamente.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 09/06/2020 ore 12:09:55
vai al link non solo non idealizzo la decisione di Fender, ma la trovo pienamente fondata. Se a te pare un post da niente, hai qualche problema...
Rispondi
di edgar587 [user #15315]
commento del 09/06/2020 ore 13:27:47
Ok, vedendola è da condannare, sicuramente. Un personaggio iconico e pubblico nella musica dovrebbe e deve risparmiarsi queste esternazioni balorde, ancorché black humour. Ma ancora mi convince poco il pulpito della predica. Fender si è liberata di chi ha visto come una mela marcia, in un momento in cui non servono mele marce.
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 09/06/2020 ore 14:21:26
Ri-concordo pienamente. Fender non vuol certo rischiare boicottaggi, specialmente in un momento economicamente fragile come questo. Il licenziamento ci sta tutto, Cruz è stato un idiota sia per il messaggio in sé, sia perché uomo-immagine di un colosso produttivo. Oltretutto, avesse evidenziato in modo sensato e rispettoso che le proteste non possono giustificare violenza gratuita, avrebbe comunque rischiato il licenziamento, figuriamoci con quello sventurato post. Ma anche a me i rimandi agli "ideali" Fender, che leggo qua e là, fanno dubitare assai.
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 10/06/2020 ore 00:44:46
Sul fatto che la Fender avrà fatto l'analisi costi/benefici credo ci siano pochi dubbi, ma penso anche che rinunciando a lui comunque si siano giocati un bel po' di soldini. Soprattutto nell'ambito top di gamma e collezionistico credo. Quindi un po' di 'onesto' coraggio credo che Fender l'abbia manifestato.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 09/06/2020 ore 09:08:34
Non voglio prendere le difese di Cruz, ci mancherebbe.
Il post é davvero stupido e violento, ma non necesariamente razzista. In questi giorni negli States molte persone sono indignate per come si sono svolte le proteste per la morte di Floyd. Il motivo della protesta é assolutamente giusto ma é sfociato in scorribande di distruzione. Fulltone ha rimarcato questo e anche il post di Cruz riguarda questo, ovvero la contrarietá a come si sono svolte le manifestazioni non il motivo delle stesse.
Detto questo, il post esprime violenza per fermare altrettanta violenza e Fender ne ha preso le distanze giustamente.
Rispondi
di JEM [user #4665]
commento del 09/06/2020 ore 09:52:37
Hanno fatto benissimo. L'azienda ha coerentemente tutelato la propria immagine.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 09/06/2020 ore 11:14:04
Nel web e sui social network si vede veramente come l'essere umano possa trasformarsi in feccia.
Ho visto lo screen shot del post, ed è veramente incommentabile... pover'uomo, potevi entrare nella leggenda e ti sei bruciato come un adolescente idiota... adesso vai a costruire chitarre da altre parti.
In questo caso sì, che possedere uno strumento fatto da costui, può suscitare un certo imbarazzo, altro che Mr. Fuller.
La Fender ha dimostrato di avere le palle, bravi.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 09/06/2020 ore 11:51:00
Il post che ha pubblicato non è razzista, ma molto molto di più. E' maledettamente macabro e pregno di una stupidità ignorante che è molto peggio di un post razzista: addirittura Cruz ironizza sul "fastidio" provocato dalla gente che protesta sulle highway, neanche si sofferma sulla motivazione (omicidio di Floyd) dimostrando così di non voler neanche considerare la morte di un afroamericano degna di essere oggetto di una protesta. Qui si va oltre al razzismo, lo si "tollera" come fosse un naturale costume sociale, allora si è complici di questo orrore, come se una parte della società, quella nera, non fosse degna di essere parte dell'America, come gli invisibili "paria" in India, una casta così bassa che neanche viene considerata appartenente al genere umano. No, non è un post razzista, è un post da olocausto...ed il fatto che a pubblicarlo sia un cittadino americano di origine ispanica mi sdegna ancora di più , visto che anche i suoi connazionali assieme agli afroamericani sono oggetto quotidiano di atti di razzismo, bullismo, soprusi e sfruttamento. Fender ha fatto benissimo, vista la sua storia e la sua politica di inclusione da sempre marchio di fabbrica. Cruz è solo un misero "prodotto" della politica di Trump, che la idrossiclorichina faccia presto il suo "lavoro"....
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 09/06/2020 ore 12:54:09
Gli americani bianchi sono fuoriusciti europei, i primi addirittura ergastolani, ma evidentemente hanno memoria corta, molto corta. Provengono da un continente, l'Europa, che ha abolito la schiavitù fin dal 1257, a Bologna, con la liberazione di 5885 persone, pagate ai proprietari, dall'allora Comune, in ragione di 10 bolognini per gli adulti e 8 per i minori di 14 anni (un bue ne costava 15). In Arabia e Turchia è rimasta fino a ... (non sappiamo nemmeno se in estremo oriente non ci sia più), ma da europei, nel 1600 quando iniziarono le deportazioni forzate e le aste nei mercati americani, erano già 400 anni che non la si praticava più. GLI AMERICANI L'HANNO REINTRODOTTA. Dopo 250 anni d'importazione forzata hanno dovuto dichiararla fuorilegge, salvo continuare trattare i neri come schiavi per altri 100 anni (ed arriviamo agli anni '70). In questi ultimi 50 anni le cose non si sono normalizzate ed assistiamo a ciclicamente a questi episodi di razzismo. Io penso che gli americani vadano educati, ce ne saranno tanti che non ne hanno bisogno, ma finché proprio questi ultimi non isoleranno chi, in mezzo a loro, mostra continuamente questi atteggiamenti, provocando finalmente una reazione delle istituzioni (che nelle parole si dichiarano il paese dove è nata la democrazia ...), ai miei occhi saranno tutti colpevoli per quanto succede. Paul.
Rispondi
di frank73 [user #21824]
commento del 09/06/2020 ore 12:59:50
Ho avuto modo di vedere il post di jhon Cruz e in tutta sincerità lo trovo di dubbio gusto magari, ma tutto fuorchè razzista. In pratica un meme come ne girano a migliaia sui contatti di ognuno di noi che probabilmente decontestualizzato farebbe pure sorridere nella sua demenzialità. Poi certo oggi viviamo nel secolo dei giustizialisti che si indignano per un post online e come qualcuno sopra ricordava non si fregano minimamente se quello di cui dispongono è frutto di morti e sofferenze che vanno ben oltre gli atti di razzismo riconosciuti come tali. Licenziando Cruz (che per altro con il cognome che si ritrova ce lo vedo proprio come sporco fascista nazista razzista ecc. Ecc.) credo che fender abbia tutelato se stessa per quello che la gente patetica vuole vedere in un post senza sapere manco chi è la persona che lo ha messo.
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 09/06/2020 ore 13:19:41
In America non si sta protestando per astratte questioni di principio, si sta protestando perché c'è un numero non indifferente di cittadini innocenti uccisi impunemente dalla polizia sulla base di un pregiudizio razziale.
Pubblicare un'immagine del genere non sarà strettamente razzista ma comunica comunque una totale assenza di empatia ed umanità, e il fatto di avere origini ispaniche purtroppo non è una discriminante, le minoranze etniche sono spesso in lotta tra di loro a prescindere dal fatto di essere a loro volta discriminate dai bianchi.
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 09/06/2020 ore 13:12:33
Il post di Cruz e' inutile, nel senso che se vuole essere ironico non lo e', se vuole essere provocatorio neanche. Di stron***e di questo tipo in rete se ne vedono tante; sta di fatto che la sua e' una posizione di rilievo, e' un personaggio noto, rappresenta se stesso ed un brand che piu' che brand e' un icona e quindi non puo permettersi di postare simili stron***e, per cui se Fender lo ha licenziato vuol dire che aveva la capicita' di farlo e forse, dico forse, ha fatto bene.
Leggendo vari post in merito mi rendo pero' conto che nessuno puo permettersi di parlare contro i manifestanti, come se questi possono permettersi di devastare, distruggere e praticare violenza solo per dire la propria opinione e far valere la propria voce. A me sembra "razzismo al contrario" e onestamente nel 2020 se e' vero e sacrosanto che un poliziotto bianco che uccide un uomo di colore e' inaccettabile e va condannato, e' anche vero che manifestare con violenza va condannato in egual misura. Dico questo senza aver letto ne il post di Mr. Fulltone e senza aver seguito tutte le vicende che sono accadute negli USA negli ultimi giorni, ma con la certezza che strumetalizzare episodi e' la cosa peggiore che si possa fare e con la sensazione che la legge tende spesso a proteggere i colpevoli e vessare chi spesso non c'entra nulla.
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 09/06/2020 ore 13:28:27
Se avessi approfondito un po' di più sapresti che spesso sono gruppi di suprematisti bianchi a far sfociare le manifestazioni in violenza proprio per causare una repressione più forte.
E comunque quando il presidente si rifiuta di accettare qualunque compromesso ed anzi invoca l'intervento dell'esercito contro i propri cittadini ci sta, purtroppo, che qualche testa calda ne approfitti.
Non si possono mettere sullo stesso piano le responsabilità di forze dell'ordine e istituzioni con quelle di privati cittadini.
Rispondi
di frank73 [user #21824]
commento del 09/06/2020 ore 15:07:4
Ma di che cittadini parli? Quelli bianchi e neri che hanno visto distrutti anni di duri lavoro e attività che vorrebbero essere protetti dalle istituzioni o di quelli che con il pretesto della diseguaglianza sociale e razziale stanno devastando le città?
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 09/06/2020 ore 15:24:28
Ok, non hai neanche letto quello che ho scritto, va bene così non ti preoccupare, tanto sei dalla parte giusta
Rispondi
di frank73 [user #21824]
commento del 09/06/2020 ore 15:52:36
Forse ho mal interpretato.... Invoca l'esercito contro i propri cittadini.. Se così fosse mi scuso, ma il tuo commento mi fa capire che la tolleranza verso la diversità di pensiero anche qui su un blog di musicisti (per altro l'unico in cui sono iscritto e che commento) è stata completamente abolita.
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 09/06/2020 ore 16:20:07
Oh povero cucciolo indifeso vittima del pensiero unico...
Ma su, ti si sta solo dicendo che focalizzarsi esclusivamente sui danneggiamenti ignorando
- la moltitudine di persone che partecipano alle manifestazioni che non ci hanno nulla a che fare
- che alcuni di questi disordini sono fomentati ad arte da frange che vogliono appunto screditare il movimento BLM
- che le forze dell'ordine, oltre ai tanti casi di impunità all'origine delle proteste, hanno spesso tenuto comportamenti incivili nei confronti dei manifestanti pacifici
- che il presidente stesso anziché proporre mediazioni punta ad esacerbare lo scontro

è un atteggiamento molto parziale, se non in malafede.
Rispondi
di frank73 [user #21824]
commento del 09/06/2020 ore 17:17:01
Ok vedo che hai un solo metodo per rapportati che è quello della provocazione perciò è del tutto inutile conversare. Buona giornata
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 09/06/2020 ore 18:48:3
Ah il sarcasmo non fa parte della tua definizione di tolleranza?
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 10/06/2020 ore 12:19:37
Infatti ho premesso che non ho approfondito ne tantomeno seguito le ultime vicende. Il mio post si estendeva al fatto che purtroppo e' insito nella natura delle "fazioni", che siano politiche, calcistiche, musicali, ecc... speculare e strumentalizzare avvenimenti a proprio vantaggio. Finche accadra questo, purtroppo accadra sempre, si risolveranno poche cose. Concludo, anche perche questo e' un forum musicale, con una frase che se non erro e' stata pronunciata da Denzel Washington, grande persona oltre che grandissimo attore, il quale recitava che per mettere fine al razzismo non bisogna scrivere che "un uomo nero e' stato ucciso da un poliziotto corrotto bianco" ma semplicemente che "un uomo e' stato ucciso da un poliziotto corrotto". Penso che con poche parole sia riuscito ad esprimere un concetto nel miglior modo possibile, e personalmente condivido perfettamente. Buona giornata e buona musica!
Rispondi
di TV_Eye [user #8844]
commento del 10/06/2020 ore 16:53:43
No, è una stupidaggine: in primis perché i poliziotti non sono "corrotti" ma la violenza e il pregiudizio sono radicati nel loro agire se non direttamente incoraggiati, in secondo luogo se ti vai a vedere i numeri gli arresti violenti e le morti di cittadini neri poi rivelatisi innocenti sono decisamente più alti di quelli che riguardano i bianchi.
La faccenda di Breonna Taylor l'hai seguita, tipo?
Stai facendo un discorso alla "all lives matter" che, guarda un po, è uno slogan dell'estrema destra.
Prima informarsi, poi parlare, possibilmente.
Rispondi
di francescolomunno [user #38311]
commento del 10/06/2020 ore 11:43:1
Il problema è che a parte il fatto che è macabro, il post tocca un nervo scoperto perché è successo davvero che un tizio del kkk si sia buttato con la macchina sulla folla, quindi un'ironia stupida e fuori posto.
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 10/06/2020 ore 12:20:40
Assolutamente si!
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 09/06/2020 ore 13:35:23
Ho visto il post. Ho avuto la nausea, intendo fisicamente sul serio. Qui non si tratta della libertà di esprimere un'opinione, semplicemente perchè queste non sono opinioni.
Rispondi
di Orange70 [user #37435]
commento del 09/06/2020 ore 15:10:53
avevo scritto un post un po' più lungo, in cui non volevo essere polemico. Però l'ho cancellato perchè forse non riusciva. nel post c'era pure questo link vai al link

e non dico altro.
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 09/06/2020 ore 16:00:53
Dispiace sempre scoprire che persone che eleviamo a eroi/modelli da seguire/miti siano in realtà molto più stupidi e sprovveduti di quanto ci si aspetta.
Io voglio credere nella buona fede di Cruz, che come tanti che conosco ha pubblicato un post fuori luogo magari ricevuto via Whatsapp da un conoscente o simile, magari alla fine della giornata lavorativa, senza pensarci su troppo.
Il problema è proprio questo, che questo tipo di messaggi continua ad essere presente in svariate maniere senza che scatti automaticamente un nostro filtro che li blocchi subito. Passano dai comizi di Trump e Salvini, passano sui social, una volta erano rilegati ad alcuni tavoli di alcuni bar e lì rimanevano confinati. Il fatto che vengano pronunciati da persone che conosciamo e che non farebbero male ad una mosca non giustifica la mancanza del filtro, perché è facendo passare questo tipo di messaggi che senza quasi rendersene conto negli anni '20 fascismo prima e nazismo poi presero il sopravvento, con i risultati che tutti dovremmo conoscere.
Ha fatto bene Fender, nel suo piccolo, a fermare in maniera così clamorosa il proliferare di questo tipo di messaggi. E dovremmo farlo anche noi, con tutti i nostri amici e familiari che continuano a farli passare come se fossero degli scherzi innocui, che di innocuo hanno ben poco.
Rispondi
di scrapgtr [user #12444]
commento del 09/06/2020 ore 19:11:00
Sono pienamente d'accordo. ogni giorno con i social media riceviamo e a volte facciamo circolare senza starci a pensare dosi piccole o grandi di cinismo, misantropia, razzismo, discriminazione (nelle varie declinazioni razziali, sessuali, pseudopolitiche ecc.) nichilismo spiccio. Non ci facciamo caso ma questa roba è come un veleno che intossica, accumulandosi piano piano fino a modificare il modo di pensare e poi di agire della gente. E a volte, come nel caso di Cruz, fa anche danni immediati e probabilmente sottovalutati dall'interessato. Infatti non mi sembra che Fender abbia dimostrato coraggio, ma solo buon senso e fiuto per gli affari: il post di Cruz è disgustoso più che razzista e in un settore nel quale si producono beni che attengono al "lifestyle", come dicono loro, essere rappresentati da uno che trova divertente o condivisibile quella roba è una pessima pubblicità e può far danni veri. Cruz avrebbe dovuto aspettarselo e starci attento, e invece si è lasciato andare. Quello che dà da pensare è appunto quanto sia lrrefrenabile la voglia di esternare sui social network e quanto se ne sottovalutino gli effetti anche se disastrosi: una persona che aveva una posizione lavorativa invidiabile, e una notevole notorietà, sia pure limitata ad un settore specializzato come quella di un master builder Fender, si è letteralmente giocato sia la carriera in azienda sia la possibilità di un'attività in proprio di alto profilo (e ha bruciato un marchio potenzialmente redditizio, il suo nome), e ha buttato via una reputazione costruita in anni di lavoro, solo per aver pubblicato una schifezza che non è nemmeno l'esternazione di un pensiero o di un'opinione. Del resto, dal magistrato in malattia che postava le foto del suo giro del mondo in barca a vela alle tante persone che hanno perso un'occasione di lavoro perchè i loro profili social mostrano cose potenzialmente imbarazzanti per il datore di lavoro il fenomeno è diffuso. E per spiegarlo non si può che far riferimento alle leggi fondamentali della stupidità umana, teorizzate per scherzo ma non troppo da Carlo M. Cipolla: Prima Legge Fondamentale: sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione. Seconda Legge Fondamentale: la probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della persona stessa. Terza (ed aurea) Legge Fondamentale: una persona stupida è una persona che causa un danno ad un'altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita. Quarta Legge Fondamentale: le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare, i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore. Quinta Legge Fondamentale: la persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista. Corollario: lo stupido è più pericoloso del bandito.
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 09/06/2020 ore 21:08:52
Non ho visto la vignetta e penso che non cambi molto la sostanza: ovvero che l'azienda non può non tener conto della reazione pubblica e in particolare del mondo della musica al post di Cruz. Una reazione indignata di massa mette a rischio un'intera azienda e il suo futuro. Purtroppo non c'era alternativa. Sto vizio di postare in pubblico il proprio pensiero politico...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 10/06/2020 ore 08:40:36
Infatti il succo è proprio questo.
Non è questione di "giustizialismo", o di "opposizione al razzismo" o di altro.
Il succo è che Fender (e sottolineo Fender) non può tollerare che un suo dipendente (a me Cruz non ha mai ispirato fiducia, ma è un mio pregiudizio, è sempre stata una questione di pelle) che per il mondo intero è una punta di diamante, posti una roba del genere, appunto al mondo intero.
Se l'è propio cercata.
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 10/06/2020 ore 08:44:40
Non ci vuole affatto un giurista. Un'azienda può tranquillamente licenziare un dipendente che, ovunque, prenda una posizione che possa danneggiarne l'immagine. Non è mica accaduto in Italia dove c'è il ricorso al TAR, al giudice del lavoro ecc.
Negli Stati Uniti da anni è già possibile licenziare un dipendente che ad esempio si metta in malattia e poi posti su FB le foto da un luogo di vacanza.
Rispondi
di charlie_bronson utente non più registrato
commento del 10/06/2020 ore 11:04:59
E' successo qualche anno fa nell'azienda dove lavoro che una dipendente è stata licenziata per aver pubblicato una sua foto ad un concerto (Modena Park Vasco Rossi) mentre era in malattia...
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 10/06/2020 ore 12:22:40
Non commento la questione in se', ma facciamo due conti: Fender è stata fondata nel 1946, il discorso di Martin Luther King al Lincoln Memorial (I have a dream) del 1963. Ora, va benissimo che da qualche parti si inizi, ma dove sono stati tutti questi paladini dell'integrazione razziale (e comprendo anche quelli che ce l'hanno con Fulltone) negli ultimi 57 anni? Se la situazione negli USA è quella che è non credo sia colpa del solo Cruz.
Ciao
Rispondi
di esseneto [user #12492]
commento del 12/06/2020 ore 11:23:09
Concordo al 100% con la tua osservazione , gli USA sono una nazione nata sul sopruso e sulla violenza perpetrata ai danni dei popoli che vi abitavano da sempre i nativi americani e degli africani deportati in USA per diventare schiavi .E purtroppo ancora oggi a distanza di secoli dopo tutte le battaglie per i diritti civili contro il razzismo in USA un uomo può essere ucciso per il colore della pelle.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 10/06/2020 ore 13:04:3
Immagino già su Mercatino:

Vendesi favolosa Fender Stratocaster Masterbuilt John Cruz.
Pre dichiarazioni da minchione razzista.
Nulla a che vedere con quelle odierne.
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 10/06/2020 ore 13:27:14
Ahahahahah, meravigliosa questa!
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 10/06/2020 ore 15:23:45
Ahahahahah!
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 10/06/2020 ore 13:29:01
Adesso che è ufficiale il licenziamento, aspetto che Quaini si vende la sua favolosa Strato appunto JC se non erro, che mi fa sbavare troppo quando la sento suonare (da lui)...
Rispondi
di Aynrand [user #35588]
commento del 11/06/2020 ore 01:57:37
Il vero problema é l'incosciente opportunismo dei politici di ambo le parti. Con una tensione sociale pompata questi livelli, cosa succederebbe se un poliziotto di colore uccidesse un criminale bianco? La risposta purtroppo è abbastanza scontata.
Rispondi
di ares [user #1335]
commento del 12/06/2020 ore 05:00:57
Chiunque fosse in possesso di uno strumento manipolato da Cruz e si sentisse a disagio, sappia che sono disposto a ritirarglielo gratuitamente in tutta Italia, isole comprese, per alleviargli la sofferenza.
Rispondi
di fraz666 [user #43257]
commento del 29/07/2020 ore 10:03:21
Hanno fatto bene
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 14/09/2020 ore 19:27:49
John Cruz può andare a lavorare dove vuole o aprire una sua fabbrica.
La Fender poteva dissociarsi dal tema.... Perdere John Cruz non è stato un buon affare.
Vostro Paolo
Rispondi
Altro da leggere
Fender ’68 Custom: Pro Reverb e Vibro Champ si rifanno il look
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Mustang Micro: ampli tascabile da Fender
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Da Fender due tributi alla storia di Joe Strummer
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964