CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Migliora i tuoi accompagnamenti: La Cura
Migliora i tuoi accompagnamenti: La Cura
di [user #116] - pubblicato il

Uno dei brani più amati di Franco Battiato diventa un arrangiamento per chitarra e voce divertente da suonare e dolce da ascoltare, con i consigli di Paolo Pilo.
Una dedica all’amore incondizionato, uno dei brani più dolci mai firmati da Franco Battiato e anche una composizione musicale piacevole e divertente da suonare.
“La Cura” non è la classica canzone che si può considerare “chitarristica”. Battiato era noto per il suo approccio originale ai suoni elettronici, per la sua capacità di miscelare la facilità d’ascolto tipica del pop con musica profonda sia sul piano degli arrangiamenti sia su quello dei contenuti. Eppure, un omaggio chitarra e voce può riuscire sorprendentemente bene.

Nella proposta di Paolo, il riferimento non è il sound dei synth e degli archi ricercato da Battiato nel suo arrangiamento originale. Nella versione acustica, l’intro ha un che di pianistico, con un arpeggio dolce che si muove sotto le note al canto, un’anticipazione della strofa in cui la voce subentra. Le parole diventano quindi protagoniste e l’accompagnamento può semplificarsi, con accordi classici e volutamente lasciati a fare da sfondo in un brano che non richiede complessi giochi ritmici, ma si spoglia volutamente di ogni complessità per creare un’atmosfera morbida, quasi eterea e nostalgica.
La svolta avviene poi a metà strofa, quando si può scegliere di richiamare l’intro per sottolineare un cambio di registro e creare movimento nel brano.
Ma “La Cura” è anche un’ottima palestra per prendere confidenza con voicing meno scontati e accordi alterati con cui creare tensioni, valorizzare il canto o rimarcare il movimento dei bassi.
In video, ne dà un esempio Paolo Pilo.

chitarre acustiche franco battiato lezioni migliora i tuoi accompagnamenti paolo pilo
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Taylor presenta la Koa Series: proviamo in anteprima la 724ce
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
La Dave Mustaine è la prima Gibson acustica con 24 fret
Sweep Picking: due approcci alle Triadi
Guild Guitars: storia di un sogno americano
Gretsch G5021E: torna il pinguino parlor ed è elettrificato
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964