CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Ti trasformo la chitarrina: come è andata a finire
Ti trasformo la chitarrina: come è andata a finire
di [user #11826] - pubblicato il

Qualche tempo fa, un nostro lettore si è lanciato in un esperimento estremo di liuteria acustica, modificando il bracing di una Yamaha per cambiarne il suono. Stavolta è andato oltre, bucherellandola laddove mai si penserebbe di intervenire su una chitarra di fabbrica.
A febbraio scorso avevo condiviso con voi la trasformazione della mia Yamaha F310, alla quale avevo apportato delle modifiche alle catene interne rendendole del tipo “scallopped”.
A distanza di 8 mesi circa mi sembrava giusto dirvi come è andata a finire. Ne sarà valsa la pena? La chitarrina avrà retto o si sarà aperta come qualcuno aveva preconizzato?
Andiamo con ordine.

Ti trasformo la chitarrina: come è andata a finire

Dopo circa tre mesi di utilizzo, non avendo notato nulla che fosse sintomatico di un cedimento, ho pensato “beh, fatto 30, facciamo 31”.
Il sabato successivo (il fine settimana serve a questo, no?) mi ci sono dedicato. Ho quindi smontato le corde (muta .013) e ho rifinito ulteriormente la scalloppatura delle catene. Non solo. Già che c’ero, ho voluto verificare se il medesimo principio fosse applicabile anche al fondo. Pertanto, ho proceduto scalloppando anche le traverse del fondo.
Devo dire che dal punto di vista estetico il risultato finale appagava l’occhio. Rimaneva quindi solo da aspirare tutti i trucioli, lucidare e rimontare una nuova muta di .013.

A un certo punto però qualcosa mi ha bloccato. Sapevo che non era ancora il momento di rimontare, ma non capivo perché. Forse era il pensiero di aver esagerato, accompagnato dal timore di ritrovare la mia amata, ora più bella di prima, in pezzi subito dopo aver montato le corde.

Ho lasciato che la notte portasse consiglio. Ho passato una notte travagliata e si è fatto giorno. La decisione è presa: son passato accanto alla Yamahina che ancora giaceva sul tavolo operatorio, le ho dato una carezza e sono andato dritto alla cassetta degli attrezzi. Ma dove l’ho messa? Eppure sono sicuro di averla comprata... eccola: la sega a tazza! Voglio che la Yamahina abbia una buca aggiuntiva sulla spalla!

Essendo la Yamaha di laminato, il pericolo era che il legno si sbriciolasse. Detto fatto! In due minuti l’operazione è finita. Ho rifinito la buca come meglio potevo, pulito, arrotondato il taglio della tastiera con una lima, pulito, lucidato e rimontato le corde.

E quindi? Ha retto a tutto questo scempio?
Sì, ha retto alla grande. Non ci sono stati cedimenti e a distanza ormai di altri tre mesi è ancora qui, tutta intera.

Ti trasformo la chitarrina: come è andata a finire

Dal punto di vista estetico per me è bellissima. Riuscire a vedere l’interno della chitarra mentre la si suona è un'esperienza particolare.
Quanto al suono, la buca ha tolto qualcosa e dato altro. Ha tolto un 20% di vibrazioni basse allo sterno (cosa per la quale vado matto) ma ha aggiunto una specie di effetto chorus naturale, immagino dovuto al fatto che il suono giunge all’orecchio da due sorgenti distinte e, direi, in modo disallineato. Il risultato finale è un suono particolare, per me gradevolissimo, e l’esperienza di suono appagante.

Insomma, tirando le fila e venendo al dunque: ne è valsa la pena rischiare? Partivo da una chitarra acustica laminata pagata 130 Euro. Oggi è sempre una chitarra in laminato ma suonarla mi stampa un bel sorriso. Quindi la mia risposta è sì: per me ne è valsa la pena.

Per chi vuole, unisco degli esempi che meglio chiariscono il senso di quello che ho scritto:

- Black Hole Sun
- Cowgirl in the sand
- Little Wing
- Mary had a little lamb
- The wind cries Mary

Purtroppo per voi, quando suono la Yamahina non riesco a non cantare e questo è un ulteriore motivo che mi fa dire che senz’altro ne è valsa la pena!!
chitarre acustiche fai da te gli articoli dei lettori liuteria yamaha
Link utili
Come trasformare una chitarrina acustica
Black Hole Sun
Cowgirl in the sand
Little Wing
Mary Had a Little Lamb
The wind cries Mary
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

di stefrol [user #9914]
commento del 30/10/2021 ore 09:29:58
Bè, che dire, complimenti per il suono, per la bravura chitarristica e anche per quella vocale!!
Rispondi
di ninni [user #11826]
commento del 30/10/2021 ore 13:04:5
Troppobbbuono! Grazie :)
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 30/10/2021 ore 09:43:25
Sei un pazzo, ma bel lavoro! :D
Rispondi
di ninni [user #11826]
commento del 30/10/2021 ore 13:19:23
Grazie! Si sono contento, anche le piccoline hanno tanto da dare se le si libera un po’. Per me è stata una base per fare esperienza. Sai, ho appena finito un nuovo progettino su una chitarra massella con tavola in abete enngelmann e fasce/fondo in mogano. Ho notato che le laminate sono più resistenti e con le masselle occorre essere molto più cauti. Ad ogni modo, è andato tutto benone. Ho in mente di fare una comparativa con
una d18….
Rispondi
di WATERLINE [user #51250]
commento del 30/10/2021 ore 14:37:05
Complimenti per il risultato e......per il coraggio!
Rispondi
di diumafe [user #17831]
commento del 30/10/2021 ore 15:13:
Puoi osare sicuramente di più... 😁
Rispondi
di guitar jim [user #55620]
commento del 31/10/2021 ore 18:55:45
Ehm...bellissimi pezzi...jimiani, ecc. Ma...un pezzo di Gigione, no?!? Chissa' perche' tutti i chitarristi si cimentano in pezzi anglosassoni et similia, sempre! Anche io, per esempio, amo moltissimo Tony Rice e Norman Blake e naturalmente il grande Tommy!!!! Ma, beh, come vorrei saper e poter suonare la Zitella come lo fa Gigione! XD
Ahhh...esser nati nella nostra bella Italia; meridionale nel mio caso...
Rispondi
di Floyd [user #143]
commento del 06/11/2021 ore 00:00:05
Complimenti a te per le esecuzioni. Il suono mi sembra un po scarno per una acustica con le 0.13, ma ha un buon contorno armonico per essere una chitarra economica in laminato, evidentemente il lavoro ha giovato
Rispondi
di ninni [user #11826]
commento del 06/11/2021 ore 07:47:55
Grazie Floyd per i complimenti. E’ come dici tu, la chitarrina ha acquistato contorno armonico. La buca monitor ha reso poi il suono tridimensionale, nel senso che ti ci senti in mezzo perché senti il suono proiettato in avanti dalla buca centrale, quello dal monitor e le vibrazioni del fondo sullo sterno. E’ diventata la mia perfetta compagna da divano (…e da wc.). Per il resto, è e rimane una chitarrina tutta in laminato. Il che però ha anche un lato positivo: essendo in laminato puo’ tranquillamente cadere, stare sotto il sole, in spiaggia, in auto, il tutto rigorosamente senza custodia ed essere sempre ‘sul pezzo’: è un tank.
Rispondi
Altro da leggere
L'attacco dei cloni: EP o BP Booster?
La Dave Mustaine è la prima Gibson acustica con 24 fret
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni '70
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Guild Guitars: storia di un sogno americano
Gretsch G5021E: torna il pinguino parlor ed è elettrificato
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Yamaha THR100H Dual
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964