VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Graham Coxon conferma: non provare ad accordare il Si
Graham Coxon conferma: non provare ad accordare il Si
di [user #116] - pubblicato il

Il chitarrista dei Blur ha imparato a sue spese che la chitarra è uno strumento imperfetto per natura, e davanti a certi limiti bisogna gettare a terra le armi.
Chitarrista, compositore di colonne sonore, persino pittore, Graham Coxon è un artista a tutto tondo. Ha contribuito a definire il sound del britpop insieme ai Blur e, dal 1998, ha mostrato una forte predisposizione al lavoro da solista, contando oggi all’attivo undici album di cui l’ultimo nel 2020.
Recente è la sua autobiografia “Verse, Chorus, Monster!” in cui racconta storie di vita e di musica, e in cui è possibile scovare alcune perle che sembrano scritte appositamente per un chitarrista.
In particolare, un aneddoto rivela qualcosa in più su un aspetto dello strumento, croce di moltissimi appassionati.

Graham Coxon conferma: non provare ad accordare il Si

Graham è da sempre innamorato delle chitarre acustiche di piccole dimensioni, suonate in fingerstyle. All’epoca della storia, a seguito di un’esperienza disastrosa sul palco del Royal Festival Hall di Londra, aveva da poco rimpiazzato la sua vecchia Harmony Sovereign con una Martin OM28V nuova fiammante. La Orchestra Model ricalca tutti i canoni delle small-body d’annata, con cassa in palissandro, una spaziatura maggiore tra le corde e profilo vintage.
Era il 2005, e l’artista era stato invitato al concerto delle leggende del folk inglese Davy Graham e Bert Jansch. Li avrebbe incontrati nel backstage, e sarebbe stata un’occasione imperdibile per mostrare loro il suo nuovo acquisto, il primo davvero impegnativo sul piano economico per il cantautore.

Nel libro, ricorda: “Accordare una chitarra di fronte ai chitarristi che ammiri è umiliante, nel migliore dei casi, e non riuscivo in nessun modo ad accordare il Si”.
Il racconto continua: “Chiesi a Bert ‘Come si accorda una corda di Si?’ e lui ‘Non puoi’. Alzai lo sguardo aspettandomi un sorriso complice, ma aveva su una faccia da poker. Era vero o mi prendeva in giro? Non ne avevo idea e ridacchiai nervosamente. Mi calmai un po’, però, pensando che magari anche Bert Jansch litiga con l’accordatura di tanto in tanto”.

Graham Coxon conferma: non provare ad accordare il Si

Il suo sembra un semplice episodio di colore, eppure forse nasconde la chiave per un quesito su cui molti chitarristi continuano a interrogarsi.
Quella del Si è spesso additata come una corda problematica da accordare. Non si tratta di una semplice questione meccanica, ma di vera e propria intonazione nell’utilizzo pratico dello strumento. Anche quando l’accordatore garantisce che si è perfettamente in tono, può accadere che qualcosa non funzioni durante l’esecuzione degli accordi. Una voce sembra emergere in maniera leggermente dissonante, irrimediabilmente.

Alcuni ricorderanno una situazione simile a quella evidenziata da John Frusciante durante le registrazioni di “Scar Tissue” e che lo youtuber Paul Davids aveva provato a razionalizzare. Il racconto di Graham sembra confermare la tesi o, quantomeno, fa pendere un po’ più la bilancia verso chi ha già deciso di andare oltre le indicazioni del proprio accordatore e affidarsi all’istinto e all’orecchio per individuare il giusto equilibrio al fine di migliorare la propria musica. Un equilibrio che, talvolta, può non avere precisi riscontri negli strumenti di misurazione e può variare di volta in volta, a seconda del contesto, di cosa si suona e, chissà, con chi si suona.
D’altra parte, anche Andrés Segovia doveva aver intuito qualcosa quando commentava: “Un chitarrista passa metà della sua vita ad accordare e l'altra metà a suonare uno strumento scordato”.
Forse, in casi simili, l’arte comincia quando si smette di litigare con la scienza.
chitarre acustiche curiosità graham coxon martin musica e lavoro
Link utili
L’accordatura stonata di John Frusciante
Mostra commenti     9
Altro da leggere
Industria musicale contro le AI: è guerra aperta
The White Buffalo: Once Upon a Time In The West
50 anni portati benissimo: in prova la Taylor 314ce LTD 50th Anniversary
Apple ritira lo spot che fa imbestialire i musicisti
Per Guitar Center il futuro è nella fascia alta
AC/DC: Too Old to Rock 'n' Roll?
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964