SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Nectar: fuzz e overdrive always-on da Beetronics
Nectar: fuzz e overdrive always-on da Beetronics
di [user #116] - pubblicato il

La “semplicità versatile” è la chiave del Nectar, stompbox Beetronics con all’interno overdrive e fuzz mirati alla risposta dinamica per fare da base al suono e controllare tutto col volume della chitarra.
Metà overdrive e metà fuzz per regalare flessibilità nel piccolo formato e con tutta la risposta dinamica utile a farne un always-on che diventi la base del proprio sound. Beetronics definisce il suo Nectar un “addolcitore timbrico” con gain generoso e, come da tradizione, un’estetica inconfondibile.



Il pedale Beetronics, novità per l’autunno 2023, racchiude in uno chassis dalle dimensioni ridotte una doppia funzionalità di overdrive e fuzz. Due voci complementari si ripromettono capaci di affrontare i contesti vintage in cui è richiesto uno spiccato calore fino a quelli sperimentali per cui la distorsione sgranata e acida è un’opzione gradita. Il tutto è sintetizzato in un’interfaccia classica per la categoria, con tre manopole e un toggle switch per commutare tra i due circuiti.

Volume, Honey e Taste sono i controlli a disposizione, rispettivamente utili a dosare il livello del segnale, il grado di saturazione e il tono generale.
In cima è presente anche una levetta per selezionare tra le modalità Drive e Fuzz, indicate dai rispettivi LED agli angoli. Un ulteriore LED di stato, in basso, indica l’attivazione dell’effetto.

Nectar: fuzz e overdrive always-on da Beetronics

L’overdrive nasce allo scopo di fornire un timbro profondamente vintage, spinto a sufficienza da esplorare le derive dell’hard rock ma sempre con un’impronta corposa, generosa sui bassi e con acuti frizzanti a metà strada tra il mondo Tweed e plexi.
Quando si seleziona il fuzz, la voce del pedale riceve maggiore aggressività e acidità, trovandosi a suo agio nelle sonorità rock e psichedeliche d’epoca fino ad affrontare saturazioni schiacciate e cariche di sustain tipiche delle interpretazioni più moderne.

Tutti i suoni sono sempre pensati per una gran reattività al tocco e all’idea di rappresentare una base gustosa e flessibile per chi preferisce gestire i livelli dal volume della chitarra, ritrovando i propri clean col roll-off e sfruttando lo stompbox come un always-on.

Il contenitore compatto del Nectar colloca lo stompbox nella Babee series di modelli di dimensioni ridotte e, pur restando nell’ambito dell’effettistica boutique, più accessibili. Visibile sul sito Beetronics a questo link, il Nectar è presente anche con diverse edizioni Custom Shop, pezzi unici dipinti con finiture tutte differenti tra loro.
In Italia, il pedale è presente con la distribuzione di Face.
beetronics effetti singoli per chitarra nectar ultime dal mercato
Link utili
Nectar Tone Sweetener sul sito Beetronics
Sito del distributore Face
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Il Power Fuzz Wah di Cliff Burton è tornato
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
Marcus King al calcio d'inizio per i 50 anni di Taylor
La Gretsch Broadkaster di John Gourley in video
Keeley con Andy Timmons per il Muse Driver
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964