SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Lerxst by Alex Lifeson: il chitarrista dei Rush lancia il suo marchio di ampli
Lerxst by Alex Lifeson: il chitarrista dei Rush lancia il suo marchio di ampli
di [user #116] - pubblicato il

Due amplificatori e una serie di cabinet tengono a battesimo il brand personale di Alex Lifeson in collaborazione con Mojotone, con la promessa di ampliare presto l’offerta a effetti, chitarre e pickup.
Sperimentatore a tutto tondo, idolo indiscusso della chitarra rock e progressive, Alex Lifeson è apprezzato per la sua abilità allo strumento quanto per la sua visione sonora chiara, innovativa e altamente personale. A lui si deve il riconoscimento di chitarre sopra le righe come le Les Paul Axcess, e a lui è legato un intero filone sonoro fatto di chitarre ruggenti, virtuose e aggressive al tempo stesso.
Quel percorso sonoro durato mezzo secolo, iniziato negli anni ’70 con amplificatori in stile british tirati per il collo e affinato attraverso effettistica e tecnologia, diventa ora una linea di strumenti a marchio Lerxst.

Lerxst by Alex Lifeson: il chitarrista dei Rush lancia il suo marchio di ampli

La prima ondata di prodotti si concentra sull’amplificazione valvolare, con modelli interamente realizzati negli USA. Dietro il saldatore si cela la mano di Mojotone, con cui Lifeson aveva già collaborato nel 2012 - mentre era nei lavori l’album Clockwork Angels - per la creazione di un amplificatore valvolare battezzato Lerxst Omega.
È chiaro che l’idea è rimasta nell’aria e si è continuata a modellare nel tempo, perché Lerxst è il marchio con cui oggi la linea di amplificatori di Lifeson si propone al pubblico e Omega ne è il modello di punta.

Più di un semplice riciclo, l’amplificatore vede una progettazione aggiornata e un’estetica inedita, che accomuna l’intera offerta Lerxst di testate, combo e cabinet finemente disegnati seguendo la filosofia dell’artista.

Il catalogo, che promette di ampliarsi presto con nuovi prodotti anche al di fuori del campo dei soli amplificatori, racchiude ora la testata Omega con relative casse 4x12 e 2x12, insieme a un più compatto modello Chi in versione combo o testata, con cabinet 1x12 o 2x12.



Omega riprende la visione più tradizionale nel sound di Lifeson, con un circuito in stile british basato su tre valvole 12AX7 nel preamplificatore e due EL34 nel finale a sfornare 50 watt di potenza scalabili a 25.
Il sistema offre due canali Clean e Lead selezionabili via footswitch, un equalizzazione a tre bande in comune con controllo aggiuntivo di Presence, master separati e loop effetti seriale.
L’Omega è previsto anche in versione limitata Handwired, punta di diamante con cablaggio a mano.



Il Chi incarna la dualità sonora dietro il progetto, con la headroom maggiore di un disegno basato su due valvole 6L6 ma con la stessa impronta timbrica alla base, e ancora una volta con tre valvole 12AX7 a delineare il preamplificatore. Stavolta la potenza è di 30 watt, mentre resta immutata l’impostazione di due canali con cambio via footswitch, equalizzatore a tre bande e controllo presence, master separati e loop effetti seriale.



Alla versione testata si affianca anche il Chi Combo, provvisto di un altoparlante Mojotone Greyhound.
Sul sito Lerxst, le schede tecniche degli amplificatori e dei cabinet sono illustrate nel dettaglio, insieme a un excursus approfondito sulla filosofia sonora di Lifeson, la sua carriera e la strada che lo ha portato ad avviare una propria avventura nel business dell’amplificazione per chitarra elettrica.
alex lifeson amplificatori per chitarra chi lerxst omega ultime dal mercato
Link utili
Il sito Lerxst Amps
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Valvenergy: i pedali valvolari Vox crescono per il 2024
Il Power Fuzz Wah di Cliff Burton è tornato
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
Marcus King al calcio d'inizio per i 50 anni di Taylor
La Gretsch Broadkaster di John Gourley in video
Keeley con Andy Timmons per il Muse Driver
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964