SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Julietta: la Duesenberg più accessibile
Julietta: la Duesenberg più accessibile
di [user #116] - pubblicato il

Manico avvitato ed estetica essenziale danno vita alla solid body meno costosa del marchio tedesco: la Julietta riceve gli stessi trattamenti riservati alle top di gamma e arriva anche in versione baritona.
Duesenberg è, per molti fanatici dello stile vintage più originale, un vero oggetto del desiderio. Linee eleganti, finiture appariscenti e sound di prima scelta hanno spedito il catalogo tedesco dritto nel campo degli strumenti considerati boutique. Il 2024 tira l'asticella del prezzo appena più in basso e, pur tenendosi stretta la ricercatezza nei materiali e la cura per il dettaglio, la Julietta promette soddisfazione a chi vuole avvicinarsi per la prima volta a Duesenberg.

Julietta: la Duesenberg più accessibile

Accorgimenti estetici più lineari e dettagli costruttivi semplificati come l’adozione di un manico avvitato con finitura naturale confezionano un modello in una duplice versione per gli amanti della scala regolare e di quella lunghissima, scegliendo il design single-cut più classico di casa, con una spalla mancante più morbida.

Sua “sorella maggiore” è la Julia, che spicca per una costruzione semi-hollow con una grossa buca a effe in stile moderno su un fianco e un ampio battipenna che ne attraversa gran parte della porzione centrale del top. La Julietta sceglie la configurazione solid body e lascia più spazio al top, conservando lo stile generale e dettagli unici come le singolari cover in metallo dalla forma trapezoidale per i pickup.

Julietta: la Duesenberg più accessibile

Il body in ontano della Julietta è abbinato a un manico in un singolo pezzo di acero, avvitato con quattro boccole a un tacco rettangolare, leggermente assottigliato nello spessore sul lato dei cantini.
Ad affiancare la configurazione standard da 22 tasti con dot bianchi, la Julietta arriva anche in un’edizione baritona con manico più lungo e diapason da 28 pollici per accomodare 24 fret in totale.
Su tutte, come accade sugli altri strumenti di fascia superiore, un trattamento Plek garantisce suonabilità e precisione nell’intonazione su tutta l’escursione.

Sul top, un ponte fisso con relativo tailpiece in stile Wrapper è affiancato dall’opzione di un Tremolo Duesenberg per la baritona in finitura Catalina Red.

Sul piano stilistico quanto sonoro, i canoni Duesenberg ci sono tutti. La forma della paletta riprende la tradizione di casa e la “D” in metallo sul battipenna non lascia dubbi. Anche i pickup promettono una voce distintiva. Sono un humbucker Grand Vintage al ponte e un Domino P90 al manico, da controllare con un volume, un tono e selettore a tre posizioni a slitta con il caratteristico design art-deco ripreso anche dal battipenna a cinque strati.

Novità per il catalogo 2024, la Julietta è sul sito Duesenberg a questo link e sarà in Italia con la distribuzione di Gold Music.
chitarre elettriche duesenberg julietta ultime dal mercato
Link utili
La Julietta sul sito Duesenberg
Il sito del distributore Gold Music
Mostra commenti     7
Altro da leggere
Il Power Fuzz Wah di Cliff Burton è tornato
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
Marcus King al calcio d'inizio per i 50 anni di Taylor
La Gretsch Broadkaster di John Gourley in video
Keeley con Andy Timmons per il Muse Driver
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964