CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Paul Gilbert: la velocità nasconde le brutture del suonato
Paul Gilbert: la velocità nasconde le brutture del suonato
di [user #116] - pubblicato il

Suonare veloci è una maniera per camuffare sporcizie e brutture del suono. Rapiti dall’euforia della velocità si trascurano elementi fondamentali: controllo, tono, intelligibilità ritmica. Suonare così veloci da non riuscire ad ascoltare cosa si sta facendo è rischioso quanto guidare a tutta birra senza guardare la strada. Ci si può fare male.
Suonare veloci è una maniera per camuffare sporcizie e brutture del suono. Rapiti dall’euforia della velocità si trascurano elementi fondamentali: controllo, tono, intelligibilità ritmica. Suonare così veloci da non riuscire ad ascoltare cosa si sta facendo è rischioso quanto guidare a tutta birra senza guardare la strada. Ci si può fare male.

Non stupisce che sia proprio Paul Gilbert a fare questa raccomandazione. Paul è stato - ed è - uno dei più grandi shredder e velocisti della storia della chitarra, un vero innovatore nel linguaggio solista moderno; ma la velocità oltraggiosa e spericolata del suo playing è sempre andata di pari passo con l’accuratezza e la pulizia cristallina del suonato.
Ho tantissimi allievi e insegno da sempre. Così sento un sacco di ragazzi suonare cose veloci. Molti di loro quando lo fanno, sono così entusiasti di ciò che stanno riuscendo a eseguire che non si accorgono che il suono è brutto, che non stanno suonando bene. Per loro il fatto di andare a tutta birra è già una garanzia di qualità. Ma non è così. Io ho suonato quel genere di cose shred per anni. E le mie orecchie sono allenate… sentono tutto! E mi accorgo che non stanno suonando bene
Paul raccomanda allora di suonare piano, di rallentare perché a velocità ridotte è semplicemente più facile isolare sporcizie e lacune del nostro modo di suonare. “Tanti suonano veloci senza avere ancora la capacità di gestire l’ascolto di quello che stanno facendo a quella velocità. Ed è terrificante perché è come guidare così veloci da non riuscire a vedere e distinguere la strada. Finirai per schiantarti!"

Paul Gilbert: la velocità nasconde le brutture del suonato

Questo spunto lanciato da Gilbert offre l’opportunità per ricordare almeno tre elementi necessari per un suono di chitarra convincente che invece, spesso, si trascurano per la ricerca della velocità.
Il primo è l’impostazione e la scelta del plettro. Nel tentativo di muoversi il più velocemente possibile tra le corde, lo si impugna senza che fornisca alle note un attacco deciso e pulito e se ne sceglie uno solo sulla base dell’agilità che ci garantisce, non preoccupandosi del suono che potrà darci.
Quindi, altro elemento, è la forza delle dita della mano sinistra che se non adeguatamente allenate e capaci di suonare tutte con la stessa forza e sicurezza, genereranno fastidiosi singhiozzi ritmici, di dinamica e pronuncia. Queste incertezze, che escono in maniera evidente suonando piano, si affievoliscono alzando le velocità e la distorsione. Ma inevitabilmente conferiscono al playing un incedere sporco e – peggio ancora - incerto e moscio ritmicamente.
Ultimo elemento, estremamente delicato, è la capacità di calibrare un suono ad hoc per suonare veloci. L’equalizzazione e la quantità di distorsione non devono essere stratagemmi per nascondere imprecisioni e quindi incentivare un playing veloce spericolato e spensierato; anche a costo di optare per settaggi che rendano il suonare più impegnativo, serve un suono che valorizzi i preziosismi del suonato, garantisca l’intelligibilità di ogni fraseggio e assicuri corpo e tono a ogni nota. 

lezioni paul gilbert
Mostra commenti     49
Altro da leggere
Nili Brosh: come promuoversi sui Social
A scuola di Djent
I musicisti immodesti e permalosi restano a casa
Parola d'ordine: chitarra ritmica. Rock, Metal & Djent
Pennata alternata: lavorare su set ridotti
Basso elettrico: studiare con il metronomo
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964