CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Satch testa i suoi DiMarzio in video
Satch testa i suoi DiMarzio in video
di [user #116] - pubblicato il

Un nuovo video diffuso da DiMarzio mostra Joe Satriani alle prese con i suoi due pickup signature: il classico Mo' Joe e il più recente mini-humbucker Satch Track. Il chitarrista ne spiega le caratteristiche e parla di Shockwave Supernova, in arrivo quest'estate.
Un nuovo video diffuso da DiMarzio mostra Joe Satriani alle prese con i suoi due pickup signature: il classico Mo' Joe e il più recente mini-humbucker Satch Track. Il chitarrista ne spiega le caratteristiche e parla di Shockwave Supernova, in arrivo quest'estate.

Joe Satriani è entrato nello studio dei pickup DiMarzio per un test esclusivo dei suoi ultimi signature.
Il suo attuale set è composto da un humbucker Mo' Joe al ponte e un Satch Track al manico, doppia bobina in formato single coil.

Il Mo' Joe, in catalogo dal lontano 2005, è l'evoluzione diretta dello storico Fred, l'humbucker preferito da Joe per la posizione ponte a cui conferisce definizione e dettaglio. Il Mo' Joe nasce dalla necessità del chitarrista di un magnete dal maggior output, ma senza rinunciare alla brillantezza e alla dinamica del precedessore.
Il pickup è dotato di magneti Alnico V, una resistenza in continua di 9,76Kohm e arriva di fabbrica con quattro conduttori per lo split delle bobine. Il suono è equilibrato, con medi leggermente in evidenza e particolarmente ricco di armoniche all'aumentare del gain, dove l'attacco delle note resta sempre brillante e definito.

Satch testa i suoi DiMarzio in video

Il Satch Track è l'ultimo pickup firmato da Satriani a entrare nella scuderia DiMarzio. È frutto di due anni di ricerche e ha lo scopo di offrire una sonorità articolata e profonda, che i produttori amano definire "vocale".
Anch'esso con quattro conduttori, ma con un valore di 7,02Kohm per meglio fondersi con le caratteristiche del Mo' Joe, è basato magneti ceramici, ha due lame anziché i classici poli e un tono che tende a privilegiare le frequenze più acute allo scopo di risultare intellegibile anche con livelli di gain più alti senza impastare sui bassi.

Nel video, Joe Satriani racconta e fa ascoltare i suoi due pickup signature.


Il test-intervista è anche un'occasione per ricordare l'imminente uscita di Shockwave Supernova, il nuovo disco di Joe Satriani in arrivo il 24 luglio.

Maggiori informazioni sul disco e un assaggio del primo brano "On Peregrine Wings" sono in questo articolo.

dimarzio joe satriani mo joe pickup satch track
Link utili
DiMarzio Mo' Joe
DiMarzio Satch Track
Joe Satriani condivide il primo brano da Shockwave Supernova
Nascondi commenti     25
Loggati per commentare

avete scritto "suoi" perchè altrimenti ...
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 22/06/2015 ore 10:00:18
avete scritto "suoi" perchè altrimenti sarebbero stati di Marzio eh!? Siete dritti voi! :)
Rispondi
Basta con queste spudorate manovre commerciali
di Alex DG [user #35120]
commento del 22/06/2015 ore 10:45:09
Quando uscì "The Ultra Zone" di Steve Vai uscirono contemporaneamente i Di Marzio Breed, quando uscì "Gravity Storm" sempre di Steve Vai uscirono contemporaneamente i Di Marzio Gravity Storm, ora esce il nuovo album di Satriani ed esce contemporaneamente il nuovo Di Marzio signature di Satriani, perchè vogliono inculcarci in testa (alla Di Marzio) che sono ovviamente i nuovi pickup a fare il suono del nuovo album....E BASTA!!
Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di SteveZappa93 [user #38837]
commento del 22/06/2015 ore 11:23:26
Pensano che siamo un branco d'idioti noi chitarristi!Certo Satriani rimane un grande,ma queste strategie di marketing sono un po di bassa lega.
Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 22/06/2015 ore 11:44:44
Più che altro pensano che siamo consumatori, come tutti quanti gli altri...E credo abbiano ragione. Quante volte leggo, non senza passarmi una mano in faccia, di gente che si incensa e critica quelli che "buttano" i loro soldi per auto o telefonini e poi, magari, spende la stessa cifra per due pezzi di legno avvitati...Guardatevi intorno, basta affiancare l'appellativo vintage o reissue ad un prodotto chitarristico perchè catturi maggiormente l'attenzione. D'altro canto non è che i prodotti del nostro ambito di pertinenza vengano pubblicizzati in maniera così invasiva come succede con un profumo, per dirne una, quindi credo che siamo ancora tutti in grado di stabilire se procedere in un acquisto in maniera libera oppure no. Sinceramente trovo molto più svilente la chiusura mentale e l'arroganza, proprie di molti chitarristi da forum...Parlando di questi pu, non ho mai amato nè Satriani nè le sue sonorità e forse mettendo insieme le sue mani, gli effetti e l'ampli, a maggior ragione da un video di youtube, con qualunque chitarra potrebbe ottenere i suoni illustrati...Bisognerà aspettare che qualcuno faccia una recensione asettica, per ciò che concerne il contributo virtuale, o incontrare un chitarrista, probabilmente suo fan, che li abbia montati per avere un'idea precisa sulla bontà o meno di questi "prodotti".
Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di qualunquemente1967 [user #39296]
commento del 22/06/2015 ore 13:50:52
Be certo ! Cosa pensavi tu ? Poi sta a noi capire e decidere cosa fare .... Noi gli lasciamo la roba su gli scaffali e il gioco e fatto qual ' e' il problema ? Purtroppo la societa di oggi e fondata sul consumismo sfrenato e non ci fermiamo mai un attimo a pensare che siamo noi a volere tutto cio ' ma vedi con i cellulari che ne esce uno nuovo ogni mese oramai ? Purtroppo e solo colpa nostra se ci invadono di roba ! Ciao
Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di Capra_Poliuretanica utente non più registrato
commento del 22/06/2015 ore 23:29:48
Beh! Non è proprio colpa nostra.
Dopo la crisi del '29 è avvenuta una trasformazione.
Dal produrre cose che soddisfacessero le esigenze delle persone al creare esigenze nelle persone per soddisfare la produzione in grande scala.
Se smettessimo di "consumare" il nostro mondo collasserebbe.


Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di Lucas26 [user #16413]
commento del 22/06/2015 ore 17:07:54
Occhio Alex che i pickup in questione sono disponibili da circa (o poco più di) un anno.
Satch non mi è mai sembrato troppo attento a questo tipo di tiritera economica.
Nulla è più bello della scelta però: non deve essere necessariamente demonizzato.
Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di dantrooper [user #24557]
commento del 22/06/2015 ore 22:08:1
concordo pienamente.
considerando poi che Satch prende il 10% del ricavato del guadagno derivante dalla vendita, direi che di marketing finalizzato alla vendita dei pick up non si possa parlare.
Rispondi
Re: Basta con queste spudorate manovre commerciali
di Claes [user #29011]
commento del 22/06/2015 ore 19:38:02
...e strategia di vendita a molti livelli. In comune c'è la mania di tenersi aggiornati con modelli nuovissimi e miracolosi.

Chitarre e p/u + pedalini di ogni tipo ecc. JS / Ibanez / Di Marzio da come la vedo io, visto in negativo:

Ibanez sponsorizza JS in cambio dell'uso del nome e reputazione. Di Marzio interviene per una fetta di quel mercato in quanto pick-up di stalla per JS e le sue Ibanez.

Lo stesso vale per le varie limited edition, tribute, custom shop speciali... Fender e Gibson in primis.

Lato positivo: gran chitarre da vintage futuro! Un JS che davvero se ne intende di chitarre!!!

Rispondi
gran tocco ...
di Guycho [user #2802]
commento del 22/06/2015 ore 14:33:18
gran tocco
Rispondi
solo marketing ...
di Vivaildigitale [user #42342]
commento del 22/06/2015 ore 16:17:41
solo marketing
Rispondi
secondo me non ci credono ...
di nopairbaby [user #40212]
commento del 22/06/2015 ore 17:31:43
secondo me non ci credono neanche loro quando fanno uscire queste cose quà.......per la serie se ci cascano bene senno' pace.....
Rispondi
Concordo sull'aspetto del volano commerciale ...
di stratoide76 [user #43221]
commento del 22/06/2015 ore 17:54:32
Concordo sull'aspetto del volano commerciale che un nome come Satriani può fare.ma in fondo è il prodotto che conta. Se è OK vende.se fa schifo no.
Rispondi
Di sicuro.....
di asrock89 [user #31134]
commento del 23/06/2015 ore 01:24:40
Non metto in dubbio che questi pick up possano essere buoni, uguali a tanti altri e via discorrendo, ma di sicuro Joe Satriani non fa queste cose per fare beneficenza, quel 10 percento di ricavato dai pick up (se poi è davvero solo il 10 percento lo saprà lui e i suoi manager perchè penso che nessuno qui abbia le sue fatture e i suoi contratti alla mano) con milioni di pick up venduti si traduce in tanti soldini. Comunque a parte il fatto che non ci trovo nulla di male in quello che sta facendo e cioè mettere il suo nome per dei pick up che effettivamente usa e fare pubblicità e ricavi e di contro ricevere ricavi e altra pubblicità, cosa normalissima visto che suona per mestiere oltre che per passione come la maggior parte di noi ! penso che ognuno sia libero di comprare quello che gli pare anche solo per il fatto che ci sia scritto Joe Satriani sulla scatolina, io per quanto riguarda me mi accontento dei miei di marzio tone zone ed air norton sulla ibanez e dei pick up standard della mia strato hss, e per la mia testa penso che i pick up come gli ampli contino meno di tutto il resto, entro certi limiti ovviamente dell'osceno, detto questo per quanto non mi piaccia Joe Satriani per i miei gusti personali penso che lui anche con una ibanez da 300 euro cinese tirerebbe fuori dei suoni che farebberò vendere tonnellate di microfoni e altre robe poi sta a noi capire se stiamo per comprare una cosa per gusto e necessità o perchè presi da una mera commercialata.
Rispondi
Re: Di sicuro.....
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 23/06/2015 ore 09:22:48
Milioni di pickups signature di Satriani venduti al mondo? Secondo me stai leggermente sovrastimando il numero di chitarristi al mondo, nonchè la percentuale di essi che monta questi pu sulla propria chitarra...Non credo sinceramente che i guadagni di Satriani, come di qualunque altro chitarrista al mondo con nome spendibile, provenienti dagli endorsment e dalle linee signatures siano siano riferibili a cifre a 9 zeri, probabilmente neanche a 8, fatta eccezione forse solo per Slash...
Rispondi
Re: Di sicuro.....
di asrock89 [user #31134]
commento del 23/06/2015 ore 13:18:04
Probabilmente ho esagerato vista l'ora e la stanchezza, comunque il mio pensiero resta il medesimo sia che se ne vendano milioni o centinaia o migliaglia :)
Rispondi
Il problema del processo alle intenzioni...
di Repsol [user #30201]
commento del 23/06/2015 ore 01:32:18
...è che spesso ci fa dimenticare l'essenza della questione, ovvero sti pickup suonano bene o male?
Perchè se suonano bene son da comprare se suonano male no. Tutto quello che ci sta dietro, il processo alle intenzioni, è davvero così importante quando si parla di un pickup?
Tornando su di loro, io direi che è un po' difficile farsi un'idea in quanto a parte la ritmica funky in cui il suono è pulito, in tutti gli altri sample il suono è ricco di effettistica quindi è difficile avere un'idea per me. Non sembrano male ma credo che bisognerà aspettare altri video per capire se possono stuzzicare una prova dal vivo.
Rispondi
L'unica cosa che si dovrebbe ...
di angusnoodles [user #13408]
commento del 23/06/2015 ore 02:35:16
L'unica cosa che si dovrebbe sottolineare, entrando nel merito dell'argomento "come suonano questi pickup" e tralasciando il "ce li propinano per arricchirsi", è stata la ricerca di Satriani di ottenere con 24 tasti lo stesso suono al manico che otteneva con il pickup vecchio sulla chitarra a 22 tasti... E questa credo sia una cosa oggettiva e utile per tutti... Al di la della considerazione "il suono e nelle mani" e "Satriani riuscirebbe ad avere lo stesso suono con una danelectro in un roland cube", c'è da dire che la signature di Satriani è una strana bestiolina con una carrozzeria ultramoderna ma un suono molto vintage e bluesy... Ma qui siamo su un forum dove vivono tutti estimatori Fender e Gibson che pensano che le Ibanez siano chitarre di cartone... E allora c'è poco da discutere...
Rispondi
Re: L'unica cosa che si dovrebbe ...
di Lucas26 [user #16413]
commento del 23/06/2015 ore 10:45:33
Non leggevo un commento così open-minded e poco fazioso su accordo da anni. I miei rispetti, davvero.
Rispondi
niente di nuovo
di lospilung [user #18940]
commento del 23/06/2015 ore 08:14:49
Ciao a tutti
faccio gentilmente notare che gia' 20 e passa anni fa',quando comperavo Guitar for prat. Musician c'erano pubblicita' che a un occhio piu' attento erano ridicole..percio' penso che sia uno stile marketing un tipicamente "americano" e piu' svegli noi a dire a ca' nisciuno e fesso...
Rispondi
che si tratti di uno ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 23/06/2015 ore 11:51:20
che si tratti di uno spot pubblicitario è ovvio ...
in ogni caso il suono mi sembra bello, molto controllabile nel percorso fra pulito/overdrive/distorto
Rispondi
MAh
di asrock89 [user #31134]
commento del 23/06/2015 ore 13:24:56
Cosa c'entra ''qui ci sono estimatori Fender e Gibson'' ? io sono un estimatore Gibson ma anche in questo stesso momento in cui sto scrivendo ho un'ibba a fianco a me e mi piacciono anche tanto le ibanez, sinceramente non capisco a cosa serva ogni volta che esce un articolo del genere fare delle diatribe sul forum tra chi dice che è solo una cosa commerciale e chi difende a spada tratta la persona in questione ! piuttosto sarebbe interessante discutere sulle qualità i pregi e i difetti che le cose che vengono propinate magari hanno alla vista all'udito e se del caso al tatto di noi del forum ! A cosa serve stare a discutere il perchè Satriani fa questi pick up ? come ho scritto io prima, di certo non lo fa per beneficenza, è il suo Lavoro e in quanto tale sia che guadagni centinaia di euro sia che ne guadagni migliaglia lo fa per lavoro, che poi il suo lavoro lo faccia anche per passione e con gusto non lo si mette in dubbio ma per quanto penso che ognuno sia libero di esprimere il proprio pensiero noto come sempre discussioni futili e diatribe inutili quando invece potrebberò nascere discussioni molto più interessanti e costruttive in questo forum delle solite chiacchiere da musicanti provinciali all'italiana.
Rispondi
Re: MAh
di angusnoodles [user #13408]
commento del 23/06/2015 ore 18:09:4
Credo che ad un Artista di quel calibro interessi più che la sua chitarra gli permetta di esprimersi come crede che vendere un pickup... Per cui io sono tra quelli che crede che quei pickup li abbia sulla sua chitarra perchè gli piacciono davvero e non per venderli...
Rispondi
Re: MAh
di yasodanandana [user #699]
commento del 23/06/2015 ore 19:34:04
deve mangiare pure lui
Rispondi
Re: MAh
di asrock89 [user #31134]
commento del 24/06/2015 ore 00:50:40
Se l'interesse fosse solo quello non li farebbe vendere col suo nome, come ho scritto lo fa di mestiere oltre che per passione, ho sentito chitarristi italiani di grande calibro dirmi che usano ibanez perchè gli piace ma anche perchè è un brand noto e paga e soprattutto ti da un'ottima e veloce assistenza tecnica anche tramite i negozi, utile proprio per gente che fa tuor in tutto il mondo, ma che se suonasserò a casa loro e a solo scopo del piacere userebberò altro, senza nulla togliere a ibanez (ibanez nel caso in questione magari altri che usano fender o gibson come signature la pensano allo stesso modo). Con questo non voglio dire che usano quella roba solo per commercio ma che comunque il commercio c'entra altrimenti farebberò altri lavori e suonerebberò solo per passione come le persone comuni.
Rispondi
Altro da leggere
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Fruscio di fondo con potenziometro del volume chiuso
P90 troppo basso? Non gettiamo la spugna: compriamola!
Joe Satriani: il terzo capitolo del fumetto “Crystal Planet”
Nel legno, su cornice o battipenna: cosa cambia per un pickup
Lollar racchiude i due mondi della chitarra nei pickup Eldorado
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964