HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La serie Turbosound iQ spiegata
La serie Turbosound iQ spiegata
di [user #116] - pubblicato il

Matteo Barbaro di Turbosound Italia spiega in video le casse iQ Series con modeling, antifeedback intelligente ed eq presettabili grazie ai DSP Klark Teknik.
La serie iQ si compone di quattro loudspeaker con coni da 8, 10, 12 e 15 pollici e due subwoofer con coni da 15 o 18 pollici. Novità per quanto riguarda il marchio Turbosound e che mette insieme delle caratteristiche tecniche davvero interessanti a partire proprio dagli amplificatori Klark Teknik. Questi erogano una potenza di 2500w in classe D per quanto riguarda le casse e di 3000 per la versione subwoofer, sempre in classe D. Anche i DSP (digital signal processor) sono marchiati KT e offrono delle features che proiettano questi sistemi di amplificazione portatili verso mondi decisamente più pro.

La serie Turbosound iQ spiegata

Il segnale può essere portato all’impianto non solo tramite XLR ma anche attraverso un cavo CAT5 utilizzando l’Ultranet. Il trasporto digitale offre diversi vantaggi sia dal punto di vista logistico sia da quello della pulizia del segnale che può arrivare allo speaker con una pulizia superiore rispetto a quella fornita da cavi XLR lunghi magari decine di metri.

Tutti i modelli sono dotati anche di un processore onboard che permette di controllare sia l’equalizzazione che i limiter. In questo modo si può gestire ogni parametro del suono senza nemmeno avere ancora acceso il mixer.

Lasciamo ora la parola a Matteo Barbaro, product specialist Turbosound Italia, che entrerà ancora di più nei dettagli in questo tutorial sulla serie iQ di Turbosound.

casse e altoparlanti impianti audio iq8 turbosound tutorial
Link utili
Maggiori info Turbosound in Italia
Altro da leggere
Pubblicità
Amplifcatori: più potenza non serve quanto...
Le casse HyDrive si rinnovano per il decimo...
LD System Maui 5 tanta potenza 11 chili...
Newport e Monterey: Fender firma le sue...
Pubblicità
Commenti
di Gasto [user #47138] - commento del 10/08/2017 ore 16:01:19
Ottima la possibilità di usare il cavo CAT5 al posto degli XLR. Mi pare un'ottima soluzione, non tanto per i disturbi (essendo XLR bilanciati) ma quanto per la perdita di segnale. Cosa ne dite?
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Venti attrezzi online per chitarristi
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964