HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Tante domande sui linear
Tante domande sui linear
di [user #116] - pubblicato il

Linear Fill è un manuale di batteria che esplora uno dei linguaggi batteristici più moderni e tecnicamente evoluti, quello del libera drumming. A meno di due mesi dalla pubblicazione il libro sta ottenendo ottimi consensi, suscitando interesse e curiosità. Per questo. l'autore Erik Tulissio, ha deciso di proporci una raccolta delle domande più frequenti che batteristi e allievi gli rivolgono sul manuale.
"Linear Fill" E' un metodo esclusivamente per batteria fusion?
Il linguaggio linear non è assolutamente circoscritto a un unico genere: nella batteria moderna lo possiamo ascoltare suonato nel rock, metal, punk, jazz, funk e persino nel reggae. La dinamica e la scelta delle frasi permettono di applicarlo indifferentemente a ciascuno di questi stili. Per questo, negli esempi audio di corredo al manuale, ho deciso di proporre le parti di batteria anche da sole, con il solo supporto del click. Perchè chiunque possa immaginarle e pensarle calate in un contesto musicale stilisticamente a sè vicino.
 
E' un manuale solo per il livello avanzato, rivolto a batteristi già con una certa esperienza?
Non è certo un manuale per imparare a suonare da zero.
Però, un aspetto affascinante del linguaggio linear è che può suonare bene a qualunque range metronomico. La sua coordinazione non richiede una preparazione tecnica avanzata. Per cui, se ridimensionate nella velocità esecutiva, le idee proposte fossono essere apprese e suonate con soddisfazione anche da batteristi di livello principiante/intermedio.
Al contempo, però, è bene precisare che per poter affrontare lo studio di questo manuale bisogna destreggiarsi almeno un po' con la lettura ritmica. 
Per questa ragione, trovo che sia un metodo particolarmente efficace, se affrontato come supporto didattico seguiti da un maestro.
 
E' un metodo per fare assolo di batteria? Perché a me basta fare i groove dritti...
E' un metodo che offre spunti nuovi e arricchisce il proprio linguaggio nei fill. Perchè, anche se si è amanti dei groove dritti, prima o poi, un fill va suonato: e questo non per gratificare il proprio ego, ostentando la propria bravura. Per impreziosire l'arrangiamento, rendere più efficace un accompagnamento, rendere più scorrevole e funzionale il passaggio da una sezione di brano ad un'altra. Se curiamo esclusivamente una sola parte del nostro batterismo, non stiamo servendo a dovere la musica.
 
E' necessario saper leggere la musica per seguire questo libro?
Come ho accennato sopra, sì. Benchè non si tratti di letture complicate,  comunque delle basi di solfeggio ritmico e sincopato bisogna averle. Se non si conosce  la lettura musicale, non si può comprendere appieno lo scopo del manuale. L'idea alla base di "Linear Fill", infatti,  è  sviluppare della frasi partendo da una linea  di solfeggio ritmico-melodica e applicarle su diverse scomposizioni ritmiche binarie e ternarie.
 
Se io ho già uno stile  batteristico mio, di impostazione tradizionale,  mettermi a studiare linear drumming mi costringerà a reimpostare da zero la tecnica? 
Assolutamente no. Imparare un linguaggio nuovo non richiede di reinventarsi. Acquisire  nuove impostazioni tecniche e teoriche non coporta necessariamente il fatto di dover mettere da parte le proprie conoscenze acquisite negli anni.
Semmai arricchirà il proprio linguaggio, rendendoci ancora più versatili in quello che sappiamo fare. Studiando si aumenta l'arsenale musicale che si ha a disposizione e si può offrire, a chi ci ascolta, una varietà più ampia di frasi e una maggiore musicalità.

erik tulissio lezioni di batteria linear
Link utili
Acquista "Linear Fill" nello store di Accordo
Altro da leggere
Pubblicità
Doppia cassa & modulazioni metriche...
Diario Di Bordo 1 – Guatemala City...
Roberto Gualdi: "Diario di bordo dal Messico"...
Aaron Spears: sospensione & pulsazione...
Pubblicità
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani....
Le origini di Marco Minnemann...
Via le mani!...
Linear Drum Fill - Funky sestine...
Un linear al giorno......
Un linear non linear...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964