CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere
Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere
di [user #46516] - pubblicato il

Scopriamo e proviamo la nuova serie di Crash Masters della Paiste. Suonarli è stata una festa: regalano uno dei feel sulla bacchetta tra i più gradevoli mai provati; crasharli è un piacere, sono morbidi e il suono non è invadente. Una serie di piatti che rispondono subito e rimangono molto definito. Si prestano ad un drumming pulito e definito che va dal pop al rock fino al funk. E sono capaci capaci di fare un figurone anche Jazz.
Lo spessore dei piatti è la caratteristica più rilevante di questa serie Masters. Non bisogna però, farsi trarre in inganno dal loro grande diametro (18”,19”,20”) che evoca scenari molto rock: sono dei crash dalla elevata reattività di suono con un decadimento molto veloce e si prestano egregiamente in tante situazioni stilistiche, strizzando l’occhio a funk e jazz.
Il suono è l’elemento più originale visto che si apre su una rosa di tonalità principalmente scure. Questo per Paiste rappresenta quasi una novità. Da sempre, infatti, una caratteristica della casa produttrice svizzera è l’elevata brillantezza di suono della fattura dei loro piatti.
Suonarli è stata una festa: regalano uno dei feel sulla bacchetta tra i più gradevoli mai provati; crasharli è un piacere, sono morbidi e il suono non è invadente. Anzi, verrebbe da dire che il volume resta piacevolmente basso, controllato. Un piatto che risponde subito e rimane molto definito, che si presta ad un drumming pulito e definito che va dal pop rock, al funk alla “Tower of power” ma è capace di fare un figurone anche Jazz. Tanto che crediamo che chi si ritrova nelle esigenze e caratteristiche di suono appena descritte, troverà in questa serie di piatti un must imprescindibile.
 Gli extra thins sono incomparabilmente morbidi e la loro risposta sensibile consente di crashare anche con la mano. Poi sono semplicemente meravigliosi nei crescendo suonati con i mallets. 
Da ultimo, meritano assolutamente una prova anche come crash ride,  affidandogli delle ritmiche un pò più dure e rock:  garantiranno una sospensione incredibile. Veramente spettacolari.

Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere

Paiste Masters extra thin Crash 18”
E’ il piccolo della serie, pur avendo un diametro importante. Il suono è suono caldo, morbido . Il volume al crash è piu basso rispetto ad altri piatti, una caratteristica di tutta la serie. Ci pare tagliato per per lo studio di registrazione e la microfonazione. Il 18”, consigliato come primo crash, si comporta benissimo in tutti i generi musicali. Ha un decadimento istantaneo ma la sua reattività è unica

Paiste Masters extra thin Crash 19”
Anche il suo fratello più grande si presta ad essere posizionato nella vostra parte sinistra di strumento, come primo crash. Nonostante la sua dimensione la reattività con cui crasha è spettacolare. Un abbinamento potrebbe essere il 19” come primo crash e il 20” come secondo. Altra gran idea, sarebbe usarlo come secondo crash ed avere il 18” come primo crash. Rispetto al 18”, di cui mantiene lo stesso DNA,  ha un suono leggermente piu scuro.

Paiste Masters extra thin Crash 20”
Il 20” da soddisfazione quando viene utilizzato come piatto d’accompagnamento su ritmiche solide. Regala dei magnifici colori, principalmente scuri, rimanendo comunque con un suono controllato. Nel rock è una bomba, perchè esalta il suono di cassa e rullante. Si può utilizzare come secondo crash (nelle situazioni piu spinte) ma va provato anche come ride con dinamiche più tenui.  Ha un attacco immediato, definito e di sicuro farà innamorare molti batteristi.

Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere

Paiste Masters Dark Crash Ride 22”
Della serie è senza dubbio il piatto più complesso in assoluto. Difficile descriverlo: ma per dare un’idea si potrebbe dire che ha un tono quasi orientale. Al tocco è burroso e sembra di affondare la bacchetta nel piatto. La voce comunque è delicata e mantiene, come tutta la serie, quel carattere scuro caratteristico  con una discreta definizione del colpo. Al crash è potente e con un buon volume, di sicuro quello più alto di tutta la serie. 
Ci conquista il fatto che rimanga un piatto comunque misterioso, con diversi e complessi strati di suono.
Questo lo fa, di sicuro, il piatto più “Jazz Friendly”  della linea. Quanto all’utilizzo, farà un ottimo lavoro dai piccoli jazz club ai grandi studi di registrazione. Da provare!



 
crash paiste recensioni
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Il sito della Paiste
Aramini, il distributore italiano di Paiste
In vendita su Shop
Visualizza il prodotto
Laney RB2 RICHTER AMPLIFICATORE PER BASSO
di Musicanova
 € 139,00 
 
DIAMOND - CPR 1 COMPRESSOR PEDAL
di Music Works
 € 163,90 
 
FENDER USA CUSTOM SHOP RORY GALLAGHER STRATOCASTER RELIC + CUSTODIA RIGIDA
di Penne Music
 € 3.749,00 
 
prodipe dr8 salmieri set
di Scolopendra
 € 200,00 
Visualizza il prodotto
Sterling by Music Man Axis Van Halen ST AX3SWH Nuova imballata. Spedita!
di Dream Music Studio
 € 363,00 
 
PIONEER DDJ-400 Controller DJ per Rekordbox
di Music Delivery
 € 279,00 
 
YAMAHA YFL-212 FLAUTO TRAVERSO DA STUDIO ARGENTATO CON MI SNODATO YFL212 + CONTROLLO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 552,00 
 
M-Live Merish 5
di Banana Music Store
 € 1.390,00 
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato
Quando il batterista è diventato protagonista
Il batterista e l'ingegnere
Adam Deitch: batterista e produttore
Addio a Pat Torpey: innovazione, leggerezza e intelligenza
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"
Questione di resistenza
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Linear Fill: il metodo di batteria
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
Pierpaolo Ranieri: curiosità, ascolto e studio per crescere nella musica
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
PEAVEY VALVEKING 112 AMPLIFICATORE VALVOLARE 50 W RIVALVOLATO TRATTABILE FOOTSWITCH
Visualizza l'annuncio
Visualizza l'annuncio
Zoom Q3 HD
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964