CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
An evening with Mark Knopfler and his band
An evening with Mark Knopfler and his band
di [user #33493] - pubblicato il

L’ultima volta che lo avevo visto dal vivo era stato nel settembre del 1992. I Dire Straits erano una tradizione di famiglia e il regalo per i miei diciassette anni fu il biglietto per la data fiorentina dell’incredibile “On Every Street Tour”. Non potevo sapere che sarebbe stata l’ultima occasione per vederli.
Dopo lo scioglimento della band nel 1995, il genio ungaro-scozzese ha intrapreso una carriera solistica che lo ha portato a realizzare 9 album a suo nome, ma già prima di quella fatidica data si era impegnato su altri fronti. Ha realizzato, infatti, dischi in collaborazione con altri artisti (basti ricordare quelli con i Notting Hillibillies, Chet Atkins e Emmylou Harris), è intervenuto in qualità di session man in più di un centinaio di dischi di altri musicisti e ha realizzato svariate colonne sonore, oltre a essersi occupato della produzione di progetti di rilievo, tra cui lavori di Bob Dylan, Randy Newman e Willy DeVille. A questo, aggiungiamo il fatto che ha vinto premi e ricevuto riconoscimenti di ogni tipo (ha tre dottorati onorari in musica da altrettanti college britannici, per dirne una). Insomma, un artista che ha lasciato un segno profondo nella musica degli ultimi 40 anni.
Eppure, benché la mia stima sconfinata verso questo Maestro non sia mai venuta meno, senza neanche accorgermene, me ne sono progressivamente allontanata. Mentre Knopfler sfornava meraviglie più intimiste, misurate e mature, la mia passione per il rock più muscoloso (e forse la mia età!) mi ha portato verso altri territori. Non che mi sia mai privata del piacere dell’ascolto dei suoi dischi (soprattutto di quelli dei Dire Straits), ma per 27 lunghi anni non sono andata a un suo concerto perché lo sentivo meno vicino a me di quanto fosse stato in passato e di altri artisti.
Tempo fa, la notizia della sua presenza in cartellone al Lucca Summer Festival e un brivido lungo la schiena: era tempo di rivederci. Arrivando in piazza Napoleone pochi minuti prima dell’inizio del concerto, il colpo d’occhio è stato sconvolgente: è stata una fortuna essersi premurati per tempo di reperire i biglietti, perché a quanto pare la sua data ha registrato un bel sold out. Alle 21 in punto il live ha avuto inizio.
Knopfler è stato accolto con una standing ovation che faticava a rientrare, tanto era l’entusiasmo del suo pubblico. Ad accompagnarlo, una band vecchie conoscenze come Guy Fletcher (tastierista e direttore musicale), Richard Bennett (chitarra), Danny Cummings (percussioni e cori), Ian “Ianto” Thomas (“l’orgoglio del Galles”, batteria), Glenn Worf (bassista, del Wisconsin), Jim Cox (piano, definito da Knopfler come un genio assoluto), Mike McGoldrick (considerato uno dei migliori flautisti al mondo), John McCusker (violino e cittern, strumento simile al liuto n.d.r.) e due nuovi acquisti, Tom Walsh (giovane trombettista britannico) e Graeme Blevins (sassofono). In realtà sono quasi tutti polistrumentisti, tanto che Knopfler comunica con orgoglio che il suo ensemble complessivamente suona ben 48 strumenti!

An evening with Mark Knopfler and his band

Il concerto è durato due ore, con 14 pezzi e tre bis. Oltre ad attingere a quasi tutti i dischi solistici, la setlist ha elargito ben sei brani dei Dire Straits (tre dei quali dal fortunato Brothers in Arms) e due brani dalle fortunate colonne sonore che ha composto: “She’s Gone”, dalla soundtrack di Metroland, e una chiusura da brivido con “Going Home”, dal film Local Hero. L’assortimento dei brani ha reso conto della varietà della produzione di questo gigante e molto più. Se Knopfler è un chitarrista leggendario per il suo stile inconfondibile che una volta di più ha mandato in estasi il pubblico, in questo nuovo incontro, quasi come in un’epifania, mi sono resa conto del perché per me sia sempre stato molto di più di un maestro della sei corde. Ascoltarlo eseguire i suoi brani mi ha ricordato quale incredibile compositore, autore e interprete sia: la capacità evocativa dei suoi testi lo rende, a mio gusto, uno dei più raffinati singer-songwriter di sempre (a dire il vero ogni definizione del suo ruolo risulta riduttiva, considerata l’ampiezza delle sue competenze) e il modo in cui li canta, così scevro da orpelli e intensissimo, lascia alla storia narrata dal brano la centralità assoluta.
Knopfler appartiene alla grande tradizione dei cantastorie, molti dei suoi brani sono autobiografici e in essi narra la quotidianità - passata e presente - di un’antirockstar come solo un vero maestro della parola sa fare (la sua laurea in inglese, l’esperienza come giornalista e critico musicale e l’insegnamento in un college prima di sfondare nel mondo della musica sicuramente hanno costituito un interessante background). È stato splendido accompagnare un Mark sedicenne nel suo viaggio in autostop una vigilia di Natale di tanti anni fa, riscoprire con lui la poesia del desiderio di un lavoratore di consumare il suo agognato bacon roll in un bar britannico, immergersi nelle vicissitudini degli operai del Tyneside costretti a emigrare in Germania e ascoltare il dipendente di un negozio di elettrodomestici accanirsi contro le popstar che vede sugli schermi delle tv sintonizzate su MTV, il tutto in un crocevia sonoro in cui si incontrano blues, folk, country e rock.
Insomma, protagonista assoluta del concerto è stata, come prevedibile, la musica. Con una scenografia praticamente assente (solo dei fari e davvero minimalisti), l’unica distrazione che ha strappato il pubblico alla malìa dei brani sono stati i cambi chitarra: l’entrata sul palco della storica Strato fiesta red, della Les Paul sunburst, della Danelectro 59 ma soprattutto della mozzafiato Pensa MK90 hanno fatto partire dei boati di ammirazione!
Il 12 agosto prossimo Knopfler compirà 70 anni e ha detto al suo pubblico di aver preso in considerazione l’ipotesi di andare in pensione, ma alla fine ha pensato «mi piace, che posso fare?». Intanto stanno per giungere al termine le date europee del Down the Road Wherever Tour, che è inziato a Barcellona lo scorso aprile e che prende il nome dal nono disco solistico di Knopfler, registrato nei suoi British Grove Studios a Londra e uscito alla fine dell’anno scorso. La band partirà subito dopo per una trentina di concerti negli USA e in Canada.
Sperimentato un concerto del genere si comprende che non esiste qualcosa di grandezza superiore, ma che, se mai, musica di pari grandezza può assumere una forma diversa. Spero di avere un’altra chance (senza far passare 27 anni, però)!

An evening with Mark Knopfler and his band
 
SETLIST
1. Why Aye Man
2. Corned Beef City
3. Sailing to Philadelphia
4. Once Upon a Time in the West (Dire Straits)
5. Romeo and Juliet (Dire Straits)
6. My Bacon Roll
7. Matchstick Man
8. Done with Bonaparte
9. Heart full of Holes
10. She’s Gone (dalla colonna sonora di Metroland)
11. Your Latest Trick (Dire Straits)
12. Postcards from Paraguay
13. On Every Street (Dire Straits)
14. Speedway at Nazareth
BIS
15. Money for Nothing (Dire Straits)
BIS 2
16. So Far Away (Dire Straits)
BIS 3
17. Going Home (dalla colonna sonora di Local Hero)
concerti mark knopfler
Nascondi commenti     10
Loggati per commentare

di dale [user #2255]
commento del 23/07/2019 ore 14:26:21
Visto a Cattolica, lo aspettavo da una vita.
Purtroppo la location infelice ha un po'penalizzato il concerto.
Certo che quando il Nostro prende in mano la chitarra possiamo solo tacere e far partire le emozioni.
Posato, misurato, non spreca note, non ne ha bisogno, cura il vibrato, ampio, espressivo, riflessivo, cura la dinamica.
Non annoia mai, io preferisco addirittura la sua carriera solista ai Dire, anche se alcuni pezzi sono davvero mitologici.
Purtroppo non ha fatto Brothers in arms :-((((
Rispondi
di dodomoon [user #2184]
commento del 23/07/2019 ore 15:04:34
visto a Lubiana. stessa identica scaletta. Un gigante umile e schivo...

Nota simpatica per chitarrai... ad un certo punto, mentre raccontava la sua vita, ha detto che quando era giovane aveva solo una chitarra e neanche un amplificatore, ora invece ha un sacco di chitarre in ogni stanza. Poi con un sorrisetto ha detto una cosa come " vedrete quando le metterò in vendita io" riferendosi all'asta delle chitarre di Gilmour
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 23/07/2019 ore 18:28:22
Anch’io ero a Cattolica qualche giorno fa.
Lo seguo sui dischi da sempre, l’ultima volta Live è stato con gli Straits anche per me, e lo trovo ancora immenso.
Grandi emozioni e una band strepitosa.
A Cattolica, più che location infelice, ho trovato un’organizzazione Infelice, e non è prerogativa del romagnolo.
Rispondi
di prada [user #19807]
commento del 24/07/2019 ore 12:57:38
Pure io ero a Cattolica, e confermo ogni tua impressione.
Grandissimo concerto, una band stellare e MK non ha perso nulla del tocco e della classe; un musicista davvero sensazionale. Peccato per l'organizzazione farraginosa e la location assolutamente inadeguata (anche Guy Fletcher, il suo band master, se n'è lamentato).
Rispondi
di oscar1965 [user #19484]
commento del 23/07/2019 ore 18:58:42
Visti i DS l’estate dell’81 a Sanremo (allo Stadio, non all’Ariton :) e qualche anno fa a Locarno: un grande
Rispondi
di LaPudva [user #33493]
commento del 24/07/2019 ore 16:23:23
Quel tour deve essere stato FENOMENALE!
Rispondi
di oscar1965 [user #19484]
commento del 25/07/2019 ore 09:21:36
:)
Rispondi
di lbaccarini [user #14303]
commento del 24/07/2019 ore 15:57:06
Ha suonato una Don Grosh offset (stile Jazzmaster) con P90??? E' una novità assoluta per lui!
Rispondi
di tramboost utente non più registrato
commento del 25/07/2019 ore 13:35:1
Ho sempre adorato i Dire Straits, per anni ho fatto il pendolare, e sempre per anni la mia colonna sonora mattutina che mi cullava verso il posto di lavoro è sempre stata Romeo And Juliet. Poi un giorno mio suocero, mi prestò diversi cd di Knopfler in veste da solista, ed è stato amore come per i Dire Straits, Get Lucky, GoldenHeart, Privateering, questi album mi hanno fatto percepire quanto sia immenso questo artista, poi nel 2013, la mia compagna mi regalò i biglietti per il tour di Privateering, al forum D’Assago, fu un bellissimo concerto, non immaginai di ritrovarmi davanti ad una band così numerosa e così immensa di talento ed energia!
Fece anche in quell’evento svariate canzoni dei Dire Straits, ricordo che quando attaccò con Sultans Of Swing ci fu un boato pazzesco, però ricordo anche che in quella data aveva una voce molto stanca ed affaticata che usciva quasi a stento, ma nonostante questo, lasciò ad un palazzetto stracolmo di gente, una serata indimenticabile ;)
comunque grazie per questo bellissimo articolo!
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 26/07/2019 ore 07:59:14
Ciao,bellissimo pezzo.
Un gigante. Io sono cresciuto a pane e Knopfler, è stato il mio maestro virtuale, ma neanche tanto perchè quando suoni sempre tanta roba sua alla fine c'è quasi come un contatto fisico. Gusto musicale immenso, tecnica sopraffina. Mi ha fatto innamorare di generi che non avrei considerato mai, tipo certe atmosfere country, ma oserei dire pure delle ballad hawaiian-style, con quell'uso particolare delle lap-steel. Poi i flauti. Insomma toccatemi tutto ma non MK.
Buona giornata
Rispondi
Altro da leggere
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
Eric Clapton positivo al Covid-19: rinviati i concerti di Bologna e Milano
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
Malaman e Mancuso assieme per Yamaha: stasera l'evento in streaming
Guarda Jon Gomm in concerto dal suo studio
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato
In vendita la Gretsch White Falcon dei Foo Fighters
TAD Redbase: valvole contro la crisi
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964