CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Steve Vai presenta Pia
Steve Vai presenta Pia
di [user #17404] - pubblicato il

Non c'è dubbio che PIA, la nuova chitarra Signature di Steve Vai, sia stata la sei corde più chiacchierata e attesa dell'ultima edizione del NAMM. Accordo è stato invitato alla conferenza stampa indetta da Ibanez dove, Steve Vai in persona, l'ha presentata ai giornalisti presenti.
"Quando ho iniziato a pensare all’idea di far evolvere la Jem in qualcosa di diverso e ho cominciato a ragionare su Pia, ho subito deciso di seguire una regola che ha accompagnato la mia carriera: non preoccuparmi di fare qualcosa per assecondare le aspettative degli altri. Perchè, se scrivi un brano musicale o progetti o disegni qualcosa di artistico cercando di inseguire i gusti, le mode, gli umori del grande pubblico, sei destinato a fallire. È una cosa che ho imparato molto presto.

Steve Vai presenta Pia

Se invece ti preoccupi unicamente di creare qualcosa che ti piace, ti rispecchia e ti fa sentire bene, rischi di incorrere in un successo addirittura doppio. In primo luogo perché hai gratificato te stesso creando qualcosa che è una proiezione della tua personalità, hai progettato qualcosa che ti piace e che funziona bene per te. In secondo luogo, perché se questa creazione raccoglie il consenso di una fetta di pubblico quella sarà un’audience sinceramente e autenticamente interessata a te, vicina e complice alla tua anima artistica. Probabilmente, io non ho mai avuto un seguito enorme, da PopStar. Ma ho un pubblico comunque ampio e fedele, che ama davvero quel che faccio e mi fa sentire appagato. 
E' stato così con la musica che ho fatto ed è accaduto lo stesso con la Jem, la chitarra che ho disegnato e che forse, ha avuto ancora più successo tenuto conto anche della straordinaria popolarità della sua sorellina, la RG.

Steve Vai presenta Pia

Quando ho disegnato la Jem non mi sono preoccupato di pensare a una chitarra che piacesse a tutti. Io avevo bisogno di una chitarra che assecondasse tutti quegli aspetti - per allora davvero innovativi – del mio modo di suonare che le chitarre tradizionali del periodo non mi permettevano di valorizzare: il fatto di avere uno scasso dietro al ponte che mi permettesse di tirare le corde e non solo abbassarle;ventiquattro tasti con lo scalloped su quelli più alti e un’ampiezza del corno inferiore del body che consentisse di scorrazzare su questa porzione di tastiera senza freni; far coincidere la potenza sonora del doppio humbucker tipica della Les Paul con il sound clean ritmico del single coil centrale, peculiare della Stratocaster. Inoltre, c’era la mia indole estrosa, da rockstar 25 enne che aveva delle idee sopra le righe ma molto chiare anche sul lato estetico. Volevo una chitarra fosforescente, giallo, rosa, verde... e altri dettagli disorientanti e per be bellissimi, qualcosa di assolutamente scioccante come un buco sul body per impugnare la chitarra, il monkey grip, o i segna tasti a forma di piramide fosforescente o che attraversassero la tastiera come un ramo con le foglie.

Steve Vai presenta Pia

Sarò sempre grato a una compagnia rispettabile e austera come Hoshino e Ibanez di aver assecondato queste bizze da giovane rocker visionario e fuori di testa! Anzi, i veri visionari furono loro: la Jem ha avuto un successo enorme. Io non ho fatto un disco che ha avuto gli stessi riscontri in termini di successo della Jem!
Così, ho sentito l’esigenza di creare una una chitarra che questa volta, assecondasse le idiosincrasie del mio modo di suonare oggi, a questo punto della mia carriera e della mia esperienza. La Jem resta un classico, uno strumento di successo che rispecchiava il mio playing di 25 enne. La Pia riflette, invece, la mia sensibilità, gusto e attitude attuale.

Steve Vai presenta Pia

Non ci sono solo innovazioni estetiche sulla PIA rispetto alla Jem. Anche perchè sulle Jem ci siamo sempre preoccupati di inserire negli anni delle varianti in questo senso.
Come nella Jem, la prima cosa che colpisce su PIA è lo scasso, l’impugnatura sul body. Ed è anche la prima cosa dalla quale sono partito visto che è, di sicuro, la più peculiare della Jem. 
Volevo qualcosa di semplicemente diverso dal monkey grip anche perché, francamente, sfido chiunque a trovare una tipologia di impugnatura più pratica e funzionale. Volevo mantenere la presenza di uno scasso ma cercavo qualcosa di diverso. Così ho pensato a una delle cose più delicate, eleganti e incantevoli presenti in natura: il petalo di un fiore. E ho lasciato che queste forme ispirassero quelle dello scasso che, questa, volta, si è fatto doppio. Non potete nemmeno immaginare quanto questa ricerca, squisitamente estetica, ha assorbito me e lo straordinario team creativo di Hoshino/Ibanez. Per mesi ci siamo scervellati su piccole sfumatura, varianti di disegno e posizione fino a trovare quella che ci soddisfacesse del tutto.

Steve Vai presenta Pia

Tra l’altro, questo doppio scasso richiama anche la forma dello Yin & Yang, il simbolo dell’equilibrio, dell’armonia che credo sia perfetto su uno strumento musicale. Le linee dei petali dell’impugnatura sul body della PIA, hanno condizionato anche quelle del body e delle sue smussature che si sono fatte meno spigolose e aggressive di quelle della Jem; ora sono leggermente più arrotondate e morbide. Anche gli intarsi sulla tastiera, restano fedeli al tradizionale disegno “Tree Of Life” della Jam ma seguono linee e dimensioni degli intarsi sul body, creando un’efficace sinergia visiva sulla chitarra. E infine, le cover degli Humbucker sono state disegnate ad hoc da Mike Mesker, Graphic Designer della DiMarzio per richiamare, ancora, le forme dei petali di fiore. I pick up sono uno degli elementi esteticamente più ricercati della chitarra: c’è un rivestimento metallico delle bobine che è sempre dorato, su ogni modello, mentre la bobina richiama, di volta in volta, il colore della PIA che li ospita. Gli Humbucker della Pia, comunque, non sono nuovi solo nell’estetica. Assieme a Larry DiMarzio abbiamo lavorato per un nuovo Humbucker chiamato UtoPIA che, partendo dalla dal DNA degli Evolution, li riproponesse in una veste leggermente più potente di output, più scavata sulle medie alte e maggiormonte pronunciata sulle basse.
Come ho detto, il fatto che il corno inferiore della Jem agevolasse il fatto di suonare sui tasti più alti era uno degli elementi più apprezzati di questa chitarra. E ci ho lavorato ancora: nella più PIA questo aspetto è ulteriormente smussato rendendo ancora più agevole il lavoro della mano sinistra.

Steve Vai presenta Pia

Poi ho introdotto come caratteristiche di serie diverse migliorie che da anni sono presenti sulle mie Jem: per esempio la piastra sul retro del body che da accesso alla regolazione delle molle del ponte non è più fissata tramite viti ma a calamita; oppure ho inserito un filtro sulle alte attivabile tramite push-pull sul volume che non intacca la proiezione cristallina del suono quando si abbassa il volume. E la leva del vibrato che ora è in fibra di carbonio ed è davvero leggerissima. Ancora riguardo al controllo del volume, questo è spostato leggermente verso il basso, creando ancora meno intralcio al lavoro della mano destra quando plettra.
Da ultimo, la spiegazione del nome: PIA. PIA è l'acronimo di Paradise in Art che è letteralmente come descriverei questa chitarra. E, al contempo, PIA è il nome di mia moglie con la quale sono sposato da quarant’anni."
 
 
dimarzio ibanez jem namm2020 pia steve vai ultime dal mercato
Link utili
La pagina della PIA sul sito Ibanez
Il sito Ibanez
Il sito di Steve Vai
I pickup UtoPIA sul sito DiMarzio
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

di umanile [user #42324]
commento del 17/02/2020 ore 19:14:58
Un redesign minimo per una chitarra che suonerà in maniera molto simile alla Jem. Per completisti.
Rispondi
di marchino72 [user #29854]
commento del 17/02/2020 ore 23:03:42
Pensa se la moglie si fosse chiamata Piccarda...
Rispondi
di Rothko61 [user #32606]
commento del 18/02/2020 ore 09:25:20
Appena pubblicate le prime foto e le prime notizie sulla PIA, avevo mille obiezioni e riserve.
Per quanto io ami le Ibanez, non ne ero affatto colpito.
Guardandola adesso, imbracciata da "lui", mi sembra bellissima.
Secondo me, è il tipico caso di chitarra cucita addosso al chitarrista.
Non è, come molte signature, una chitarra con una firma apposta per ragioni di marketing. Qui la firma di Steve Vai è proprio in ogni dettaglio.
Io non la comprerò, però nelle mani di Steve mi sembra stupenda.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 18/02/2020 ore 10:25:21
Concordo coi commenti sopra: è certamente una vera signature, ma altrettanto (e forse proprio per questo) non si discosta così tanto dalla jem che la si possa considerare nuova. Da possessore della Jem mi ritego già soddisfatto.
Ciao
Rispondi
di stevepauljoe [user #20194]
commento del 18/02/2020 ore 12:26:09
Bellissima, e a leggere le fasi della sua "creazione" come spiegato da Steve Vai, mi piace ancora di più... nel 1994 acquistai una jem 77 floreale la bfp.... dal noto Tommassone a Bologna..... uno spettacolo ... che affianco a strato e les paul.... completando il tutto.... ma questa è davvero... splendida... mannaggia... mi tocca programmare un altro acquisto..
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758]
commento del 18/02/2020 ore 13:32:54
Onore al merito! Ancora una volta il buon vecchio Steve è riuscito a fare centro* La "PiA" è una chitarra, indiscutibilmente, legata alla "Jem" (con la quale condivide il 90%delle caratteristiche generali), ma colpisce l'attenzione ai dettagli che sono stati aggiornati. Ogni particolare non è mai fine a sé stesso... Vai da sempre si contraddistingue per il simbolismo ed il significato insito in ogni sua creazione. In quest'ultimo caso, ha cercato di migliorare (o meglio) "adattare" alla sua immagine attuale, l'oggetto che da oltre trent'anni lo rende riconoscibile. Negli ultimi vent'anni ho posseduto quattro modelli di Jem, tre dei quali ancora con me... Escludendo la serie 555, che pagava il prezzo di componentistica non proprio all'altezza del nome, sono tutti strumenti di eccezionale qualità costruttiva. La mia 77FP suona magnificamente con i suoi PAFpro e risulta più calda e gestibile della 7V; gli Evolution richiedono molto controllo... ma sanno premiare se si suona in modo impeccabile! I nuovi Pickups progettati in esclusiva per le Pia mi intrigano... il bilanciamento delle medio-basse e la possibilità di tagliare le alte frequenze a portata di manopola, potrebbero fare la differenza. Indipendentemente dall'aspetto estetico (lo trovo raffinato e glamour), credo che questo nome avrà maggiore successo tra i collezionisti che non tra i chitarristi.

PS: se avessi soldi da buttare, confesso che mi regalerei quella bianca... ma con le mie nove elettriche (per ora) mi ritengo più che soddisfatto😊 - Buona musica a tutti e lunga vita a Vai✨
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 18/02/2020 ore 13:42:56
Quella bianca è molto bella, è una delle pochissime chitarre tamarre (di derivazione Strato), che mi comprerei, forse l'unica.
Rispondi
di therival [user #5160]
commento del 18/02/2020 ore 14:51:30
Bellissime... tra qualche anno ci farò un pensierino.
Rispondi
di Roccobianchi33 [user #51050]
commento del 23/02/2020 ore 09:19:05
Dettagli migliorati di una chitarra precedente già perfetta per fare rock ,blues e il solista alla Steve Vai o similare. Scommetto che sarà comodissima e velocissima come la precedente. Spero non costerà una milionata!! :) Lo switch sul volume è interessante.
Rispondi
Altro da leggere
Flex-Able, il debutto di Steve Vai
Album, la scappatella punk di Steve Vai
Steve Vai dalla parte di un batterista
Alcatrazz, il fortunato flop di Steve Vai
Eat'em and Smile, la consacrazione di Steve Vai
Steve Vai, Guitar Extravaganza!
Quando il Dio della chitarra andava a lezione - Intervista a Steve Vai
Steve Vai e la chitarra che suona da sola
Steve Vai & David Lee Roth: troppo famosi per suonare
Steve Vai e Billy Sheehan raccontano "Eat 'em and Smile"
Steve Vai: "Passion and Warfare Tour" con Dolcetti
Intervista a Steve Vai: da Flex-Able a Passion And Warfare
A lezione con Steve Vai
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un miserabile
Steve Vai “Alien Guitar Secrets”: qualche riflessione
Steve Vai: la prima cosa che provo in una chitarra? La leva
Steve Vai racconta 30 anni di JEM
"Salamanders in The Sun": omaggio a Steve Vai
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964