VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Muse: le Epiphone moderne Inspired by Gibson
Muse: le Epiphone moderne Inspired by Gibson
di [user #116] - pubblicato il

Les Paul e SG ricevono dotazioni tecniche aggressive, suonabilità moderna e finiture appariscenti per la gamma Epiphone Muse.
I cataloghi Gibson ed Epiphone mirano sempre più a una semplificazione dell’offerta. Lo scopo è rendere la vita facile per l’utente alla ricerca del prossimo strumento, accontentando al contempo i fanatici della tradizione e i musicisti più propensi alle novità. A questi ultimi si rivolge la serie Muse di Epiphone, una collezione di modelli ispirati alla storia Gibson rivisti in chiave decisamente moderna.

Les Paul e SG si vestono di sgargianti colorazioni metallizzate e offrono ai chitarristi una lista di specifiche tecniche rivolte alla performance e alla versatilità, con un’attenzione per il prezzo sul cartellino.

Muse: le Epiphone moderne Inspired by Gibson

Fedeli alla scuola Epiphone, tutti i modelli della gamma Muse si basano su un body in mogano, che qui è sagomato anche sul retro per maggior comfort. I modelli Les Paul sfoggiano inoltre un profilo leggermente più sottile rispetto allo standard e una struttura con camere di alleggerimento sotto il top in acero per contenere il peso totale.
Incollato come da tradizione, il manico in mogano è completato da una tastiera in alloro. Il profilo Custom C promette suonabilità anche per le mani più minute, mentre la dotazione di 22 medium jumbo fret su raggio da 12 pollici e una scala da 24,75 pollici garantisce un approccio quanto mai convenzionale.
In cima, un capotasto GraphTech NuBone promette una buona tenuta d’accordatura anche grazie al ponte LockTone ABR con relativo stoptail.
Scelta particolarmente apprezzata dai fanatici del vintage e delle “derive gibsoniane”, tutte le chitarre della serie Muse sfoggiano la rinnovata paletta a libro in stile Kalamazoo.

Muse: le Epiphone moderne Inspired by Gibson

L’elettronica dei modelli rimarca la natura moderna e versatile della collezione. Sulle Les Paul e le SG trovano posto due pickup Alnico Classic PRO, abbinati all’immancabile quartetto di speed knob per toni e volumi, più il selettore a tre posizioni per la miscelazione dei pickup.
Gli humbucker consentono lo split operando sui potenziometri dei volumi e inversione di fase accessibile attraverso quelli dei toni. Il circuito include inoltre un sistema di treble bleed per preservare le frequenze più acute anche durante il roll-off del volume.



Pensate per i musicisti desiderosi di imbracciare un classico senza tempo, ma incuriositi dalle estetiche inedite e dai contenuti moderni, le Epiphone Muse saranno disponibili nelle finiture metallizzate Radio Blue, Wanderlust Green, Purple Passion, Jet Black, Smoked Almond, Pearl White, Scarlet Red.

Sul sito Epiphone è possibile vedere le Les Paul Muse a questo link e le SG Muse a questa pagina.
chitarre elettriche epiphone les paul muse sg
Link utili
Les Paul Muse sul sito Epiphone
SG Muse sul sito Epiphone
Mostra commenti     17
Altro da leggere
Billy Gibbons strapazza le Fender Vintera II al suono di Jimmy Reed
Cesareo e la Fender Strat del 1966 di "Tapparella"
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Julietta: la Duesenberg più accessibile
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964