DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
di [user #23550] - pubblicato il

La chitarra in finitura satin ha acquisito delle zone lucide dove il corpo strofina di più negli anni trasformandosi in un leopardo? Pasta abrasiva finissima, e il nostro lettore gabbahey ha risolto trasformando la Satin in una soft-Gloss.
Vorrei rendervi partecipi e sentire i vostri commenti a proposito della mia Gibson ES339 del 2014 in finitura Satin Cherry Red.
Per chi non lo sapesse, la finitura Satin ha lo stesso colore della 339 Standard in questo caso Cherry Red, ma non ha sopra la verniciatura lucida detta Gloss, da non confondere in nessun modo con le Faded.

Questa finitura ha una particolarità, ovvero assume col tempo - nelle parti a contatto con il nostro corpo tipo mani o braccia - una sorta di lucidità che resta permanentemente sullo strumento, al contrario delle sorelline Glossy (che sono praticamente quasi tutte le altre chitarre del mondo, comprese le mie) che col passare degli anni possono rovinarsi e diventare opache sino a perdere la verniciatura.

Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss

Ritengo la finitura Satin molto bella, come da foto in alto, ma ovviamente la chitarra stava assumendo questa connotazione sopra descritta di parti lucide e opache. Ho deciso quindi, non senza mille dubbi, perplessità e paure di rovinare uno strumento che ritengo essere un'opera d'arte, di smontare le parti "smontabili" e di passarci leggermente sopra con molta pazienza e cura una pasta bianca che vendono nei negozi di strumenti. Un prodotto tipo la Losso made in USA per intenderci, leggerissimissimamente abravisa.
Il risultato è stato per fortuna molto soddisfacente: lo strumento ha ora una finitura lucida e omogenea.

Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss

Il risultato è nelle restanti foto e consiglio la procedura a chi volesse apportare questa modifica al proprio strumento con la raccomandazione di stare attenti e leggeri con le passate di questa pasta bianca, che va spalmata in modo circolare con un panno morbido possibilmente di cotone.

Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
chitarre semiacustiche es339 fai da te gibson gli articoli dei lettori manutenzione
Mostra commenti     35
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Una Gibson Les Paul Standard gold top del 1958
La sottile inesistenza del vintage
Il punch degli AC/DC in un pedale
FluxElectrick: envelope e ring in salsa australiana
Come nasce la cassa di una chitarra acustica: Gibson lo racconta
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964