CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Il twang del Quaio a Sanremo con Pelù
Il twang del Quaio a Sanremo con Pelù
di [user #116] - pubblicato il

Michele Quaini, il Quaio, è uno dei nostri eroi. Chitarrista sopraffino e da sempre attivissimo su queste pagine, ieri sera a Sanremo al fianco di Piero Pelù ha spettinato il pubblico dell’Ariston con una performance chitarristica sopraffina: suono, presenza e un twang sulle basse bello da piangere. Ci siamo fatti raccontare tutto. Persino del Kemper che mai avremmo pensato di vedergli alle spalle.

Quaio che voce! Sei stanco?
Guarda tra una cosa e l'altra abbiamo fatto le sette questa mattina. Siamo usciti dal dopo festival attorno alle due. Tra l'adrenalina del dopo esibizione che ti fa passare la voglia di metterti a letto, una focaccia, due birrette e quattro chiacchiere in un attimo si è fatto quell'ora. ...e poi c'era l'eccitazione del terzo posto. Ora, tra nemmeno un'oretta, saremo di nuovo in teatro a provare.



Dai raccontaci tutto: partiamo dalla Strumentazione...

Per una situazione come Sanremo sono stato praticamente simpaticamente costretto a utilizzare il Kemper. Sia chiaro, nessuno mi ha letteralmente obbligato a farlo, ma era davvero una scelta necessaria.

Da te che sei uno strenuo sostenitore della valvola però una spiegazione in più la vogliamo…
Partiamo dal presupposto che io sono stato coinvolto un po’ all’ultimo in questa situazione e da subito la produzione ha premuto perché utilizzassi il Kemper. Io ho cercato di dire la mia, proporre l’ampli ma ragionevolmente ho subito convenuto che il Kemper fosse la soluzione più idonea. Quando accompagni un artista in una situazione così devi pensare che sei l’ultima ruota dl carro: sali sul palco e hai otto secondi per essere operativo: se un tecnico mette male o dimentica il microfono, un pedalino non funziona… insomma non solo sono unicamente cazzi tuoi, ma rischi di far sì che l’artista che ti accompagna ne risenta. Con il Kemper arrivi, attacchi due cavi e tutto è a posto!
 
Tu lo conoscevi bene il Kemper?
No, e per come sono fatto non avrei mai accettato di salire su un palco del genere senza conoscerlo a menadito. Quindi, il giorno stesso che sono stato chiamato per suonare con Pelù sono andato in negozio e l’ho comperato!

Il twang del Quaio a Sanremo con Pelù

L’hai studiato molto?
Purtroppo non quanto avrei voluto. Ma la mia fortuna è che avevo già dei suoni pronti. 
Tempo addietro ho collaborato con Rigbusters per profilare dei miei suoni vintage. È stato provvidenziale ritrovarmeli pronti!

Che botta di…
Ma sì guarda! Mi sono ritrovato i profili dei miei ampli, fatti con le mie chitarre, le stesse che avrei usato. Tutto mi ha aiutato a sentire subito il mio suono realistico.

A proposito di chitarre, come le hai scelte?
In maniera molto naturale, provando. Piero Pelù è un rocker classico e proponendogli le Gibson ho subito fatto centro. Pelù è uno che sul palco ama respirare la storia e una Gibson mette subito in gioco sonorità iconiche che lui ama e riconosce.

Però, se si parla di rock allora ci si sarebbe aspettati più una Les Paul che una 335…
Invece l’idea di usare la 335 è arrivata proprio dal brano che aveva bisogno di una chitarra che fosse comunque potente, grossa ma che mi garantisse anche la possibilità di fare un suono molto twang. Nelle strofe di questo singolo come sentirai c’è un twang esasperato sulle basse. Inoltre, la Les Paul era già impegnata per il pezzo che suoneremo stasera, la cover…

Che sarà?
Figurati! Lo scoprirete stasera. Però posso dirti che ho la Les Paul accordata in C#... una pigna alla Foo Fighters! Comunque la 335 era perfetta.

Non hai pensato a Fender?
No, la Stratocaster avrebbe avuto troppa poca potenza e la Telecaster non abbastanza definizione.

Comunque il Kemper ti sta soddisfacendo?
Sì. Come sai, la figata è la possibilità di lavorare su dettagli e non smettere di metterci le mani. Facevamo prove a Roma e alla fine di ogni sessione intervenivo su dettagli minimi ma che alla lunga hanno fatto la differenza: alza di un dB un suono, abbassa di 2% il tremolo, dai il 3% di aria in più al reverbero…
Il Kemper è stato una bella sorpresa e ha dato la possibilità di gestire diversi volumi ma anche il morphing, che dà la possibilità di avere due suoni attaccati modificabili da gestire in tempo reale. Mi sono divertito e ho sfruttato al massimo queste potenzialità.

Il twang del Quaio a Sanremo con Pelù

Credi che un sistema del genere possa quindi finire per soppiantare una strumentazione tradizionale?
Non esattamente. Consiglierei anche ai ragazzi il Kemper di imparare a conoscere bene l'amplificatore tradizionale perché se non lo si sa usare si rischia la falla. Ci sono contesti in cui devi saper improvvisare, regolare tutto in pochi secondi e sapere come funziona davvero un amplificatore aiuta.
Bisogna riuscire a focalizzarsi e avere sempre una soluzione per far emergere la propria personalità. E non è una cosa che si impara in due ore con l’ampli accanto, ci vogliono anni di sperimentazione e conoscenza.

A proposito del palco di Sanremo. Con tutta la cura necessaria per un suono pronto all’uso, immagino sia necessario prestare molta attenzione anche a cosa si ha in spia…
Per ciò che riguarda Sanremo gli ascolti sono sempre quelli che sono, prove brevi senza tempo di fare i propri ascolti e quindi opto sempre per una soluzione basica: mi faccio mettere in cuffia il clic, la batteria, il basso e la voce perché preferisco un ascolto pulito e tecnico. In queste situazioni in cui ci sono molti microfoni diventa un rischio tenere tutto in cuffia, tra rientri e il volume acustico dell’orchestra. Molte cose cambiano, fai le prove a Roma, poi all'Ariston ma senza pubblico e con solo una parte dell'attrezzatura, quindi bisogna adattarsi.

Tra i suoni che hai messo a punto, cosa ti ha richiesto più tempo?
La produzione mi ha mandato le parti separate del disco e padroneggiarle è stato facile. Ma avere le parti separate ha aiutato anche a lavorare sui suoni, che mi hanno fatto davvero sudare.
In totale ho ricavato sette/otto suoni. C'è un delay sulla strofa che è un sidechain, quindi una pulsazione caratteristica. Inizialmente avevo provato con il Ring Modulator Moog ma, essendo analogico, crea sì quel movimento che vuoi, ma per farlo partire al momento giusto andrebbe sincronizzato con il computer quindi era complicato. Allora l'ho ricreato con un tremolo, ci ho messo un po' perché è un delay pitchato con ottava bassa e una alta e bisogna gestirlo bene nel mix.
Anche il twangone che domina le strofe è stata una bella ricerca perché volevo un suono “armeno”, una via di mezzo tra James Bond, Pulp Fiction e Danko. Sono contento del risultato.

Il twang del Quaio a Sanremo con Pelù

Parliamo di ansia da palco…
La preoccupazione più grande di salire sul palco dell'Ariston era che tutto funzionasse: chitarra accordata, Kemper pronto, hai solo dodici secondi per partire. Dopo l'agitazione iniziale ho provato solo adrenalina e divertimento. Piero ha fatto una bellissima performance, siamo arrivati secondi nella classifica della serata e terzi in quella generale, siamo felicissimi.

E il dopo festival?
Divertente anche il dopo festival perché siamo arrivati con Piero che voleva suonare una “The Passenger” che aveva proposto in passato per gli MTV Awards in un arrangiamento completamente diverso dall'originale. Poi arrivati lì Vittorio Cosma, direttore musicale del dopo festival, ha premuto per fare l'originale, completamente fuori programma. Mi sono trovato un combettino Fender di quelli di nuova generazione che aveva dentro delay che ho settato su uno slapback, reverbero che ho messo a zero e siamo partiti. Quindi appagante anche il dopo festival, Piero è davvero pieno di energia coinvolgente.
Quel palco è importante, quando lo calchi la prima volta capisci subito la sua importanza e la sua storia.

intervista michele quaini piero pelù sanremo
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

di francesco72 [user #31226]
commento del 06/02/2020 ore 17:35:3
Non avrete esagerato un filo nell'incipit?
Ciao
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 06/02/2020 ore 18:02:04
Per me, è un gran pezzo.
Complimenti a Pelù che se l'è scritto, cantato alla grande, e a chi l'ha suonato.
Rispondi
di AlceVeloce [user #44287]
commento del 07/02/2020 ore 08:57:52
Non sono un fan di Pelù ma devo ammettere che ha un carisma da bestia e stavolta ha fatto centro, la sua è la miglior canzone del festival, vuoi perchè è semplice ed orecchiabile, vuoi perchè a parte Gualazzi il resto dei brani erano agonie o filastrocche trappate, fatto sta che per me merita di vincere.
PS: Grande Quaio e gran suono col Kemper, ma ti preferisco con ampli e mic
Rispondi
di roccog [user #30468]
commento del 07/02/2020 ore 09:18:14
Sono da tanti anni qui in accordo e sì, considero davvero Quaio uno dei nostri quindi è stato emozionante un po' come vedere un amico sul palco!
Non so contare le reviews di strumenti sue che ho visto e ricordo anche le vecchie esibizioni da rocker a Shg di una vita fa! Che bella carriera, davvero bellissimo e bella intervista
Rispondi
di Ged03 [user #37912]
commento del 11/02/2020 ore 00:30:44
ma scusate dietro di lui non si vede un ampli (un marshall forse)? L'ha usato assieme al Kemper? Come pulito?
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 11/02/2020 ore 15:32:50
Beh, visto che lui stesso sostiene di aver usato solo il Kemper (imposto dalla produzione), direi che il Marshall stava là solo come arredo scenografico. Nulla di male in questo, d'altronde sappiamo bene che sui palchi di mezzo mondo, dove suonano i nostri supereroi rock, i muri di amplificatori sono assolutamente fasulli e solo di scenografia vai al link
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 11/02/2020 ore 15:41:3
Sempre sul pezzo il grande Quaini. Devo dire che ho apprezzato il pezzo di Pelù anche prima di sapere che alla chitarra ci fosse il nostro Michele (dal vivo era così poco illuminato e con il berretto era impossibile riconoscerlo), proprio in virtù della bella ritmica che segnava il pezzo...Ma l'ho apprezzato ancora di più nella serata cover con "Cuore matto" vai al link, che pacca ragazzi! Poi Piero, indipendentemente dai gusti, è un animale da palco e quel palco se l'è mangiato come un croissant a colazione dopo digiuno, dando una bella lezione di rock-lifestyle a tutti gli imbalsamati là dentro... \m/
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 11/02/2020 ore 20:17:4
Tanta roba, complimenti al Quaio. In un festival di oscenita', il brano di Pelu' e' stato, sia per composizione che esecuzione, l'unico momento di distinzione a mio avviso. Onesto songwriting, adatto al contesto, ed esecuzione impeccabile, da veri professionisti. Good job!
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 06/01/2022 ore 20:39:26
Sto Quaini ammazza bravissimo, sul tempo, spacca 🤟
Rispondi
Altro da leggere
ELECTRIC TRUTH: intervista ad Andy Timmons
Matteo Mancuso live da Cavalli Musica
VIO Series: uno sguardo al PA di Sanremo 2022
Manne: dietro il titolo di Maestro Artigiano
Le chitarre di Barbanera
Mattia Tedesco: quando suoni devi divertirti. Impossibile se senti male
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964