DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Michael Landau, “Liquid Quartet Live”: un disco da ascoltare in cuffia
Michael Landau, “Liquid Quartet Live”: un disco da ascoltare in cuffia
di [user #116] - pubblicato il

Michael Landau è il guru dei session man; autentica istituzione vivente se si parla di di suono, ricerca, strumentazione e – soprattutto – capacità di far suonare facili, fruibili ed immediate scelte stilistiche, sonore e musicali sofisticatissime. Il suo nuovo album e registrato dal vivo al Baked Potato Jazz Club di Los Angeles e uscirà in agosto per Mascot Label Group.
 
La cura e attenzione maniacale di Landau per i suoni si riflette anche nella scelta della location in cui il disco è stato registrato: “Il Baked Potato Jazz Club è un posto unico per quanto riguarda il suono, la miniera per ascoltare la musica tanto per chi suona che per chi segue lo show. Sei circondato dalle casse che diffondono la musica e l'effetto è quasi come suonare in cuffia ma tutti assieme nella stessa stanza: senti ogni dettaglio! Inoltre, il palco è al centro della stanza con il pubblico è tutto intorno. Il feeling è unico.”



Lo show dal quale è stato estrapolato il live, risale allo scorso e la formazione è da capogiro: sul palco con Landau ci sono i suoi Liquid Quartet: il batterista Abe Laboriel Jr (Paul McCartney), Jimmy Johnson (Allan Holdsworth) al basso e, voce e seconda chitarra, David Frazee dei Burning Water.
La scaletta mescolata alcuni brani inediti ("Well Let's Just See", "Can't Walk Away From It Now") e alcuni classici del repertorio di Landau. Per esempio, dal suo precedente album in studio Rock Bottom ci sono "Bad Friend" e "One Tear Away"), più qualche chicca da Renegade Creation, album della band che Landau ha formato con Robben Ford.
Il disco è disponibile in pre-order nelle versioni vinile e CD.

Michael Landau, “Liquid Quartet Live”: un disco da ascoltare in cuffia

Raccomandiamo davvero, a chi ancora non l'abbia fatto, di avvicinarsi al talento e alla sensibilità sconfinata di questo chitarrista la cui sei corde ha suonato per Miles Davis, Pink Floyd, BB King, James Taylor, Ray Charles, Rod Stewart, Michael Jackson e Joni Mitchell; suggerendo assolutamente, di scoprilmo magari attraverso uno dei più grandi assolo i chitarra mai registrati nella musica pop italiana, quello de "Gli Angeli "di Vasco Rossi.

liquid quartet michael landau
Link utili
Il sito di Michael Landau
Pre.order Liquid Quartet Live
Nascondi commenti     22
Loggati per commentare

di MM [user #34535]
commento del 22/06/2020 ore 14:04:11
Che dire, starei ore ad ascoltarlo.
Rispondi
di maxventu [user #4785]
commento del 22/06/2020 ore 14:19:58
un disco, come anche altri, da ascoltare in cuffia, possibilmente una cuffia, o un impianto, di buona qualità. Purtroppo le attuali produzioni musicali, che seguono la fruizione "usa e getta" della musica in streaming, sono qualitativamente appiattite verso il basso per adeguarsi alla riproduzione di file mp3 di scarsa qualità, su smartphone e auricolari da pochi euro.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 22/06/2020 ore 14:24:54
Recentemente ho proposto a quelli della mia band (quindi non gente che dovrebbe avere un'idea superficiale della musica) una serata di ascolto di dischi dal mio impianto stereo, come si faceva alla vecchia maniera.
Idea bocciata.
A quanto pare ascoltare musica senza fare altro per loro è noioso ed "è meglio che ognuno si ascolti da solo la musica che gli piace, magari in cuffia".
Cioè... gente che suona... sono avvilito...
Rispondi
di Robland [user #53772]
commento del 22/06/2020 ore 16:56:03
Mal comune, nessun gaudio: anch'io ho sperimentato più volte quello che ti è capitato. I musicisti non puoi scambiarli per la versione deluxe di un ascoltatore appassionato. Spesso un ascoltatore è assai più musicalmente colto e interessato all'ascolto di un musicista, il quale spesso vuole solo fare casino.
Per mia triste esperienza, l'ascolto è una cosa solitaria e lo dico con dispiacere perché sono sempre alla ricerca di gente con cui condividere non solo la musica suonata ma anche altro, tra cui l'ascolto.
Rispondi
di edgar587 [user #15315]
commento del 23/06/2020 ore 10:24:48
perfettamente d'accordo....io sono musicante amatore, e mi piace ascoltare la musica, però: sono un pessimo ascoltatore, e se il file non è troppo piatto/compresso o il supporto analogico rovinato, se le casse o le cuffie non fanno davvero schifo, io mi godo l'ascolto senza rendermi conto che sto ascoltando con qualità bassa o migliorabile; inoltre anche io sono un solitario e trovo che la maggior parte dell'esperienza di ascolto sia fruibile per lo più da soli, in quanto facente parte dei nostri momenti di personale introversione e "degustazione" di alcuni mood..
Rispondi
di edgar587 [user #15315]
commento del 23/06/2020 ore 10:24:58
perfettamente d'accordo....io sono musicante amatore, e mi piace ascoltare la musica, però: sono un pessimo ascoltatore, e se il file non è troppo piatto/compresso o il supporto analogico rovinato, se le casse o le cuffie non fanno davvero schifo, io mi godo l'ascolto senza rendermi conto che sto ascoltando con qualità bassa o migliorabile; inoltre anche io sono un solitario e trovo che la maggior parte dell'esperienza di ascolto sia fruibile per lo più da soli, in quanto facente parte dei nostri momenti di personale introversione e "degustazione" di alcuni mood..
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 22/06/2020 ore 14:20:26
Diciamolo, l'assolo degli angeli è stato inciso da Landau (scelto per l'emozionalità del suo playing), ma inventato in pre-produzione da Andrea Braido, un grandissimo di casa nostra.
Non poteva che essere un capolavoro.
Rispondi
di franklinus [user #15063]
commento del 22/06/2020 ore 16:54:10
ma inventato in pre-produzione da Andrea Braido....potresti,per cortesia,chiarire questa frase,grazie
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 22/06/2020 ore 17:14:45
Significa che l'assolo è stato scritto da Braido prima, poi è stato chiamato Landau per registrarlo sul disco.
Non ci è dato sapere se e quanto Landau abbia modificato l'idea originale.
Rispondi
di zanzacris [user #11650]
commento del 22/06/2020 ore 22:01:21
La fonte?
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 22/06/2020 ore 22:05:22
Wikipedia... vari forum... Se cerchi su Google qualcosa lo trovi
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 23/06/2020 ore 08:01:12
L'articolo qui sopra.
Rispondi
di Ghirmo [user #11530]
commento del 22/06/2020 ore 23:56:55
Mah... prima volta che sento sta cosa. Ma sei sicuro? Anche perché la scelta delle note non è proprio braidiana diciamo così
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 23/06/2020 ore 07:42:08
Wikipedia... vari forum... Se cerchi su Google qualcosa lo trovi.
Non ci è dato sapere se e quanto Landau abbia modificato l'idea originale
Rispondi
di Ghirmo [user #11530]
commento del 23/06/2020 ore 22:19:42

Eppure se si ascolta il solo Eseguito da braido nei vari video che circolano su YouTube , ricorda molto poco il solo sul disco. L avesse scritto lui, penso che quando lo suona, somigli a quello del disco. Invece no
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 15/12/2020 ore 16:55:58
Allora... meglio tardi che mai ma abbiamo la risposta direttamente dall'interessato:
vai al link
a partire da 1.54.10 fino a 1.55.50.
Rispondi
di Robland [user #53772]
commento del 22/06/2020 ore 16:57:18
Ho quasi tutti i cd di Landau, che si può dire sia il mio chitarrista preferito. La classe gli esce da tutti i pori. Comprerò ovviamente anche questo album.
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 22/06/2020 ore 18:07:45
Il maestro dei maestri.
Sicuramente quello che più di tutti ha cambiato la mia vita musicale.
Rispondi
di Robland [user #53772]
commento del 22/06/2020 ore 22:11:05
Molto interessante. Se ti va di dilungarti, ti leggo volentieri.
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 23/06/2020 ore 10:36:0
L'ho scoperto qualche anno fa grazie ad un bravissimo chitarrista italiano, Davide Pannozzo. Lui postò un video di Landau e all'inizio non mi piacque proprio, lo trovavo un po' clone di Jeff Beck.. ma il mio orecchio non era ancora pronto a capire, non è un chitarrismo facile. Davide mi spiegò i motivi della sua grandezza, ed iniziai un po' forzatamente ad ascoltarlo per riuscire a comprenderli. Fino a quando approdai al famoso disco live del ML group del 2006, secondo me il più bel disco di tutti i tempi (chitarristicamente, ma non solo, parlando).
Da lì ho iniziato ad amarlo, suonarlo, trascriverlo, prendere spunto dalla sua strumentazione.
L'ho incontrato qualche anno fa a Milano al blue note... strette di mano, pacche, due chiacchiere... personaggio incredibilmente umile cordiale e a modo, come sono i più grandi. Poi è venuto in Puglia, a suonare in teatro a 300m da casa mia con Steve Gadd. Di nuovo ci siamo salutati, abbiamo scambiato due chiacchiere, mi ha firmato la strato, su cui si è fatto una strimpellata veloce e ha detto che gli piace molto (sarà vero?). Steve Gadd che guardava mi dice che il colore è bellissimo (sonic blue) e lui ha una batteria dello stesso colore.
Ci facciamo una foto con tutto il gruppo, io e mio padre, non musicista ma appassionato della buona musica. Presento mio padre ai musicisti e Steve Gadd mi prende per il culo urlando "aaaahhh tuta famiiiilia!!", chiaro stereotipo italiano un po' padrino :)
Landau se la ride e con affetto ci salutiamo e alla prossima.
Che persona pazzesca....... e quando suona non ce n'è per nessuno.
Rispondi
di Robland [user #53772]
commento del 23/06/2020 ore 12:12:29
Figata. Conosci pure Pannozzo! Io Landau non l'ho mai incontrato ma mi è bastato leggere una vecchia intervista per farmi intrigare dal personaggio, sicuramente anomalo rispetto a tanti chitarristi fenomenali e molto trasversale a tanti generi. E così mi sono incuriosito e di CD in CD ho approfondito un po' alla volta. Con Gadd ho il CD/DVD live from Rochester NY. Gli ultimi suoi cd non mi stanco mai di ascoltarli. Ho persino comprato l'album di Greg Bissonette "Submarine" perché lì Landau suona in un brano! Comunque tutto il cd è molto interessante. E poi con i Renegade Creation insieme a Robben Ford.
P.s. il sonic blue è un gran bel colore. ;)
Rispondi
di edgar587 [user #15315]
commento del 23/06/2020 ore 10:26:3
l'ho scoperto tardi..ora mi mangio le mani per essermi perso le ultime date in Italia, l'anno scorso...spero davvero di poter avere occasione di vederlo dal vivo alla fine di questo casino. che diamine, vivo anche a Milano....!
Rispondi
Altro da leggere
Robben Ford: l'allegria nella pentatonica di B.B. King
Robben Ford: blues e minore melodica
Robben Ford: Blues & arpeggi alterati
Giacomo Castellano: un riff tra Hendrix e Vai
Giacomo Castellano: Riff Raff Crunch
Chicco Gussoni: suono ed esperienza
Bonamassa: "B.B. King mi diceva, occhio alla grana!"
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Landau: suoni belli da stare male.
I miei assolo preferiti
Questi esercizi sono la scoperta dell'acqua calda
Una compilation di grande musica in regalo
Warm Up: Solieri, Gussoni, Dei Lazzaretti e i Mancuso
Vandenberg: "Il Prog non è sexy. Keith Richards sì"
Walter Trout, "Ordinary Madness", il nuovo album in uscita il 28 agosto
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964