CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

I Pink Floyd sono tornati...

di [user #29992] - pubblicato il
...e non aggiungo nulla al loro singolo louder than words...

http://sentireascoltare.com/album/pink-floyd-the-endless-river/

Dello stesso autore
L'ho data a Roger Waters... e ora in libreria...
Rock n' roll 3.0: l'involuzione del chitarrista?
C'era una volta un pezzo di legno...
Clapton and friends live at Hyde Park
Perché Jeff Beck è il più grande dei grandi
E alla fine l'ho data a Roger Waters...
Recensione per caso: Epiphone les paul 100
regia e piccola colonna sonora
Loggati per commentare

FANTASTICI! ...
di Claudio80 [user #27043]
commento del 09/10/2014 ore 23:38:38
FANTASTICI!
Rispondi
Sono quasi quarant'anni che ascolto ...
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 10/10/2014 ore 00:20:29
Sono quasi quarant'anni che ascolto ed amo i Pink Floyd, insieme ai Led Zeppelin restano ancora la mia band preferita, quella della quale ho imparato a memoria tutto della discografia ufficiale e molto altro a livello di bootleg ed esibizioni di vario tipo che l'avvento di internet ha contribuito a diffondere. Questo brano è più o meno quello che mi aspettavo dopo gli ultimi 2 album in studio e vale a dire una canzone a mio gusto insipida, splendidamente registrata ed arrangiata ma che mi trasmette poco o niente...
Per me i Floyd sono finiti con The final Cut, un album che, paranoie di Waters a parte, dimostrava che la band aveva ancora qualcosa da dire da un punto di vista musicale nonostante l'assenza del compianto Richard Wright.
Rispondi
Re: Sono quasi quarant'anni che ascolto ...
di LuckyPierluigi [user #40183]
commento del 10/10/2014 ore 00:33:08
Secondo me invece anche nel "recentissimo" Division Bell ci sono dei capolavori: Marooned (semplicemente perfetto, la quadratura del cerchio del solismo del Gilmour maturo), Wearing the inside out (cantata magistralmente da un inedito Wright nelle parti di cantante solista), Keep talking (con la voce di Hawking nell'intro), High hopes (l'assolo con la lap steel è da brividi). Anche i testi dell'album sono tutt'altro che malvagi, anzi.
Rispondi
Re: Sono quasi quarant'anni che ascolto ...
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 10/10/2014 ore 01:10:34
Devo ammettere con piacere che High hopes è davvero splendida ma devo dire che il resto dell'album mi lascia alquanto indifferente e così pure The momentary lapse of reason...non che non apprezzi certe atmosfere e la chitarra di Gilmour in certe situazioni ma le emozioni che mi hanno dato e che mi danno tutt'ora brani anche sconosciuti ai più come Cymbaline o Summer '68 sono per me un'altra cosa.
Comunque questo è solo un assaggio, aspetto di ascoltare il resto dell'album...sarei felice di essere smentito.
Rispondi
Re: Sono quasi quarant'anni che ascolto ...
di LuckyPierluigi [user #40183]
commento del 10/10/2014 ore 01:21:08
Eh sì, appena arriva dal mio rivenditore di fiducia lo compro all'istante, nella mia piccola raccolta non può mancare!

...E devo anche comprare l'utimo di Johnny Winters, ora che ci penso!
Rispondi
Re: Sono quasi quarant'anni che ascolto ...
di Zososam [user #29992]
commento del 10/10/2014 ore 04:41:14
Si hai ragione, anche secondo me hanno fatto di meglio fino all'81. I primi sperimentali, con culmine massimo il commovente live at pompei, i capolavori del 73-77 fino ai paranoici e maestosi the wall e the final cut (forse il più toccante). Tuttavia non posso negare di essere legato a the division bell, meno ad a momentary lapse, sono nato in quegli anni ed è come se fossi nato musicalmente con loro. Il pezzo del nuovo album continua su quello stile, e a me ha emozionato, poter riascoltare Rick, poter avere l'ansia nel 2014 di scoprire un nuovo disco, nuovi suoni, di scartarlo ed ascoltarlo, sono nuove emozioni per me, e mi emoziona sapere che è sarà l'ultima volta che potrò farlo con loro, chiudere gli occhi ed immergermi in quel profondo fiume senza fine.
Rispondi
Tornati?
di Sparklelight [user #41788]
commento del 10/10/2014 ore 08:11:05
Insomma ... si tratta di registrazioni raccolte durante la gestazione di The division bell, parliamo del 1993, al massimo possiamo dire che si tratta di un album di inediti dei Pink Floyd che non esistono più :-)
Chissà quanti ne usciranno ancora considerando tutte le improvvisazioni che avranno fatto in carriera, tutte ben documentate e registrate ;-P




Rispondi
The Piper At The Gates Of Dawn
di CCDK49 [user #41591]
commento del 10/10/2014 ore 12:24:26
Pink Floyd avrebbe dovuto inventarsi un altro nome quando Syd Barrett se ne è andato - sono diventati Pop seppur progressivi in qualche modo. Andatevi a ascoltare i pezzi con Syd Barrett.
Rispondi
Re: The Piper At The Gates Of Dawn
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 10/10/2014 ore 13:02:07
Non sono d'accordo: quando Barrett ha lasciato la band era appena uscito il primo album quindi non vedo proprio il motivo per il quale una band debba cambiare nome alla prima defezione dopo un solo album, i Deep Purple cosa avrebbero dovuto fare allora? dal '69 al '75 hanno suonato con 4 formazioni diverse....
Gli album successivi dei Floyd hanno mantenuto per parecchi anni contenuti psichedelici soprattutto grazie a Gilmour che tra tutti era quello con maggior passione per la musica psichedelica mentre la vena pop/prog di Waters e Wright ha avuto modo di svilupparsi e portare contenuti che hanno contribuito a rendere immortale questa band.
E poi che male c'è se si diventa pop?
Rispondi
C'è qualcosa che mi sfugge... ...
di francescoRELIVE [user #13581]
commento del 10/10/2014 ore 15:01:
C'è qualcosa che mi sfugge...
Forse mi aspettavo qualcosa di diverso ma aspetto di ascoltare l'intero album.
Speravo in suoni più moderni! chissà...
Rispondi
Per quanto possiamo amarli siamo ...
di Oskar77 [user #17983]
commento del 13/10/2014 ore 09:52:28
Per quanto possiamo amarli siamo sempre divisi dai Watersiani e Gilmouriani.. Io personalmente sono Gilmouriano pur riconoscendo che i testi di Waters sono molto piu' "importanti".. concordo con chi ritiene che A Momentary Lapse non e' un capolavoro.. ma rappresenta un gran significato per la storia della band negli anni 80.. The Division Bell per me e' meglio del precedente e in esso ci sono diversi capolavori.. non unico il solo di lap steel a dir poco epico. Il nuovo lavoro? non ci si puo' aspettare un lavoro "moderno", si tratta di materiale di risulta (passatemi il termine) della tourne' del 94.. con tanto di lavoro prezioso di Wright.. Aspettiamo di ascoltarlo, per me, e so per tanti altri, sara' un emozione con il rischio di quando le aspettative sono alte..
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964