VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Lewitt Ray è il microfono con “autofocus” per la tua voce
Lewitt Ray è il microfono con “autofocus” per la tua voce
di [user #116] - pubblicato il

La tecnologia AURA riconosce e compensa la distanza dell’utilizzatore dalla capsula annullando gli effetti di prossimità e di eccessiva distanza, agendo su livelli ed equalizzazione in automatico per un audio sempre a fuoco.
Quella messa sul tavolo da Lewitt è una piccola rivoluzione, per le registrazioni casalinghe e per i creator. Il Ray è un microfono a condensatore pensato per il plug-and-play assoluto, capace di fornire il segnale ottimale col minimo intervento.
Nell’introdurlo, Lewitt paragona la registrazione audio a una fotografia scattata da uno smartphone di ultima generazione, capace di mettere perfettamente a fuoco il soggetto senza richiedere particolari intromissioni da parte dell’utilizzatore. “Invece di una foto estremamente nitida” spiega il proclama, otterrai “registrazioni bilanciate alla perfezione”.

Lewitt Ray è il microfono con “autofocus” per la tua voce

La chiave di tutto ciò è la tecnologia AURA, un sistema capace di rilevare la distanza dell’utilizzatore dal microfono e regolare di conseguenza la risposta e la sensibilità della capsula, in automatico.

Quando si è assai vicini, l’effetto di prossimità è compensato e, quando si è più lontani, la naturale perdita negli estremi di banda è recuperata insieme al calo di volume organico.
Allontanandosi oltre una distanza impostata precedentemente, al termine della registrazione o durante una pausa, il microfono silenzia in automatico il segnale così da evitare interferenze e rientri indesiderati.

Restano comunque presenti sulla scocca il pulsante manuale per il Mute e quello per disattivare la funzione AURA, se si preferisce un controllo più tradizionale e un utilizzo di un microfono che, al di là delle tecnologie implementate, promette di fornire un hardware degno di nota.



Il Ray è un microfono a condensatore con capsula da un pollice a figura cardioide alimentabile con Phantom a 48V. È provvisto di un connettore XLR placcato oro e fornisce un segnale completamente analogico.

Il processo al suono operato dal sistema AURA al suo interno va oltre al semplice concetto di compressione per uniformare un segnale a valle. È come avere sotto mano un fader automatico che risponde alla distanza dell’utilizzatore dalla capsula e, allo stesso tempo, un’equalizzazione completa che controbilancia tutte le caratteristiche naturali che subentrano quando ci si avvicina o si allontana dal microfono.
Il risultato promesso è quello di una registrazione regolare e bilanciata, uniforme per livelli e timbro, utile per chi canta e in particolare ideale per chi fa podcast o vlog, che ora possono concentrarsi sulla performance e sulla naturalezza senza vedersi legati a una precisa posizione davanti alla capsula.



La struttura compatta del Lewitt Ray è pensata per non rubare la scena in video e permettere all’utilizzatore di mostrare adeguatamente il proprio volto durante una registrazione, anche sfruttando il sostegno con struttura antivibrazioni e filtro anti-pop magnetico grande tanto quanto il microfono stesso.

Sul sito Lewitt, il Ray è a questa pagina, mentre in Italia è disponibile con la distribuzione di Frenexport.
lewitt microfoni ray ultime dal mercato
Link utili
Ray sul sito Lewitt
Sito del distributore Frenexport
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Finiture vintage, pickup inediti e il ritorno del palissandro con le Fender Player II
DigiTech JamMan diventa HD e multitraccia per ore di loop stereo
SC-Custom III è la single-cut versatile di Harley Benton
Halo Core: il delay ambientale di Andy Timmons in edizione speciale ridotta all’osso
FS9M e FS9R: ammiraglia Yamaha in forma di Concert
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964