HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il numero dei pickup influenza il suono?
Il numero dei pickup influenza il suono?
di [user #4785] - pubblicato il

Una chitarra con un solo pickup suonerà in modo diverso rispetto a uno strumento identico, ma con uno o due pickup extra nel body? C'è chi sostiene di sì, anche se gli altri magneti sono scollegati dal circuito. A dirlo sono Eddie Van Halen e Allan Holdsworth, e c'è una spiegazione scientifica dietro.
Sono da sempre un fan del grandissimo Allan Holdsworth, e dopo la sua dipartita lo sono ancora di più.
Vorrei condividere con voi uno dei tanti quesiti tecnici su questo inarrivabile Maestro. Lui, anche per lo stile e il suono che ha sviluppato, ha (quasi) sempre utilizzato chitarre solid body con un solo pickup, un humbucker al ponte, sostenendo che il magnetismo degli altri pickup influenza la vibrazione delle corde. 
Sono curioso di conoscere i fondamenti alla base di questa affermazione. Se lo diceva Holdsworth, probabilmente c'è del vero.
Grazie.



Risponde Marco Omar Viola di MOV Guitars: ciao, effettivamente il numero di pickup sullo strumento influenza il timbro finale. Questo è dovuto al fatto che, essendo questi dei magneti, interferiscono con il moto di vibrazione delle corde attraendole a loro e ne modificano quindi la risposta captata dal pickup al ponte. Van Halen per esempio mantenne il pickup al manico, seppur scollegato, sulla sua Frankenstrat proprio perché preferiva il timbro che ne derivava mantenendolo installato. 
Paolo Anessi ha fatto un video qualche anno fa proprio sull’argomento, facendo sentire la differenza del suono con e senza pickup al manico: puoi trovare l'articolo a questo link.

Il numero dei pickup influenza il suono?

Risponde Luca Villani di I-Spira Pickup: con buona pace del grandissimo musicista recentemente scomparso e delle sue qualità immense di innovatore nella composizione e nel fraseggio, direi che si può parlare di un problema del tutto trascurabile, che dipende dal progetto del pickup, dalle caratteristiche dei magneti impiegati e dal setup dello strumento.
I pickup single coil classici, nei quali ogni polo è costituito da un magnete, hanno un forte potere di attrazione sulle corde e posti troppo vicini a esse possono disturbarne la regolarità della vibrazione, frenandola. Molto meno coercitivi gli humbucker, che di norma hanno una barra magnetica posta sotto le bobine e trasportano un campo magnetico più debole vicino alle corde mediante le espansioni polari.
In ogni caso, tanto la Les Paul a tre humbucker quanto le Stratocaster e le Telecaster Nashville a tre single coil per fare degli esempi, se ben regolate non hanno problemi a sfoderare ottime timbriche e prestazioni esenti da difetti.
La forza di coercizione dei magneti presenti è infatti controllabile attraverso la regolazione della distanza del pickup dalle corde e facilmente si trova l'equilibrio che permette di avere un buon livello di output senza perturbarne la vibrazione in modo anomalo. 
Di certo il caso dei tre single coil è il più delicato: il progetto li rende in assoluto i più coercitivi. Comune è infatti la condizione di eccessiva vicinanza dei pickup alle corde sulle Stratocaster, che provoca fenomeni di battimento nelle note create oltre l'ottavo/decimo capotasto. 
Basta però trovare la distanza giusta e anche i tre single coil lasciano le corde completamente libere di vibrare a sufficienza, senza problemi.
allan holdsworth chitarre elettriche eddie van halen elettronica il suono pickup
Link utili
Come cambia il suono tra uno e due pickup
MOV Guitars
I-Spira Pickup
Altro da leggere
Pubblicità
Fender Stratocaster FSR '60 Japan...
La folle chitarra a 17 corde di Jared Dines...
Boutique Guitar Showcase: il meglio della...
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton...
Pubblicità
Commenti
di Shoreline [user #20926] - commento del 16/05/2017 ore 13:20:57
Sono d accordo su tutto ma non mi torna che differenza ci sia ad avere il pu al manico collegato o no...?dal momento che e' montato sulla chitarra il magnete e' un magnete anche se il pu e' scollegato..o sbaglio?
Rispondi
di rockit [user #11557] - commento del 16/05/2017 ore 14:04:21
Infatti nell'articolo dice proprio che EVH lo teneva su perché influenza il timbro anche da scollegato. C'è anche un articolo di tempo fa qua su Accordo in cui qualcuno aveva tracciato i campi magnetici di entrambi i casi, mostrando quanto fossero differenti.
Rispondi
di Shoreline [user #20926] - commento del 16/05/2017 ore 17:10:36
Ah ok!ok!perfetto avevo capito male..ciao!
Rispondi
di sundayplayer [user #13160] - commento del 16/05/2017 ore 13:23:25
Io avevo fatto qualche prova durante la costruzione di una solid body, che ad opera finita sarebbe stata HSH. Avevo installato solo il pickup al ponte (Air Norton) e registrato con suoni diversi. Poi alla fine del lavoro c'erano anche il secondo Humb (Tone Zone) e il single coil, ho ripetuto le prove con gli stessi suoni ma non sono riuscito a rilevare la differenza. Forse le mie orecchie o la mia chitarra non erano abbastanza buone....
Rispondi
di lomba [user #3864] - commento del 16/05/2017 ore 15:37:03
Probabilmente le corde vibrano più liberamente nel campo magnetico di un solo humbucker piuttosto che in quello di una configurazione di pickup HSH ma il punto è: chi se ne frega? sarà davvero così influente da sentire la differenza a orecchio? Io scommetto sul no.
Rispondi
di tres_hombres [user #37968] - commento del 16/05/2017 ore 16:39:17
Non so se esista una differenza a livello sonoro, se c'è probabilmente non è così influente da modificare completamente il timbro allo strumento. Piuttosto, penso che la differenza si abbia sulla libertà della corda di vibrare, aumentando quindi il sustain complessivo dello strumento; inoltre un campo magnetico minore potrebbe aumentare la presenza di armoniche superiori alla fondamentale (e in questo senso, il timbro potrebbe essere modificato). Le mie sono supposizioni, non ho mai provato, ma credo che qualcosa cambi.
Rispondi
di RedRaven [user #20706] - commento del 16/05/2017 ore 16:44:19
nell'articolo del 2013 c'è una comparativa, l'hai sentita?
Rispondi
di maxventu [user #4785] - commento del 16/05/2017 ore 16:45:54
non ancora, ma lo farò senz'altro. Grazie
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 16/05/2017 ore 16:58:20
Anche Phil X ha questa teoria e preferisce chitarre con un solo pickup.

vai al link
Rispondi
di blea [user #29925] - commento del 16/05/2017 ore 18:16:02
Anche Malcom Young degli ac/dc se non sbaglio rimuoveva il suo pick up al manico dalla sua gretsch. Se il motivo fosse stato solamente che non lo usava bastava semplicemente non selezionarlo. Evidentemente riteneva che suonasse diversamente senza. Però personalmente non ne ho mai provata una con un solo pu
Rispondi
di tres_hombres [user #37968] - commento del 16/05/2017 ore 23:20:43
Io sinceramente ne ho provate con un solo pick up installato, ma non ho mai fatto una comparazione con altre chitarre. E sì, quelle che ho provato suonavano davvero bene, ma non saprei dire se dipende dal fatto di avere un solo pick up oppure dal fatto che erano semplicemente chitarre buone (tra queste, una Les Paul Jr del '57, che chitarrona).
Rispondi
di pickuppato [user #44299] - commento del 16/05/2017 ore 19:16:22
Che esagerazioni... si può dire? ;)
Rispondi
di tres_hombres [user #37968] - commento del 16/05/2017 ore 23:33:20
Certo che ci può dire! Io personalmente non penso che il suono venga drasticamente influenzato dall'avere un pick up in più, così come dubito che un legno diverso nella tastiera stravolga completamente il suono di una chitarra. Qui si sta davvero parlando di sfumature, non so nemmeno se udibili, ma fisicamente parlando sono senz'altro presenti. Come ho detto prima, credo che complessivamente l'effetto sia quello di diminuire lo smorzamento sulle armoniche superiori, che dovrebbe tradursi in un maggior sustain e in una leggera differenza timbrica.
Rispondi
di MojoKingBee [user #39456] - commento del 16/05/2017 ore 21:30:04
tra gli altri anche tuck andress usa un solo pu (neck), sulla gibson L5
vai al link
Rispondi
di maxventu [user #4785] - commento del 17/05/2017 ore 12:03:47
Esatto. Io comunque, anche per non rendere il discorso troppo complicato, volevo limitare l'analisi alle solid body. Molte semiacustiche da jazz hanno un solo pickup in genere al manico e in genere montato sospeso, ma in tal caso le considerazioni sonore sono diverse.
Rispondi
di 7cordista [user #41040] - commento del 17/05/2017 ore 11:49:28
La mia risposta spontanea é si, visto che aumentando o diminuendo il numero dei PU, varia anche il campo magnetico, la cui alterazione produce il non suono delle chitarre elettriche. Il problema é che i chitarristi sono un popolo influenzato da credulonerie, e convinti delle loro credenze. Su molte cose, vale per me il discorso del credere o non credere. Ad esempio c'è gente che crede che il legno delle chitarre influenzi in modo significativo sul suono finale. Io a questo ad esempio non ci credo...
Rispondi
di maxventu [user #4785] - commento del 17/05/2017 ore 12:08:18
nelle solid body tipo strat (avvitate) credo che l'influenza sonora del legno del corpo sia davvero, davvero limitata. Credo però che il legno e la struttura della tastiera e del manico (oltre che il modo in cui esso è giunto al corpo) abbiano un ruolo. provate a prendere una stratocaster e a suonarla da spenta, avvicinate l'orecchio al body all'altezza del pickup al manico, sentirete che una risonanza proviene dal manico più che dal corpo. Da qui a dire che c'è un impatto determinante nel suono, in ogni caso, ce ne corre, si tratta sempre di sfumature, ma sono proprio quelle sfumature per le quali noi appassionati viviamo. In ogni caso nulla determina il suono più della mano e dei pickup ma qui sono già OT
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 18/05/2017 ore 14:13:26
Ho sentito la voce ma non ho avuto modo di fare un test decente 1 vs 2 pickup. Adoro la logica di averne solo uno - volume, tono, nessun switch! Per LP/SG Junior trovo il wraparound più comodo del TOM. Poi, sulle altre uso quasi solo il pickup al ponte + pre/EQ e suonando molto vicino al ponte, occasionalmente alla giuntura del manico.
Rispondi
di Spotty [user #29357] - commento del 30/05/2017 ore 22:52:25
Beh oddio, questo è sempre stato un mio pallino, da prima che uscisse EVH: ma se io che ho una strato, avvicino ad un polo un cacciavite, questo viene attratto ed anche con una certa forza, pensare che questo non influenzi la vibrazione della corda mi pare un po' strano. Tanto più che come giustamente è stato detto se il magnete si avvicina molto alle corde la timbrica appare più strozzata, con una specie di raddoppio del suono... io avevo provato anche a mettere degli schermi magnetici sopra ai P.U. che non funzionano, ma considerato che è difficile isolare e comunque un campo residuo rimane, e non sono dotato di strumenti per verificare la differenza... mi limito solo, come consigliato da chi è espertissimo, a non avvicinare troppo... MI piacerebbe togliere i PU non usati e verificare magari con un oscilloscopio, ma sono convinto che Luca Villani questi esperimenti li avrà sicuramente già fatti.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton torna in vendita
Come riparare un potenziometro rumoroso
Il Russian Big Muff è tornato
Guild M240E, concert pronta a tutto
Boutique Guitar Showcase: il meglio della liuteria si raduna in Italia
I più commentati
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton torna in vendita
Sonarworks Headphone Calibration software: siete pronti a mixare in cuffia?
Guild M240E, concert pronta a tutto
Microfonare la chitarra: scegliere il microfono e come posizionarlo
Come riparare un potenziometro rumoroso
I vostri articoli
Fender Stratocaster FSR '60 Japan
Un'acustica made in Texas: Jamie Kinscherff High Noon
Quattro effetti per rubare il lavoro al tuo tastierista
di aleZ
DiMarzio Chopper S
Le chitarre di Keith Richards al No Filter Tour 2017
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964