CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Elio e le Storie Tese: grandi fino alla fine
Elio e le Storie Tese: grandi fino alla fine

di [user #3] - pubblicato il
La notizia che il 2017 vedrà la fine di Elio e le Storie Tese è di quelle che mettono tristezza. Una stagione importante della musica italiana che si chiude, lasciando un gran vuoto. Ma anche una buona sensazione.
Nati negli anni '80, definiti "artisti italiani del decennio 2001-2010", premiati e celebrati ovunque, prendono la decisione di chiudere la loro carriera di gruppo, con motivazioni più che sensate. Dimostrando fino in fondo la loro qualità umana e artistica.

Non so cosa ne pensate voi, ma un fatto è certo: ben pochi musicisti sono stati capaci di decidere che è ora di lasciare il palco: ci vuole coraggio, intelligenza, senso critico. A differenza di tanti ben più anziani di loro, sempre accaniti sul palco per fame di visibilità e quattrini, gli Elii sono stati migliori anche nel coraggio e nell'intelligenza: lo dimostra questa loro decisione che li sottrae a un triste declino a base di lifting, capelli tinti e nostalgia pelosa cui tanti altri artisti anche grandi si sono arresi.

A noi resta sempre il piacere di riascoltare tutto ciò che hanno fatto in questi anni, oltre alla speranza che decidano di ripensarci, magari anche per qualche estemporanea comparsata. Comunque vada, grandi sempre e comunque.
Dello stesso autore
La Black Strat ha il manico cambiato e la 001 non è la prima Fender
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Performance 3
I ragazzi di ACCORDO al Winter NAMM
Dal singolare al plurale
La gioia di rivedere l'usato a SHG sabato e domenica
Hai visto che puoi indicare che musica ti piace?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Billy Gibbons, icona e massimo esperto di "Tone"
Loggati per commentare

di coldshot [user #15902]
commento del 18/10/2017 ore 15:43:19
È stata una scelta molto saggia che purtroppo non in molti fanno.
Rispondi
di chikensteven utente non più registrato
commento del 18/10/2017 ore 15:48:08
ma sarà vero? spero che sia una notizia bufala;) in ogni caso i numeri 1 indiscussi nel panorama musicale italiano, musicisti senza confini dai controcazzi, davvero una gran perdita se fosse così
Rispondi
di ardez [user #3464]
commento del 18/10/2017 ore 16:09:21
Però che strano leggere queste notizie nel ricordare quando arrivavo a casa gasatissimo con la cassetta bootleg di un loro concerto ben prima dell'uscita del loro primo disco...ma quanto cazzo sono vecchio?!
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 18/10/2017 ore 16:59:17
Live in Borgomanero? ...siamo vecchi in due allora ;D
Rispondi
di BBSlow [user #41324]
commento del 18/10/2017 ore 17:55:37
Tre... :D
Rispondi
di Mkioo [user #32904]
commento del 22/10/2017 ore 00:40:02
Quattro!
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 18/10/2017 ore 17:11:08
Meglio abbandonare che diventare la caricatura di se stessi, tanto sono sicuro che, da validissimi musicisti quanto sono, intraprenderanno nuove avventure musicali e continueranno a deliziarci.
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 18/10/2017 ore 20:06:44
Ho sentito questa mattina alla radio l'intervista in cui Elio spiegava che ormai non hanno nulla da dire ai giovani ai quali parlano solo you tube e quant'altro .
Tanto di cappelo per questa scelta anche se la cosa mi ha lasciato di stucco , sopratutto per la ponderatezza di questa decisione espressa con grande serenita' .Sinceramente mi ha fatto spavento ,pensando al fatto che di questo passo ,fare musica ,se non per scopi ludici , sara' come darsi mazzate sui maroni .
Enormi musicisti gli Elii ,secondo me lasciano un'enorme vuoto sia per la loro originalissima e divertentissima vena satirica , ma non meno per la loro musica di grande livello come pochi nel nostro paese.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 18/10/2017 ore 21:11:55
Mi spiace perchè, secondo me, qualcosa da dire l'avrebbero sempre avuta, ma una scelta del genere non può essere stata una scelta non ponderata e comunque rinunciare a visibilità e soldi (o anche solo la possibilità di averne ancora più) non può che accrescere la mia stima nei loro confronti.
Trovo sia una scelta intelligente, dovrebbero essere in tanti a fare lo stesso, sottoscrivo in pieno quanto dice Alberto "Non so cosa ne pensate voi, ma un fatto è certo: ben pochi musicisti sono stati capaci di decidere che è ora di lasciare il palco: ci vuole coraggio, intelligenza, senso critico".
Nonostante tutto, non mi sento orfano, ci hanno lasciato tante perle di saggezza e sono certo che quando avranno da dire altro, certamente si rifaranno vivi.

Una delle loro genialate va... vai al link
Rispondi
di sand1975 [user #46451]
commento del 19/10/2017 ore 02:14:28
Forse i musicisti che ho visto più volte in concerto. E ho avuto il piacere di vederli anche con la apocalittica BIBA band (con tanto di due batteristi sul palco e i genitori di Christian Meyer che si godevano l’evento nel tavolino di fianco al mio). Sono certo che sapranno ritagliarsi nuovi progetti. Mi rattrista e rammarica però la fin troppo vera frase di Elio: “ormai quelli che parlano ai giovani sono YouTuber e influencer”. Su questa frase è conseguente ritiro degli Elio ci sarebbe molto da dire. Non credo non avessero ancora qualcosa da dire...semplicemente e crudamente ormai in pochi erano disposti ad ‘ascoltarli’. Con gli Elio muore una parte del panorama musicale italiano e simbolicamente e per le ragioni ben più grande di quanto esso rappresentino musicalmente. Così è.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 19/10/2017 ore 03:46:38
Se sanno di non avere più niente da dire fanno bene... Tecnicamente eccelsi anche se mi hanno sempre lasciato molto indifferente, zero emozioni ad ascoltarli.
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 19/10/2017 ore 07:58:56
Fanno bene, e poi dicono troppe parolacce!!!111
Rispondi
di franklinus [user #15063]
commento del 19/10/2017 ore 16:08:59
è solo una stasi temporanea,anzi,contemporanea,passeranno 2,3,4,5,anni,ognuno farà il suo disco singolo e poi ritorneranno sul palco...l'adrenalina che tracima da 10.000 persone e più che ti ascoltano e ti colpisce duro come un dolce maglio non si può dimenticare
Rispondi
di simmessa [user #8424]
commento del 20/10/2017 ore 07:41:41
Mi vedo già l'influencer Elio che fa la presentazione del suo nuovo canale YouTube al dopo x factor...
Rispondi
di thrantir [user #9338]
commento del 20/10/2017 ore 09:10:21
Li seguo assiduamente dai primi anni 90, le loro canzoni sono parte di me, la magia del loro genio mi stupisce ogni volta, la simbiosi perfetta tra talento musicale e tecnica strumentale mi lascia sempre basito... Il paragone scontato è con l'indimenticabile Zappa, loro vero mentore, eppure non mi viene in mente nessun altro esempio così lampante di genio musicale, nemmeno i Beatles o i Toto o i Pink Floyd (che amo comunque incondizionatamente), perchè il fatto di proporre un qualcosa di qualità altissima perfettamente miscelato con l'ironia, quella facciata di demenzialità che nasconde un'evidente intelligenza sarcastica, per me li elevano tra gli altri... Sono molto triste per la perdita di questo punto di riferimento ma sono anche felice che i miei idoli abbiano in qualche modo confermato una delle mie considerazioni di sempre, e cioè che l'accanimento terapeutico sui gruppi musicali storici è una lunga inesorabile agonia. Secondo me già da tempo gli EELST non riuscivano più ad esprimersi ai livelli del passato! Naturalmente spero ardentemente che ogni tanto ci facciano il regalo di trovarsi su di un palco tutti insieme a cantare di nuovo "FORZA PANINO!!!" ;-)
Rispondi
di jdessi [user #27382]
commento del 20/10/2017 ore 10:45:39
A me 'sta storia che se non c'hai più i capelli non puoi più salire sul palco mi sa tanto di kazzata kolossale.
In giro c'è gente sui 60 che si mangia i 20enni ...
Il problema è la concezione di musica che abbiamo.
Per alcuni la musica Rock coincide con la cultura che ci sta dietro: se sei vecchio non puoi più far parte di quella cultura e quindi sei 'Too old to rock'n'roll'.
L'atteggiamento giusto a mio parere è quello di ritenere la musica fine a se stessa...
Rispondi
di ff40 [user #21076]
commento del 20/10/2017 ore 10:50:09
A e personalmente non hanno rappresentato niente,come genere e come esecutori
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 20/10/2017 ore 15:57:28
mi piacciono molto e sono dispiaciuto del loro scioglimento.. scioglimento che mi spiego in modo molto poco "romantico": a mio parere dipende semplicemente dal fatto economico, le esigue vendite e i pochi concerti oggi possibili, specialmente in italia, non possono più "mantenere" un progetto del genere ..
Rispondi
di fabiojay [user #20826]
commento del 20/10/2017 ore 17:33:21
mi dispiace, però è evidente che non camminavano sulla stessa linea... sennò non avrebbe senso smettere di suonare in gruppo... Elio sta bene in tv in vari ruoli che non siano musica così come rocco tanica, invece cesareo faso e christian mayer già hanno progetti individuali... anzi vedendo il trio bobo, anche dal vivo, li vedo più a loro agio rispetto a eelst... poi vabbè sono scelte e vanno rispettate... anche se, a noi fan, una lacrimuccia ci scenderà sempre quando si sentirà l'eco di "forza panino"... eheh... buona musica!
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 20/10/2017 ore 19:36:57
Forse tra x-factor e pubblicità varie, la musica non è così importante.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 20/10/2017 ore 21:46:3
Per me non cambierà una virgola, perché pur riconoscendo il loro indiscusso Valore tecnico e la loro capacità di creare canzoni divertenti, non mi hanno mai appassionato.
Rispondi
di Faus74 [user #41023]
commento del 21/10/2017 ore 08:22:08
E se fosse un bluff?
Magari escono fuori con un album folkrapmetalclassic...
Non mi sembra un motivo serio per sciogliere un gruppo che ha fatto la storia nel nostro paese, pur rimanendo sempre abbastanza di nicchia.
Da quando in qua la loro musica è per bambini e/o teenager? L'80% degli utenti su YouTube non ha più di 16 anni, anche meno.
Bah.
Rispondi
di telecrok [user #37231]
commento del 23/10/2017 ore 15:16:15
Fanno bene, spiace dirlo ma fanno bene, l'età che avanza forse c'entra e non, forse il desiderio di alcuni di smettere davvero e di altri di continuare in personali percorsi, anche in altro modo....chissà, ma il vero, come la vedo io, è che non c'è più spazio per l'ironia, quella vera, buona e intelligente, con buona musica ottimamente suonata e il gusto della teatralità, dare tutto senza orpelli e ricami culturali veri o presunti, dando libero sfogo alle proprie convinzioni.
Rimanere lì a fare gli "Elio e le S.T." con la qualità che li distingue in esecuzione e scrittura è veramente una gran fatica e poi chi li ha sempre apprezzati chiede troppo e non ci se la fa più.
Sono i tempi che ammettono una decisione del genere, questi tempi che si annunciano peggio dei precedenti e sempre in deterioramento costante, come si fa a mantenere il controllo?
Come si fa a scatenare una Eliii creatività con quest'andazzo?
E' stanchezza? E' paura? Il sacco è vuoto?
Stiamo a vedere cosa succede.
La musica li e ci salverà, speriamo.........
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 29/10/2017 ore 10:59:0
Ma l'intervista a Cesareo in HP dov'è finita?
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 30/10/2017 ore 09:30:17
EDIT: per chi volesse può trovarla qui vai al link
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg
Daniel Kelly II è il vincitore del “Shure Drum Mastery 2019”
Brexit Guitar: dreadnought satirica da Martin
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp
Cool Gear Monday: la demo originale del primo Maestro Fuzz-Tone
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Eco a nastro: sono davvero un capitolo chiuso?
Boss RC-10R: loop station stereo con drum machine
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
Il palco degli Skunk Anansie all’Arena Flegrea

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964