CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

I POTENZIOMETRI NON SONO TUTTI UGUALI.

di [user #41172] - pubblicato il
Buonanotte gente,
io questa di notte dormo poco, ho un giorno di ferie domani e tirando assieme qualche risparmio dopo un operazione al polso che mi ha tenuto lontano dalle sei corde per un annetto ho ricominciato e mi sono comprato una fantastica TELE Special (verde) americana (in prima battuta avevo preso altro, poi ho preferito investire un pochino di più su uno strumento definitivo). 
È fantastica, ci sono diversi articoli qui, ciò che desideravo però chiedere, che poi è l'unica questione sull'intero strumento, era se fosse normale che il potenziomentro del volume fosse così poco modulabile. A un quarto di giro taglia il 70% ed a metà praticamente spegne la chitarra. Sul distorto mi da meno quest'impressione, ma è pur vero che al momento suono in una scheda audio (e poi Main Stage).
Sapreste dirmi se è la mia che non va, anche se duro fatica a crederlo, o sia la normalità. 
La cosa di per sè non mi infastidisce, ma vorrei scacciare i fantasmi di uno strumento difettoso. 
Grazie per ogni intervento. 
Dello stesso autore
DIFFERENZE TELECASTER Special e Standard.
VECCHI DIFETTI (DELLA MIA MANO DESTRA).
Bending e "Le corde dure non esistono!"
LE MANI DEL CHITARRISTA
RONZII PEDALIERA
Il limite del bending
Perché Gibson e Fender hanno distanze diverse tra corde e body
La chitarra e le "sue" corde
Loggati per commentare

di pg667 [user #40129]
commento del 05/09/2018 ore 09:05:53
sarà un potenziometro lineare e non logaritmico (quest'ultimo più dolce nell'abbassamento del volume).
non è un difetto, è probabilmente una scelta "progettuale".
Rispondi
di giudas [user #48068]
commento del 05/09/2018 ore 11:43:31
Concordo.
La stessa cosa succedeva sul mio ampli muletto fender fm 100r.
L'ho sostituito con uno logaritmico e adesso posso suonare in casa con volume a 3, anzichè a 0.8, senza che per strada si raduni la folla per applaudirmi...o tirarmi pomodori marci e uova!
Rispondi
di acevh63 [user #47139]
commento del 05/09/2018 ore 12:12:05
Metti un logaritmico (sigla A) da 500k, possibilmente CTS con il perno in ottone (ossia quelli buoni...) e vai tranquillo... Spesa 8/9 euro...
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 05/09/2018 ore 12:33:29
"A un quarto di giro taglia il 70%" significa che dal massimo (10) lo abbassi a 3/4 (circa 7-8) ed è normale che un potenziometro di volume faccia questo. A metà (5) taglia il 85-90% di tensione. Chi sopra ti dice metti un logaritmico ti dice di sostituirlo con un altro uguale. Forse invece hai bisogno di un pot lineare da 250K (single-coil) o da 500K (humbucker). Perà con un lineare appena aumenti dal minimo un pizzico ti entra subito tanto volume.
Rispondi
di giudas [user #48068]
commento del 05/09/2018 ore 14:22:19
È molto probabile che tu abbia ragione. In questo caso deve tagliare, quindi il lineare è indicato.
Per il volume dell'ampli invece vale il discorso fatto prima.
Mi sembra molto logico.
Grande TidalRace!
Rispondi
di Aleanimazione1 [user #41172]
commento del 05/09/2018 ore 14:54:00
No, il contrario, aperto a tre quarti, taglia in 70%.
Rispondi
di AlbertoDP [user #44112]
commento del 05/09/2018 ore 17:12:3
Occhio che l'autore del post si riferisce al taglio di volume percepito, non quello effettivo del pot e l'orecchio umano risponde alla pressione sonora secondo una curva logaritmica...
Rispondi
di Aleanimazione1 [user #41172]
commento del 05/09/2018 ore 19:36:11
Verissimo Alberto, ma tant'è.
Rispondi
Loggati per commentare

di Inglese [user #31999]
commento del 05/09/2018 ore 13:11:53
Occhio all'impedenza di ingresso della scheda audio.
Se è un ingresso linea è spesso a 10k e allora, povero potenziometro, non è colpa sua! Non è l'attenuazione del partitore in se quanto piuttosto l'aumento dell'impedenza di uscita che si confronta con quella di ingresso della scheda.
Rispondi
di Aleanimazione1 [user #41172]
commento del 05/09/2018 ore 14:53:21
...no no, era uguale anche con l'ampli in negozio.
Rispondi
di Aleanimazione1 [user #41172]
commento del 05/09/2018 ore 19:40:43
Oggi ho provato una chitarra identica e identica è la reazione del pot. Quindi tutto nella norma.
P.S. nonostante quel che si dica, che le chitarre di questa fascia siano ormai frutto di procedimenti meccanicizzati, io ci ho trovato differenze sia sul ponte che nella parte retro del manico.
Vi è mai capitato?
Per carità, posso essermi sbagliato, forse faceva caldo e magari non ero in forma, ma il manico che avevo tra le mani mi sembrava tutto fuorché un modern C e le viti delle sellette dei cantini mi sembravano più basse essendo già ai limiti e l'altezza corde identica alla mia (io ho ancora spazio per almeno un 2/3 mm).
Un grande muah...e comunque se fosse sono molto felice di essermi preso il pezzo di legno buono :) .
A voi è mai capitato di avere un'impressione del genere?
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
ACCORDO ti piace? Da oggi puoi renderlo più utile e interessante
C4 Synth: synth modulari per chitarristi
Chitarre e ampli da EVH per il Summer Namm
Jackson rinnova per il Summer Namm
Moonlander: 18 corde per la chitarra lunare
Tre super-Strat da Charvel per il Summer Namm 2019
Timing, plettro e altre storie
Silverwood: torna “il meglio” del catalogo Supro
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964