CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Come scegliere le valvole?

di [user #24953] - pubblicato il
Cosa consigliereste a un niubbo dei tubi?

Ciao a tutti. Sono un felice possessore di una testata peavey triple x. tra di voi, c'è chi mi sa spiegare (essendo il mio primo approccio alle valvole) come si capisce che le valvole sono da cambiare? Ovviamente, se guardando dietro vedo che una valvola è andata è palese, ma immagino che comunque ci sia un momento di calo. Ecco... da cosa si capisce?

inoltre, sincramente non so che valvole ci siano montate ora, ma vorrei qualche consiglio su cosa mettere in futuro...suono, ecc...non posso metterne un tipo a caso, sperando mi piacciano....per dire, in giro ho visto valvole mesa, engl, groove, sovtek...thd, mi pare, anche....siccome sento molti dire cambiare le valvole ad un ampli vlvolare è delicato perchè la valvola diversa cambia molto il suono....come influiscono queste sul suono? Consigli?

Dai che io con le valvole ci sto facendo confidenza ora dopo mesi che le ho ^^

Dello stesso autore
Collegare finale rocktron a cassa
Quale pick up per telecaster J5?
Noise gate, ma quale?
Bassisti venite a me!!!
ODDIO, MI S'E' SPEZZATA UNA MECCANICA......e mo'?
Tubemeister 36 o carvin v3 m?
Un semplice parere personale da parte vostra
Sette corde o sei corde tragicamente abbassata?
Loggati per commentare

Le valvole le uso da 45 anni.
di FBASS [user #22255]
commento del 16/07/2011 ore 16:0
Ma non solo sugli amplificatori per strumenti, bensì su HI-Fi, trasmissione in RF ecc.ecc., prima di tutto occorre un provavalvole per stabilire se una valvola è andata, empiricamente potrebbe essere un segnale l'arrossamanto del complesso griglie-anodo-catodo, ma se nessuno ha toccato le regolazioni del Bias, poi la mancata lucentezza nel riflesso della argentatura superiore, il rumore da vetri vaganti nell'agitare leggermente le stesse fuori opera. Ma il consiglio che do sempre è di usare valvole di produzione Americana ( attenzione però, non badate alla marca segnata sul vetro della valvola di marche d'ampificatori, bisogna ricordarsi che spesso non le producono loro ) quali RCA, Motorola, Sylvania, General Electric, ecc. oppure le europee come le Mullard, Sicte, Philips, Telefunken, SGS Ates, le sovitiche e le cinesi io le cambio subito poichè no le reputo all'altezza delle precedenti, specialmente le finali e le raddrizzatrici, poi le marcate Fender sono quasi tutte General Electric (GE), e non cambiare mai le 6L6 con le EL34 anche se hanno la stessa piedinatura, per le potenze, con 2 x EL84 e 2 x 6V6 abbiamo 15/18 W con 350 Vcc di anodica, mentre con 2 x 6L6 e 2 x EL34 abbiamo 45/54 W con 405 Vcc di anodica, per 100 W ce ne vogliono 4 cioè doppio Push-Pull, le KT88 sono più simili alle EL34, e rispettate le invertitrici di fase, ho trovato delle ECC83-12AX7 al posto della prescritta 12AT7-ECC81, Franco.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg
Daniel Kelly II è il vincitore del “Shure Drum Mastery 2019”
Brexit Guitar: dreadnought satirica da Martin
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp
Cool Gear Monday: la demo originale del primo Maestro Fuzz-Tone
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Eco a nastro: sono davvero un capitolo chiuso?

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964