CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Novant'anni fa ...

di [user #19455] - pubblicato il
Mamma Rai in questo momento sta celebrando i cento anni di vita del CONI, fondato il 10 giugno 1914.

A me invece piace ricordare che novanta anni fa, il 10 giugno 1924, moriva per mano di una squadraccia fascista il deputato socialista Giacomo Matteotti.
Su di lui si è scritto tanto, e si è fatta anche un bel po' di retorica.
Ma è fuori di dubbio che egli non esitò un attimo a mettere a repentaglio la propria vita per amore di libertà.
E per poco, con la sua morte, non riuscì ad assestare al giovane ma già autoritario Fascismo un colpo mortale.


Non meno triste il 10 giugno del 1940, giorno in cui l'Italia entrò nella II guerra mondiale.
Circa 500mila morti tra civili e militari, un Paese in rovina, un odio fratricida di cui ancora resiste il ricordo.


Lo sport è cosa bellissima e degna di grande rispetto, ma anche i nostri morti (tutti, indistintamente) meritano di essere ricordati.


Dello stesso autore
Curiosità
Chi la fa, l'aspetti.
People: agorà o social network?
E' morto Pino Daniele
33 ° CONCORSO INTERNAZIONALE PER GIOVANI PIANISTI
Sarajevo
Serenade
Federico II University Music Festival
Loggati per commentare

bell'articolo.. ... grazie ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 10/06/2014 ore 23:37:38
bell'articolo.. ... grazie
Rispondi
Re: bell'articolo.. ... grazie ...
di jebstuart [user #19455]
commento del 11/06/2014 ore 00:50:59
grazie a te .... :-)
Rispondi
In compenso (si fa per ...
di Cukoo [user #17731]
commento del 10/06/2014 ore 23:42:15
In compenso (si fa per dire), RAI radio 3 ha fatto un bel programma su Matteotti, oggi pomeriggio.
Rispondi
Re: In compenso (si fa per ...
di jebstuart [user #19455]
commento del 11/06/2014 ore 00:55:12
Sicuro, come era da aspettarsi.

Mi secca un po', però, questa deliberata "desufflazione" della coscienza e della vis etica del nostro Paese, con la televisione che si fa maestra di disimpegno e le nuove generazioni che - pur intelligentissime, studiose e preparate, sia chiaro - sono sempre più pilotate verso un panem et circenses che mi agghiaccia.

Ma, si sa, noi siamo vekki bakukki ed il mio è solo un innocuo sfogo.
Rispondi
eh si sotto coltri d'amianto ...
di paserot [user #21075]
commento del 11/06/2014 ore 01:22:06
eh si sotto coltri d'amianto diossina rifiuti radioattivi ci sono i nostri morti dimenticati li assieme a tutti i nostri errori
strato dopo strato
Rispondi
Re: eh si sotto coltri d'amianto ...
di jebstuart [user #19455]
commento del 11/06/2014 ore 20:43:52
Hai perfettamente ragione, ed è un'immagine significativa quella che evochi.

Come ho scritto più di una volta, il Ventennio ha lasciato alla generazione che lo seguì il sacro terrore della retorica, ma anche dei valori di identità (ed orgoglio) nazionale. Nazionale, dico, e non nazionalistico.
Ed a forza di sputare nel piatto in cui mangiavamo, abbiamo trasformato quel piatto in una sputacchiera.
Rispondi
Basta leggere due o tre grandi libri per capire che periodo fu...
di FBASS [user #22255]
commento del 11/06/2014 ore 09:25:46
Il ventennio e che io consiglio sempre ai giovani, il primo è "Nudi alla Meta" di Aldo Lualdi, edizioni Longanesi , poi ci sono due grandi cult, "il Sergente nelle Neve " di Mario Rigoni Stern ed "Alamein 1933-1962" di Paolo Caccia Dominioni, per farci conoscere come hanno inviato a combattere in nostri ragazzi, sia in Russia che in Africa del Nord... poi vi sono anche tanti altri testi. Oggi però i giovani sembrano non tenerne conto di come sono andate realmente le cose e che conto salato c'è costato il tutto...ricordo che lessi tanti anni fa un articolo, "Veleni sui banchi di scuola" s'intitolava, peccato che l'arterosclerosi me ne abbia cancellato il ricordo, però rammento che ci fu in programma a luglio 1943, peccato non sia poi pervenuta ai posteri, una conferenza sull'"Apporto Animico Spirituale al Biotipo Italico del PNF" citata, se la memoria non m'inganna, nel primo libro di cui sopra ed in cui sarcasticamente si evidenziava lo stato del citato "Biotipo Italico" che non se la passava tanto bene e con le pezze sul sedere.... in quel tragico 1943; ma innanzi tutto onore a Giacomo Matteotti, al suo coraggio in un periodo in cui si era ancora tanto vicino alla "Marcia su Roma" ed alle contestazioni del primo dopo guerra che generò poi il tutto, fascismo compreso, Ciccio il Napoletano.
Rispondi
Re: Basta leggere due o tre grandi libri per capire che periodo fu...
di jebstuart [user #19455]
commento del 11/06/2014 ore 21:28:44
Non so cosa darei per leggere gli Atti della Conferenza ...

Grazie del commento, Ciccio :-)
Rispondi
Revisionismo
di aPhoenix90 [user #22026]
commento del 12/06/2014 ore 17:00:00
Il mondo sta attraversando, specie in campo squisitamente culturale, un periodo di minuzioso revisionismo.
Non siamo riusciti ad evitare la deriva di una società in costante caduta libera, ma anziché provare a salvare il futuro eccoci a cercare di riscrivere il passato. Giusto per ridistribuire l'ordine delle responsabilità.

Ciao Jeb!
Rispondi
Re: Revisionismo
di jebstuart [user #19455]
commento del 13/06/2014 ore 23:10:43
In realtà il Mondo attuale è insopportabile.

E' vero che alcuni importantissimi diritti sono salvaguardati (per i cittadini dei Paesi sviluppati), ma è ugualmente vero che in Occidente impazza una decadenza di valori ed abilità culturali, mentre nei Paesi poveri praticamente non si è fatto alcun passo avanti dai tempi della concessione delle indipendenze.

E tornando all'Occidente, ci sono oggi capipopolo ed opinion leader da operetta.
Se tornasse in vita, uno come Spadolini sembrerebbe Theodore Roosvelt.
Rispondi
molto bello. ...
di superloco [user #24204]
commento del 13/06/2014 ore 16:18:00
molto bello.
Rispondi
Re: molto bello. ...
di jebstuart [user #19455]
commento del 13/06/2014 ore 22:59:06
Grazie, Super :-)
Come va?
Rispondi
Re: molto bello. ...
di superloco [user #24204]
commento del 14/06/2014 ore 11:51:43
insomma, la storia è complicata il mondo difficile
ma il carattere è forte
un po' come il tuo
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp
Cool Gear Monday: la demo originale del primo Maestro Fuzz-Tone
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Eco a nastro: sono davvero un capitolo chiuso?
Boss RC-10R: loop station stereo con drum machine
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
Il palco degli Skunk Anansie all’Arena Flegrea
Boss SY-1: il synth polifonico si fa stompbox
GR BASS Dual 1400
Dolcetti in Rolls Royce
I Toto in Italia per i 40 anni di carriera
Antonello D’Urso: la finitura cambia il suono di una chitarra
Entry level estremo da Vintage con Paul Brett
Gretsch Trestle Bracing e Sound Post: cosa cambia

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964