CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Non è basso, non è chitarra: è Tic-Tac Bass
Non è basso, non è chitarra: è Tic-Tac Bass
di [user #4093] - pubblicato il

I moderni bassi e chitarre a range esteso si vantano di aver reso labile la linea di confine tra i due strumenti, ma già negli anni '50 e '60 del secolo scorso ne esisteva uno giusto a cavallo tra chitarre elettriche e contrabbassi. Il modo di suonarlo ha dato vita a uno stile nuovo, e il suo nome è Tic-Tac Bass.
Tutti sappiamo che una band che si rispetti deve avere un bassista e un chitarrista. Il primo copre il range dei bassi, il secondo quello dei medio-alti. Diciamo che questo è uno standard a cui tutti siamo abituati. Eppure non molto tempo fa, specie a Nashville, patria della produzione musicale per alcuni decenni, questa non era la formula assoluta.
Sì, perché tra il chitarrista e il bassista esisteva una figura di mezzo, fondamentale per il risultato sonoro finale. Era il "Tic-Tac Bass Player", non un chitarrista, ma nemmeno un bassista. Era un personaggio che, negli anni '50 e '60, suonava una chitarra baritona (la più quotata era la Danelectro 6 Strings Bass) con un stile tutto proprio, a volte doppiando le linee del basso (o del contrabbasso) stoppando il suono delle corde ed eseguendo le parti rigorosamente col plettro su un ampli Fender Deluxe, col riverbero ben presente (nei sixties), di modo da poter sfruttare lo squash della molla come complemento fondamentale del suono.

Non è basso, non è chitarra: è Tic-Tac Bass

La storia del Tic-Tac Bass affonda le sue radici in qualche anno prima, quando, negli anni ’40, la musica country veniva eseguita con i primi e rudimentali strumenti elettrici (chitarre archtop con i primi pickup e lapsteel) accoppiati ai classici strumenti acustici, quindi chitarre dreadnought, violini, contrabbassi e mandolini. Non c'era alcuna batteria: sarebbe stato un sacrilegio per quel tempo. La batteria verrà introdotta quasi a forza - e vista come un'esagerata forzatura al sound - qualche anno dopo grazie alle grandi innovazioni di alcuni personaggi come Chet Atkins, ma questa è un’altra storia.
Nelle formazioni dell'epoca, il ruolo del chitarrista acustico era di scandire il tempo, suonando 1-2-3-4. Il bassista spesso accentuava il 2 e il 4. E il chitarrista elettrico? Non si poteva limitare a fare gli assolo (che spesso erano brevissimi) o a ricamare con frasi solistiche tutto il tempo (c’era anche il violino), quindi i chitarristi elettrici cominciarono a doppiare le linee di basso, stoppando le note, generando il suono che poi i batteristi emuleranno con il famoso rimshot che riempie le registrazioni della musica country degli anni '50, da Buck Owens a Ray Price.

Le registrazioni di Hank Williams sono piene di questa sonorità, infatti i chitarristi che si sono alternati nei Drifting Cowboys, la band di Hank, usavano questa tecnica esecutiva sia dal vivo sia in studio. Gli stessi "vaccari alla deriva", traduzione letterale del nome della band del colosso della musica country, per un periodo accompagnarono Ray Price, che divenne un altro nome gigantesco della musica country americana, portando anche su di lui quel sound così caratteristico. Luther Perkins, chitarrista alla corte del sommo Johnny Cash, ha suonato per una vita intera (breve a dir la verità, visto che morì nel 1968 bruciato a casa sua per colpa di una sigaretta cadutagli dalle mani mentre si addormentava sul divano, ma anche questa è un'altra storia) imitando il tic-tac sound che sentiva nelle registrazioni dei suoi eroi, modulato però per il man in black allargando le linee di esecuzione e facendo addirittura degli assolo con questa tecnica minimale. Ma il vero eroe di questo modo di concepire il sound generale è Harold Bradley, un signore che oggi ha novant'anni e può tranquillamente essere considerato uno degli eroi sconosciuti della storia della musica moderna.

Non è basso, non è chitarra: è Tic-Tac Bass

Per 63 anni è stato nel music biz di Nashville ed è probabilmente tra i chitarristi più registrati della storia. Era fratello di Owen Bradley, una pietra miliare della musica moderna, colui che negli anni ’40 fondò il famoso Quonset Hut Studio a Nashville e mise insieme un manipolo di musicisti incredibilmente talentuosi come Grady Martin (il primo chitarrista della storia a "legalizzare" il suono della chitarra distorta), Bob Moore e Buddy Harman.
Owen è considerato, insieme a Chet Atkins e Bob Ferguson, uno degli architetti del Nashville Sound, quel suono che portava la musica country verso il pop (il pop degli anni ’50, sia chiaro). Tecnico di studio e produttore esperto, sapeva che il risultato finale era fatto di tanti piccoli tasselli dove classe e talento dovevano primeggiare. Per questo chiese al fratello Harold, inizialmente un "classico" chitarrista e banjoista, di arricchire le sessioni col suono di quella strana chitarra col manico lungo. Fu così che Harold cominciò a condire le registrazioni con quel tono che può essere definito solo in maniera onomatopeica: Tic-Tac Bass.
Harold ha fatto sì che questo suono in mezzo tra il basso e la chitarra, che scandisce perfettamente la ritmica, che a volte disegna dei riff fondamentali o esegue dei solo memorabili, diventasse uno standard in quelle produzioni. Lo useranno Johnny Horton (da sentire "Honky Tonk Hardwood Floor"), Patsy Cline (la sua "Crazy" ne è l’esempio più lampante), Ernest Tubb (ascoltate la bellissima "Thanks A Lot") ma anche Elvis (la canzone "Return To Sender" ne è manifesto) e una miriade di altri (Waylon Jennings, Willie Nelson, Roy Orbison, Buddy Holly, Johnny Paycheck, Lefty Frizzell).
Le informazioni sulle registrazioni sono spesso confuse visto che, oltre Harold, questo tipo di strumento lo suonavano anche Grady Martin e Leon Rhodes (membro dell’A-Team del famoso studio il primo, sideman per anni di Ernest Tubb il secondo ), ma una cosa è certa: la scuola di esecuzione è quella di Harold, insomma è lui a dettare le regole su come si usi la chitarra accordata una quarta sotto all’interno dell'ensemble.

Non è basso, non è chitarra: è Tic-Tac Bass

Su questo argomento ne ho sentite tante negli anni: è un Precision suonato col plettro e con le corde lisce, nell’ampli con i bassi a zero e gli acuti a manetta, è una chitarra "droppata", e svariate altre teorie. Ma la verità è una sola: un Precision col plettro suona come un Precision col plettro, idem una Telecaster droppata. Una Danelectro 6 Strings Bass suona come quello che sento sui dischi (in sostituzione è bellissimo pure il Fender Six Strings Bass, che non è quello a cui John Patitucci ci ha abituato, bensì una chitarra baritona dalle fattezze di una Fender Jaguar).

Non è facile trovare informazioni riguardanti questo modo di suonare, tantomeno video dove si possa apprezzare il "peso" di queste note in mezzo. Però qualcosa sono riuscito a selezionarla. Partiamo da questa splendida perfomance di Les Merrill, padre di Buddy Merrill (il chitarrista con la Stratocaster che si vede nel video), cantante sublime, che esegue un brano in compagnia del figlio alla Strat e di Neil Levang al Fender Bass VI suonato con un impeccabile stile Tic-Tac durante il Lawrence Welk Show del febbraio del 1963 (andatevi a vedere i filmati di Buddy Merrill nello stesso show per apprezzare cosa può fare una Stratocaster nelle mani giuste... ma pure questa è un’altra storia).



Di seguito, quindi, un filmato dove è il grande Harold Bradley a fare da protagonista. Si tratta di un video abbastanza recente, ossia del footage della registrazione del disco di Chuck Mead in tributo proprio al Quonset Hut Studio di Nashville. Chuck ha registrato in quelle stanze alcuni dei pezzi più famosi incisi lì negli anni '50, cercando di ricreare gli stessi arrangiamenti e lo stesso mood. Dovendo registrare "Honky Tonk Hardwood Floor", l’uso della Danelectro baritona era d’obbligo, e quindi perché non chiamare proprio colui che col suo Tic-Tac la incise alla fine degli anni ’50?



Spero che questa panoramica su un aspetto forse dimenticato, forse passato in disuso, del nostro amato strumento a sei corde possa essere servito ad apprezzare la musica di un’era d’oro.
bassi elettrici chitarre elettriche danelectro fender six string bass
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Lakland Skyline 44-64 CUST PJ IL WHITE + MONO M80 STEALTH IN OMAGGIO (VALUTIAMO PERMUTE)
di Gas Music Store
 € 1.499,00 
 
ASHDOWN Low Rider 4 CAR
di SLIDE
 € 1.190,00 
 
CORT Gb54jj Nat BASSO ELETTRICO SOLID-BODY
di Musicanova
 € 369,00 
 
IBANEZ - SR300ENST
di Music Works
 € 299,00 
 
ESP LTD B-204SM - Natural Satin
di Centro della Musica
 € 479,00 
 
Buttarini Flametone Jazz Bass 70 Candy Apple Green Relic
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.300,00 
 
Sterling by Music Man SB14BP STERLING 4 Blue Pearl,Preamp Attivo. Spediz Inclusa
di Dream Music Studio
 € 755,00 
 
Fender American Professional II Jazz Bass Maple Fingerboard Roasted Pine
di Music Island
 € 1.679,00 
Nascondi commenti     27
Loggati per commentare

di mmas [user #15948]
commento del 18/09/2016 ore 08:27:0
Grazie Diego, articolo molto interessante!
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 18/09/2016 ore 08:55:32
articolo molto bello.. grazie.. A mio parere gli strumenti a metà strada fra basso e chitarra possono essere oggi riscoperti grazie al grande sviluppo degli effetti sia analogici che digitali.
Nel senso che se oggi, per fare una cosa strana, ci andasse di fare il basso con una baritona o con un basso "tic tac", gli effetti ci permettono facilmente di farli diventare mostri di profondità e presenza.
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 19/09/2016 ore 16:13:40
beh da possessore di un danelectro bass IV, accordato in pure stile Bradley, ossia una quarta sotto, posso assicurarti che quel suono lì non lo ottieni con nessun effetto, il "ring" delle corde, il "twang" dei lipstick, quel suono svuotato della cassa in legni di riciclo ecc ecc.....ma è anche vero che è un suono a senso unico, utilizzabile quasi ed esclusivamente in quel contesto musicale di cui parlo nell'articolo
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 20/09/2016 ore 00:00:48
non mi sono spiegato bene .. (anche io uso danelectro, dynelectron e bass vi) .. ci riprovo:

hai perfettamente ragione, QUEL suono lo ottieni con QUEGLI strumenti, stop.

Quello che si può fare oggi, con gli effetti, è aggiungere a tale suono quella profondità a cattiveria che alcuni generi richiedono.

Io, per esempio, con la dynelectron baritona e il bass vi, "pompando" ma senza stravolgere, ho fatto addirittura parti di basso su brani trance e techno ..

e la pensava in modo simile John Entwistle, in un'intervista dice, pressappoco, che ha cominciato negli Who con Danelectro, ma poi, avendo bisogno di più spinta, ha dovuto abbandonare. Dice anche, appunto, che ciò è stato necessario soprattutto perchè a quei tempi non c'erano effetti, eq, compressori ecc. ecc. che gli avrebbero permesso di "adeguare" il suono del Danelectro alle sue esigenze..

spero di essermi fatto capire meglio.. ciao!!!
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 20/09/2016 ore 13:06:36
hai perfettamente ragione, non avevo capito il senso della risposta eheheeh
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 20/09/2016 ore 17:58:40
:-)
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 18/09/2016 ore 09:00:14
baritona .. (partendo dalla corda più bassa) Si, Mi, LA, RE, FA#, SI .. meno di frequente: LA, RE, SOL, DO, MI, LA ...

bassi "vintage" a sei corde : MI, LA, RE, SOL, SI, MI (un'ottava sotto la chitarra "normale", come il basso a 4 corde con in più le corde del SI e del MI)
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 18/09/2016 ore 10:45:07
Un metodo e maestra per queste cose è Carol Kaye parte del famoso Wrecking Crew di Los Angeles. Feltro al ponte come muta e certe volte anche aggiungendoci sopra un nastro adesivo su un basso Fender normalissimo suonando con plettro durissimo vicino a manico. Logica e ragione era di togliere frequenze basse per registrazioni destinate a dischi che andavano in radio e su giradischi lo-fi in Mono. Vi è una infinità di dischi registrati così con Kaye al basso - colonne sonore, dischi Pop e anche rimpiazzando bassisti di bands il cui bassista doveva imparare quello che aveva inventato. La dritta mi è stata passata da... un contrabassista Jazz!
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 18/09/2016 ore 11:41:04
Ottimo riferimento. Ma il tic tac bass è un'altra cosa. Con un altro suono e un'altra tecnica esecutiva, tanto che non era in sostituzione al basso, ma a completamento del range
Rispondi
di Capra_Poliuretanica utente non più registrato
commento del 18/09/2016 ore 10:54:24
"Tutti sappiamo che una band che si rispetti deve avere un bassista e un chitarrista."

Wow! Ho appena scoperto che la mia band non è rispettabile! :-D

Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 18/09/2016 ore 11:28:13
Ciao. Il mio riferimento è sempre alle band e alla musica degli anni 40-50-60. Dove il range sonoro era, per forza e di cose e limiti tecnici, quello
Rispondi
di Capra_Poliuretanica utente non più registrato
commento del 18/09/2016 ore 15:46:10
Tranquillo, stavo scherzando.
Anche se il basso non ce l'abbiamo per davvero.
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 18/09/2016 ore 16:22:04
Beh quantomeno non avrete problemi col bassista che si sente un chitarrista mancato ;)
Rispondi
di Capra_Poliuretanica utente non più registrato
commento del 18/09/2016 ore 17:47:5
No, siamo già due chitarristi che si sentono chitarristi mancati un'altro in più non ci voleva.
:-)))
Rispondi
di warburg [user #43590]
commento del 18/09/2016 ore 11:16:33
grazie, gran pezzo
Rispondi
di eugenio01 [user #39191]
commento del 18/09/2016 ore 13:06:14
--->quindi i chitarristi elettrici cominciarono a doppiare le linee di basso,
L'orchestra di Count Basie pure lo faceva...effetto irresistibile :-)
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 18/09/2016 ore 13:48:56
Grazie!!! Non sapevo!!! Mi indichi qualche brano???
Rispondi
di eugenio01 [user #39191]
commento del 18/09/2016 ore 15:52:10
moten swing e shiny stocking si sente bene l'effetto... era proprio un marchio di fabbrica.suo e di freddie green...l'action di quella chitarra era quasi un dito. Quando suonava tante note erano bicordi..se no doppiava il basso. Devi cercare le incisioni vecchie non quelle degli ultimi anni
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 18/09/2016 ore 16:20:06
Grazie! Lo farò per certo!!! Però attenzione il "tic tac bass" è altro....
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 19/09/2016 ore 14:49:15
Grazie per l'articolo di cultura musicale. Però devo dire che al momento, almeno da noi, con la difficoltà di conciliare gli impegni, meno gente c'è nella band meglio è (purtroppo).
Ciao
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 19/09/2016 ore 16:11:00
vero, ma sono anche cambiate le "mode" musicali....si tende a suoni più scarni....ecc ecc....
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 20/09/2016 ore 09:01:55
In realtà sui suoni non concordo: oggi esistono miglioni di accrocchi che ti permettono di avere sei suoni diversi scaturenti da un solo strumento, il problema è che suonano tutti la stessa cosa, non c'è contrappunto o accompagnamento vero e proprio. Di recente ho visto alcune esperienze di power duo in ambito metal: tra chitarre a 7/8 corde, pitch shifter, produttori di cori per la voce, si sentivano i suoni di 5 persone, peccato che fosse tutto uguale e molto.
Ciao
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 20/09/2016 ore 13:08:40
mi sono espresso male, scusa, non intendevo suoni scarni come sonorità, perchè i prodigi tecnologici ci hanno permesso tonnellate di sonorità diverse, ma combo e formazioni più scarne......
Rispondi
di FBASS [user #22255]
commento del 21/09/2016 ore 22:48:45
Tempo fa ne feci un articolo ove si parlava del suo suono "Ad Elastico Rilasciato", fu usato nelle colonne sonore degli "Spaghetti Western" con l'uso del reverbero e c'è una disputa sulla data di prima produzione, alcuni dicono 1956 altri 1958, comunque aveva un diapason a metà tra la chitarra ed il basso a scala corta, cioè 27,5 pollici, aveva un solo pickup Lipstick. Ho cercato di comperare una Danelectro baritona per ben 3 volte ma ho dovuto desistere perchè non disponibile in loco ed ho ripiegato sullo Squier VI che è più un basso avendo il diapason da 30,5 pollici ( di Danelectro ho avuto il basso Long Horn a 4 corde ed ora posseggo una Silvertone Amplicase del 1961 ), comunque bell'articolo, FBASS.
Rispondi
di Don Diego [user #4093]
commento del 21/09/2016 ore 22:50:19
ciao e grazie! Mi linkeresti il tuo articolo? Era Enrico Ciacci a suonare il Fender VI? Mi piacerebbe approfondire l'argomento....
Rispondi
di FBASS [user #22255]
commento del 21/09/2016 ore 23:02:25
vai al link Con EnricoCiacci siamo amici tramite facebook e non me l'ha mai confermato, abbiamo parlato solo dell'assolo di "Titoli che l'ha eseguito con la Stratocaster ( io lo mettevo sempre in diffusione dalle trombe esponenziali Geloso che erano posizionate sul campo di calcio dell'Oratorio Salesiano di Bellavista, ove ho mosso i primi passi nei gruppi, allora "Complessi Musicali" ), FBASS.

Rispondi
di kithara [user #24622]
commento del 02/11/2018 ore 14:06:27
WOW!!!!! Grazie Don Diego, articolo fighissimo e esaltante, nel senso che adesso ho una nuova fissa!!! Non ho mai saputo cosa fosse quel "twang" così strano e peculiare che sentivo nei vecchi dischi country e nei film Western, fin da quando ero piccino. Ora, ho solo voglia di una vecchio Dano VI!😍
Rispondi
Altro da leggere
La Mariposa diventa Sterling
Fiore è la prima PRS di Mark Lettieri
Fender a base di P90 per il 2021
Fender sta per tornare: più ricco che mai
Una pentatonica per suonare Lidio
Eastwood MRG, il basso ispirato al mandolino
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964