CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
I temi chitarristici più caldi del 2018
I temi chitarristici più caldi del 2018
di [user #116] - pubblicato il

Il fallimento di Gibson, la rivoluzione del catalogo Fender, l'esplosione del digitale e un futuro al femminile. Nel 2018 non ci si è certo annoiati.
Il 2018 è stato un anno turbolento per gli appassionati delle sei corde. Proprio quando i chitarristi cominciavano a riprendersi dalla bomba che a inizio 2017 ha provocato una forte stretta all’uso del palissandro e si cominciava a fare ordine su come mettere in regola i propri strumenti con il CITES, ecco che ne esplode un’altra ancora più forte: nei primi mesi dell’anno, Gibson dichiara prima guai finanziari e conferma poi ufficialmente la bancarotta.
Tutto è in divenire, nemmeno i colossi sono immuni ai movimenti del mercato e i cataloghi si muovono di conseguenza. La Brazilian Dream dedicata a Slash, da pochissimo nominato ambasciatore Gibson nel mondo, è la chitarra più costosa in produzione ma l’attenzione del marchio si sposterà presto verso altri lidi. L’autunno ha infatti visto il grande ritorno della The Paul, l’immortale single-cut di casa rivista in una versione accessibile e minimale, ispirata all’omonimo modello che ha popolato il catalogo per un breve periodo ormai diversi decenni fa, attirandosi simpatie e altrettante antipatie dal pubblico. Nel 2019, i riflettori saranno senz’altro puntati proprio su Gibson, in quanto solo il tempo dirà quanto le scelte operate dalla nuova gestione saranno azzeccate.



Anche Fender ha fatto parlare di sé, ma su tutt’altri registri. Il 2018 ha segnato il passaggio alla distribuzione autonoma sul territorio europeo e italiano, senza intermediari. La primavera è iniziata con un bell’annuncio di lavoro avanzato proprio da Fender Italia e un catalogo quanto mai ricco e variegato ha fatto eco sul web e nei negozi durante i mesi successivi.
La serie Parallel Universe ha fatto discutere in più occasioni, smuovendo l’interesse di tutti gli appassionati, come anche la scelta di rivedere la produzione di stampo vintage con le American Original, la gamma messicana con le Player e quella made in USA con le American Performer, mostrate anche in anteprima mondiale qui su Accordo.



In tutto questo movimento, mamma Fender si è lasciata sfuggire uno dei suoi artisti più caldi e PRS non ha aspettato un minuto per agguantare al volo John Mayer, con il quale ha svelato la Silver Sky, uno degli stratoidi meglio riusciti degli ultimi tempi.

La formula delle solid body californiane è senza età e anche Ibanez ha voluto ammiccare al mondo della Stratocaster con una solid body costola della RG, ancora moderna per impostazione ma dal carattere più retrò e convenzionale. La serie AZ ha già catturato il cuore di milioni di appassionati, ha trovato un posto nelle rastrelliere di numerosi artisti affermati e promette grandi cose per l’anno venturo.



Sul versante elettronico, il digitale è stato uno dei temi più ricercati e discussi dai musicisti. D’altra parte, come già analizzato qui su Accordo, ormai il mondo virtuale è maturo a sufficienza da trovare agevolmente posto nei rig degli hobbisti quanto dei professionisti, e fa schifo solo nei ricordi nostalgici dei chitarristi d’altri tempi.
La Boss GT1000 è stata tra i ritrovati digitali che più hanno smosso l’attenzione dei lettori di Accordo, nei numerosi approfondimenti e nella prova sul campo a questo link.
Il 2018 ha visto anche la vertiginosa crescita dei sistemi compatti, vere e proprie multieffetto ingabbiate in dispositivi dalle dimensioni e dalle modalità d’uso prese in prestito dagli stompbox classici, come il Line 6 HX Stomp, ultimo arrivato della fortunata serie Helix.



L’anno si conclude con una riflessione riguardo chi, sopra quegli strumenti, ci mette le mani ogni giorno. Secondo il The Guardian, i musicisti più interessanti degli ultimi tempi sono tutti donna e quasi mai incentrano la loro carriera su esibizioni funamboliche o tecniche d’avanguardia. Il futuro della chitarra sembra essere in gonnella, con una super-Strat tra le mani e collegato a un potente processore virtuale. Se così sarà, lo dirà il tempo.
boss chitarre elettriche curiosità effetti e processori fender gibson ibanez line 6 prs
Link utili
CITES: quando serve e come ottenerlo
Gibson annuncia la bancarotta
Slash diventa ambasciatore Gibson
Gibson Brazilian Dream, la più costosa del 2018
Gibson The Paul
Opportunità di lavoro da Fender Italia
Strat Tele Hybrid Parallel Universe
Fender American Performer
Fender American Original
Fender Player messicane
PRS Silver Sky
Ibanez AZ
Boss GT1000
Line 6 HX Stomp
Il digitale fa schifo solo nei tuoi ricordi
Le ultime speranze della chitarra secondo The Guardian
Mostra commenti     10
Altro da leggere
Let it (Treble) Bleed
Il lato oscuro della Squier Telecaster Classic Vibe
PRS è anche effetti a pedale
Tipi da sala prove: i miei preferiti
RC-600: in prova la loop station ammiraglia BOSS
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964