CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Corde a martelletto: tutti lo vogliono ma non piace a nessuno
Corde a martelletto: tutti lo vogliono ma non piace a nessuno
di [user #116] - pubblicato il

Ciclicamente viene fuori un nuovo accessorio che intende stravolgere il suono della chitarra e l'approccio della mano destra trasformando il suo lavoro da pizzicato a martellato, promettendo rivoluzioni sonore ed espressive. L'interesse c'è, ma sembra che il segreto del successo sia altrove.
Tra i jazzisti metropolitani, quando si organizza un concerto e si nota che il pubblico è praticamente composto solo da altri musicisti di jazz, tutti già in programmazione nello stesso locale con le loro formazioni per le serate successive, si è soliti fare considerazioni di questo tipo: "il jazz, sono più quelli che lo suonano che quelli che lo ascoltano". Ecco, si potrebbe dire lo stesso dell'idea di suonare la chitarra come un pianoforte, picchiettando le corde in modo percussivo anziché strappandole alla maniera tradizionale.
Il pianoforte, per picchiare le corde, usa dei martelletti azionati dai tasti, e naturalmente anche sulla chitarra l'ideale sarebbe ricorrere a un aiuto meccanico: dare delle schicchere con le dita sulle corde non è certo il massimo per l'espressività e il suono. Per questo, negli anni, sono nati diversi attrezzi, tutti partoriti dall'impellente necessità dei loro creatori di rivoluzionare l'approccio della mano destra sulla chitarra.

Corde a martelletto: tutti lo vogliono ma non piace a nessuno

A qualcuno negli anni '70 dev'essere sembrata una buona trovata montare una scatoletta in fondo al manico con dei veri e propri tasti che, attraverso un sistema di leve, colpiscono le corde per imitare la prassi pianistica. Si chiamava Keetar, ed è forse il primo tentativo di regalare alla chitarra una nuova sonorità dall'attacco deciso e con il controllo della dinamica più esteso proprio del pianoforte, almeno su carta.
Il risultato era carino, ma non abbastanza perché la cosa prendesse piede, o quantomeno importasse a qualcuno della scomparsa del Keetar dalle scene di lì a poco.



Passano gli anni e qualcun altro pensa che quella strada forse non era stata battuta a sufficienza. Nei primi anni '90 arriva l'Hammer Jammer, un dispositivo da montare sul ponte, stavolta con parti meccaniche a vista e con un principio funzionale del tutto simile. È ingombrante, la scocca sembra uscita direttamente dalle fabbriche Nintendo, e anche lui finisce presto nel dimenticatoio.

I chitarristi però hanno la memoria corta, e qualche anno fa qualcuno ha notato degli invenduti dell'Hammer Jammer su Internet. In pochi giorni, l'apparecchio è rimbalzato per tutto il web, e ve ne abbiamo raccontato la storia anche qui.
Inizialmente creduto una novità dell'ultim'ora, ci si è poi resi conto che l'idea era, come si dice, vecchia come il cucco, e il prodotto pure. Diversamente dagli anni '90, però, i chitarristi si sono dimostrati interessati e si parlava di un grande ritorno dell'Hammer Jammer. Ora l'accessorio è tornato in produzione, con un sito suo e delle demo (di cui l'ultima nel 2015). Nonostante il boom mediatico e le sonorità senza dubbio interessanti, resta un oggetto di nicchia.



Più o meno nello stesso periodo, nel 2013, esce il Guitar Forte. Il concetto è incredibilmente simile a quello dell'Hammer Jammer, come anche la realizzazione pratica, ma di nuovo si parla di innovazione e sperimentazione, tant'è che è partita anche la pratica per il brevetto. Forse la scarsa diffusione dei suoi predecessori è stata tale da fare in modo che l'inventore del Guitar Forte non sapesse nemmeno della loro esistenza. In ogni caso, quella del pianoforte dev'essere sembrata una prospettiva interessante anche a lui, l'ennesimo. Se invece voi non ne avete mai sentito parlare prima d'ora non ve ne crucciate: siete in ottima compagnia. Ancora una volta, l'idea di suonare la chitarra come un pianoforte sembra interessare più a quelli che ci costruiscono attrezzi intorno che ai musicisti stessi.



A ben vedere, forse l'idea solletica davvero i chitarristi, ma in pochi sono disposti a montare un aggeggio simile sui propri strumenti, forse non vogliono spendere somme consistenti per uno sfizio o forse non c'è mai stata la giusta spinta pubblicitaria. Sta di fatto che quello delle chitarre pianistiche resta un cielo fatto di meteore.

Può far riflettere, infine, il fatto che un solo accessorio sia stato così apprezzato dal pubblico al punto di superare i confini nazionali (degli USA) fino ad arrivare tra le mani di diversi musicisti nostrani.
Più o meno contemporaneo del Guitar Forte è il The Engle, un dispositivo che consiste in un semplice martelletto montato su un bastoncino da usare "a mano libera". Lo scopo è ancora una volta quello di passare da una tecnica fatta di corde pizzicate a una basata su colpi secchi.
Più che un pianoforte, il suono prodotto e la tecnica necessaria possono ricordare quella del dulcimer martellato, e sicuramente un grosso punto a favore è quello di non richiedere modifiche sulla chitarra oltre a essere utilizzabile in qualunque momento, solo quando richiesto, e poter essere messo da parte quando non serve più anche senza interrompere l'esecuzione di un brano, come si fa con l'archetto di un contrabbasso.
Non ultimo c'è il fatto che un The Engle può essere acquistato sul sito ufficiale a partire da 20 dollari, contro gli 80 dell'Hammer Jammer e ancora qualcosina in più richiesto per il Guitar Forte.

accessori curiosità guitar forte hammer jammer keetar the engle
Link utili
Hammer Jammer su Accordo
Sito Hammer Jammer
Guitar Forte su Facebook
Sito The Engle
Nascondi commenti     10
Loggati per commentare

di yasodanandana [user #699]
commento del 10/08/2016 ore 20:23:0
non capisco il tono denigratorio.. se questa faccenda piace a pochi, pochi se la compreranno, qual'è il problema?
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 11/08/2016 ore 13:36:07
Non direi denigratorio (l'idea alla base è intrigante), è piuttosto una considerazione sul fatto che, sebbene questi aggeggi continuino a rivelarsi dei flop, ciclicamente vengono riproposti nuovi apparecchi simili e puntualmente presentati come dei "game-changer". Per dire, errare è umano, ma perseverare...! :D
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 11/08/2016 ore 17:04:16
è ovvio che quando uno propone un prodotto, lo proponga come qualcosa che cambierà le sorti del mondo e dell'umanità... e poi siamo sicuri che si tratti di flop?
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 11/08/2016 ore 17:19:05
Certo, se qualcuno lavora su un prodotto e lo commercializza è perché ci crede, ma se più costruttori, uno dopo l'altro, realizzano un prodotto simile che finisce fuori produzione dopo poco (l'Hammer Jammer è tornato solo due decenni dopo, quasi per caso, e tutti sono rimasti di nicchia), credo ci sia un problema di fondo...
Il mio dubbio è: non è che lo fanno perché l'idea, per quanto sfiziosa, finisce per essere così poco diffusa che dopo la sparizione dal mercato se ne perde anche memoria, e ciclicamente qualcuno pensa "non sarebbe male un aggeggio che fa suonare la chitarra come il piano" e ne brevetta un altro senza sapere che qualcun altro l'ha fatto prima di lui?
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 11/08/2016 ore 17:52:44
si tratta di prodotti conosciuti a livello internazionale (non a caso ne stiamo parlando anche noi), per cui non è escluso che, comunque, ne vendano a bizzeffe
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 12/08/2016 ore 10:57:09
Può darsi, ma per ora sono conosciuti solo attraverso ricerche mirate e, di fatto, sembra che in Italia siamo i soli a parlarne. Si trovano info per lo più su vecchi forum statunitensi in tema di curiosità d'altri tempi e attraverso qualche saltuaria asta. Ha fatto un po' di rumore l'Hammer Jammer qualche anno fa, ma non ricordo di aver sentito di questi aggeggi in altri contesti...
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 12/08/2016 ore 11:24:35
se vendi un prodotto ovunque.. è facile che tu venda molto anche se nel singolo paese vendi poco ... :-)
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 11/08/2016 ore 10:37:55
Sarà, però a me piace...
Non nell'ottica di rendere le cose più semplici però mi sembra dia nuove possibilità sonore.
Rispondi
di djangolives [user #4893]
commento del 12/08/2016 ore 07:40:36
notizie dalla nicchia: ho montato un Hammer Jammer su un laud (12 corde, sei cori) ed il risultato è stato eccellente.
naturalmente non puoi simulare un pianoforte ma, con un po' di preparazione, si riesce ad inserire in un brano dei fraseggi stile clavicembalo abbastanza convincenti. in più, avendo un'ampia parte della tavola armonica libera tra il ponte e il tendicorde, ho potuto installarlo senza pregiudicare l'uso normale con plettro o dita.
non è un oggetto "mai più senza" ma qualche piccolo utilizzo (di nicchia) si può trovare
Rispondi
di biolotti [user #13907]
commento del 14/08/2016 ore 23:13:49
Grazie per il bell'articolo su uno strumento singolare. Avendo studiato chitarra classica ricordo che alla fine degli anni settanta era nata l'esigenza di trovare una tecnica chitarristica che fosse più performante circa l'approccio della mano destra, la tecnica di Segovia con la musica da camera era troppo debole e aveva diversi limiti anche circa la velocità. Il Maestro Antonio Gilardino mise a punto una tecnica, ora ampiamente usata dai chitarristi, che prevede proprio la caduta a martello delle dita ma con una angolazione tale che consentisse al dito di uscire liberamente dalla traiettoria imprimendo alla corda una vibrazione dall'alto verso il basso in grado di far risuonare meglio la tavola armonica. Le corde della chitarra non possono risuonare come quelle di un pianoforte, andrebbe studiato uno strumento in grado di percuotere la corda in modo diverso, ovvero ellissoidale e non verticale. Ho ascoltato tutte le esecuzioni dei vari articoli ma non mi hanno entusiasmato come suono, a mio avviso può essere uno strumento interessante ma bisogna lavorare di più sulla qualità del suono che oggi mi pare troppo meccanico. Buone Note a tutti!
Rispondi
Altro da leggere
Boss WL-60: wireless multicanale in formato stompbox
WG5: Carvin in versione wireless
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Cos’è un loop: quello che c'è da sapere su, looper, loop station e switching system
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Performance 3
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964